Seleziona l'Anno Accademico:     2015/2016 2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021
Docente
PIETRO CIARLO (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[1/31]  GIURISPRUDENZA [31/00 - Ord. 2017]  PERCORSO COMUNE 12 96

Obiettivi

Si cureranno 5 dimensioni dell’apprendimento:

1) Conoscenza e comprensione. Gli studenti e le studentesse dovranno conoscere la Costituzione italiana e tutte le nozioni e gli istituti del diritto costituzionale indicati nel programma (v. contenuti del corso) con un livello di elaborazione e di comprensione che consenta loro di elaborare idee originali, anche in un contesto di ricerca interattiva e volta all’applicazione pratica. La dimensione del “sapere” (obiettivi cognitivi) non sarà curata tramite un approccio nozionistico, ma volto a far acquisire allo studente capacità critiche.

2) Capacità di applicare conoscenza e comprensione. Oltre alle nozioni teoriche saranno curati anche aspetti pratici volti a implementare il “saper fare” e a far acquisire agli studenti delle precise capacità giuridiche es. saper risolvere le antinomie tra le fonti del diritto, saper individuare quando una norma presenta vizi procedurali e sostanziali, saper
interpretare la Costituzione e individuare gli istituti in essa presenti, saper riconoscere a quali tipologie appartiene una sentenza della Corte costituzionale. Gli studenti e le studentesse dovranno saper risolvere problemi in ambiti nuovi e non familiari, anche con uno sguardo interdisciplinare.

3) Autonomia di giudizio. Oltre alle nozioni teoriche e pratiche, sarà curata anche la dimensione del “saper essere” (obiettivi educativi) ossia la dimensione etica e sociale tramite una riflessione su che cosa significhi essere un giurista oggi. Gli studenti e le studentesse saranno invitati, ad esempio, a: riflettere sul significato del diritto come esperienza presente nelle nostre vite; guardare al diritto non soltanto come
norma da saper interpretare tecnicamente, ma anche come scienza
dell’argomentazione, della dialettica e della ricerca di giustizia; porsi
criticamente di fronte al contenuto delle norme; maturare consapevolezza sulla
possibile differenza tra diritto positivo e giustizia; acquisire coscienza delle
garanzie costituzionali e sapere come queste possono essere attivate a tutela
dei cittadini; riflettere sul costituzionalismo come scienza e disciplina che
studia i limiti al potere; riflettere sulla presenza del potere nelle nostre vite.

4) Abilità comunicative. Insieme al sapere, saper fare e saper essere, sarà curata la dimensione del “saper trasmettere” (obiettivi comunicativi). Gli studenti e le studentesse dovranno imparare a scandire per punti logicamente collegati le loro argomentazioni o la descrizione dei contenuti che stanno trasmettendo. 

5) Capacità di apprendimento. Muovendo dal celebre verso di Dante “non fa scienza sanza lo ritener l’aver inteso”, gli studenti e le studentesse dovranno imparare a memorizzare e interiorizzare alcune nozioni del diritto costituzionale per il resto della loro vita. Considerato l’alto grado di sollecitazioni cui gli studenti sono sottoposti e i fenomeni del “pensiero interrotto” causato dall’uso di internet e dei cellulari, il docente darà alcune istruzioni pratiche su come imparare a studiare in modo auto-gestito e autonomo. Il docente, altresì, evidenzierà le parti indimenticabili del programma ritornando più volte durante tutto il corso sulle stesse.

Prerequisiti

Conoscenza generale, acquisita anche attraverso i mezzi
di informazione o lo studio fatto a scuola della educazione civica, delle
principali istituzioni politiche della Repubblica; conoscenza della storia
italiana ed europea; sensibilità verso le problematiche etiche e politiche; aggiornamento sui principali dibattiti che animano la società italiana e occidentale contemporanea; disciplina, curiosità e spirito critico. Capacità di comprensione e di analisi critica di un testo. Non è richiesto il superamento di altri esami (nessuna propedeuticità)

Contenuti

NOZIONI GENERALI.
Che cos’è il diritto? Che cos’è il diritto costituzionale?
La norma giuridica. Generalità e astrattezza. Validità, efficacia, vigenza,
effettività. Tipi di norme. Differenza tra disposizione e norma.
L’interpretazione (letterale, storica, sistematica, evolutiva etc.). 
Costituzione e costituzionalismo. Costituzioni rigide/flessibili, ottriate/votate,
scritte/non scritte.
Lo Stato. I tre elementi costitutivi: popolo, territorio, sovranità.
Le forme di stato. Le forme di governo.
L’ordinamento giuridico e la pluralità degli ordinamenti giuridici.
Democrazia e rappresentanza politica. Democrazia diretta e indiretta (rappresentativa).
LE FONTI.
Concetto di fonte.
Tipi di fonti. Fonti di produzione, sulla produzione, di cognizione. Fonti atto, fonti
fatto. Fonti interne, fonti esterne.
a) Profilo statico. La piramide delle fonti.
• Le fonti costituzionali.
• Le fonti europee.
• Le fonti primarie. Le fonti regionali.
• Le fonti secondarie.
• Le fonti terziarie.
• Le fonti consuetudinarie.
b) Profilo dinamico. Le antinomie.
• Il criterio gerarchico.
• Il criterio cronologico.
• Il criterio di competenza.
• Il criterio di specialità.
• Il bilanciamento come criterio per risolvere i conflitti tra i diritti.
GLI ORGANI COSTITUZIONALI E I POTERI DELLO STATO
Concetto di organo costituzionale e di potere dello Stato.
1. Il corpo elettorale. Sovranità popolare e partiti politici.
2. Il Parlamento. Composizione e funzioni. L’organizzazione interna. Lo
status dei parlamentari.
3. Il Governo. Composizione e funzioni. Le crisi di governo.
4. Il Presidente della Repubblica. Composizione e funzioni. La controfirma.
LA CORTE COSTITUZIONALE
Modelli di giustizia costituzionale
Composizione della Corte
Le funzioni della Corte:
• Il giudizio di legittimità in via principale e il giudizio di legittimità in via incidentale.
• Il giudizio di ammissibilità sul referendum abrogativo.
• I giudizi sui conflitti di attribuzione tra Stato e Regioni.
• I giudizi sui conflitti tra Poteri dello Stato.
• I giudizi sui reati del Presidente della Repubblica.
L'ORDINAMENTO GIUDIZIARIO
I principi costituzionali sul potere giudiziario.
Magistratura ordinaria e speciale.
Il Consiglio superiore della Magistratura.
I DIRITTI COSTITUZIONALI
Le garanzie dei diritti: la riserva di legge e la riserva di giurisdizione .
Le 4 generazioni di diritti: I diritti di libertà. I diritti politici. I diritti sociali. I
nuovi diritti.
Il principio di uguaglianza .
I singoli diritti: analisi dettagliata. Gli artt. 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 21, 24, 25, 27, 30, 32, 40, 41 Cost.

Metodi Didattici

Lezioni frontali e seminari.
Unitamente al quadro teorico e concettuale del diritto costituzionale, gli studenti e le studentesse saranno chiamati a confrontarsi con problemi pratici (casi decisi dalla Corte costituzionale; conflitti tra norme) che dovranno risolvere.
Particolare cura sarà prestata a far leggere e capire testi normativi e giurisprudenziali.
Le lezioni saranno accompagnate da un costante riferimento agli articoli della Costituzione. Gli studenti frequentanti dovranno sempre portare la Costituzione a lezione.

Verifica dell'apprendimento

Prova orale.
L'esame consiste tendenzialmente in 3 domande generali in cui si accerta la conoscenza delle nozioni conseguite e della capacità pratica di risolvere problemi del diritto costituzionale.

Testi

R. BIN – G. PITRUZZELLA, Diritto costituzionale, Giappichelli, Torino, ultima edizione.

Lo studio del manuale dovrà essere affiancato dalla lettura costante della Costituzione. Si consiglia un qualsiasi "codice costituzionale", come ad esempio A. CELOTTO, Costituzione annotata della Repubblica italiana, Zanichelli, Bologna, ultima edizione.

Altre Informazioni

E' estremamente consigliata la lettura dei quotidiani, dove è possibile trovare molte delle problematiche che verranno affrontate a lezione.

Questionario e social

Condividi su: