Seleziona l'Anno Accademico:     2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022 2022/2023
Docente
RAFFAELE CATTEDRA (Tit.)
Periodo
Primo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[20/45]  BENI CULTURALI E SPETTACOLO [45/50 - Ord. 2016]  BENI CULTURALI E SPETTACOLO CONVENZIONALE 6 30
[20/45]  BENI CULTURALI E SPETTACOLO [45/46 - Ord. 2016]  BENI E CULTURALI E SPETTACOLO ON LINE E IN PRESENZA (BLENDED) 6 30

Obiettivi

Obiettivi
Conoscenza e capacità di comprensione
L'Unità didattica ha per obiettivo:
- l'apprendimento degli strumenti fondamentali (teorici e metodologici) degli studi geografici, cartografici e della geografia legata ai beni culturali,
- fornire una buona conoscenza dei fenomeni di carattere sociale e culturale necessari per poter operare nel campo delle tematiche proposte dal corso di studio.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
L'insegnamento intende permettere agli studenti:
- di maturare competenze utili per muoversi fra l'impianto teorico -pratico più direttamente interessate ai fenomeni culturali, politici e territoriali e dello spettacolo.

Autonomia di giudizio
- sviluppare capacità critiche relativamente ai grandi fenomeni sociali e culturali dell'età contemporanea anche in relazione alle eredità del passato;
- sviluppare capacità di interpretare con autonomia di giudizio i fenomeni legati ai beni culturali culturali i relazione ai contesti locali, nazionali e internazionale, con particolare riguardo alla riflessione su temi sociali, culturali ed etici e più in generale alla questione dei beni culturali nel mondo globalizzato.

Abilità comunicative (communication skills)
Alla fine del corso gli studenti dovrebbero essere in grado di:
- esporre in modo chiaro, anche con lausilio di strumenti multimediali, le proprie conoscenze e le proprie ricerche;
- argomentare le conoscenze acquisite nel campo della geografia dei beni culturali in relazione ai diversi interlocutori (specialisti e non specialisti).

Capacità di apprendimento
- Favorire e sviluppare competenze in un campo che lega beni culturali/patrimonio, cultura e territorio al fine di permettere la prosecuzione di studi di livello superiore.

Prerequisiti

Prerequisiti
Conoscenze basilari in ambito storico-politico e culturale. In particolare lo studente deve essere in grado di individuare problematiche geografiche generali e saper inquadrare il rapporto fra società, culture e territorio sulla lunga durata e la trasformazione del mondo attuale globalizzato.

Contenuti

Contenuti
I) Parte generale e teorico-metodologica: Introduzione allo studio ai concetti e agli strumenti metodologici fondamentali della Geografia (spazio, scale, territorio, luogo, paesaggio, società, popolazione, minoranze, ambiente) e introduzione alla Cartografia, così articolata:
1. Fare geografia: processi di territorializzazione, strumenti, metodi, paradigmi e finalità della geografia nel mondo contemporaneo: spazio e territorio; paesaggio e luogo, etica e “impegno” dei geografi;
2. Rappresentazioni e costruzione cartografica del mondo: elementi di storia del pensiero cartografico (misurazione e geometrizzazione del mondo); cartografia tematica.
3. Potere, scale, società e spazi vissuti:; popolazione, culture, etnie, minoranze, lingue, religioni, mobilità; lo Stato, le organizzazioni sovra-nazionali, l’UE, la Regione, Reti.

II) Parte seconda: La geografia urbana: gli studi sulla città, l’urbanizzazione, le politiche urbane con particolare attenzione al rapporto fra cultura, beni culturali e la città, spazi pubblici, centralità e periferie, la trasformazione della città contemporanea (esempi), i grandi eventi e la valorizzazione della cultura e dei beni culturali nella la città.

III) Parte terza: territorio e beni culturali
1. Il ruolo della geografia nei processi di valorizzazione del territorio e del patrimonio.
2. L’Unesco e il patrimonio dell’umanità, patrimonio immateriale.
3. Raccontare il territorio

Metodi Didattici

Metodi Didattici
Lezioni frontali (10 ore per ogni parte del corso), presentate con l’ausilio di slides e di materiali multimediali. Le lezioni richiedono la partecipazione attiva degli studenti

Per soddisfare esigenze didattiche specifiche connesse alla situazione epidemiologica, è prevista la possibilità di lezioni in diretta streaming o registrazioni delle stesse disponibili on-line. Inoltre, le esercitazioni potranno essere svolte mediante forme di interazione a distanza con i supporti informatici disponibili

Verifica dell'apprendimento

Verifica dell'apprendimento
La valutazione dell’apprendimento si basa su una prova scritta di 120 minuti, con domande a risposta aperta sui principali temi trattati relativi alle tre parti corso


In relazione alla situazione epidemiologica, le prove scritte potranno essere sostituite da modalità di verifica differenti, come lavori individuali o di gruppo (tesine), colloqui orali, prove scritte a distanza mediante ausili informatici (moodle, Teams, etc.), o completamente eliminate nel caso delle verifiche intermedie.

Più precisamente, la prova scritta o in alternativa il colloquio orale, mira a valutare la capacità di apprendimento e di interpretazione critica della parte metodologica e delle 2 parti tematiche.
La capacità di istituire collegamenti fra i diversi temi e la padronanza espressiva dello specifico linguaggio geografico potranno costituire un ulteriore criterio di apprezzamento della verifica.

Per conseguire un punteggio pari a 30/30 e lode, lo studente deve dimostrare di aver acquisito una conoscenza eccellente di tutti gli argomenti trattati durante il corso, nonché di possedere capacità critiche e una piena padronanza del linguaggio disciplinare.

Testi

Testi di riferimento
1- Frémont Armand, Vi piace la geografia ?, Carocci (coll. Ambiente e territorio), Roma, 2011 (Parts: Le figure del geografo, sazi vissuti, la geografia sociale, il potere, l'impegno dei geografi
2 - Turco A., Configurazioni della Territorialità, Angeli, Milano, 2010 (cap. 2, 8)
3 - Governa F., Memoli M., (des), 2011, Geografie dellurbano. Spazi, politiche, pratiche della città, Carocci, Roma (Introduzione, chap. 2, 5, 9).
4 - Cattedra R., Tanca M., Aru S., Troin Fl (eds). Cagliari. Visioni e geografie di una città, Franco Angeli, Roma, 2021
5- Spada A., 2007 (rist. 2013), Che cos'è una carta geografica, Carocci (Le bussole)
6 - Pettenati G., 2016, “Progetti di territorio. I paesaggi italiani nella World Heritage List dell’Unesco”, Rivista Geografica Italiana, vol. 123, 4, pp. 525-543

Materiali multimediali e siti web:
Docu Film Koyamiskatsi
Regia: Godfrey Reggio, 1983, Musiche: Philip Glass, Metro Goldwin Mayer (1h,26’)
Parte 1 https://www.dailymotion.com/video/x1z0w8t
Parte 2 https://www.dailymotion.com/video/x1z0w9y

Sito web: www.cosmomed.org (Tracce di cosmopolitismo intorno al Mediterraneo. Memorie, Migrazioni e attualità)

Altri materiali didattici saranno forniti dal docente durante il corso

altri testi testi consigliati:
- Pettenati Giacomo, 2019, I paesaggi culturali Unesco in Italia, Franco Angeli, Milano (collana Nuove Geografie. Strumenti di lavoro) parti scelte

- G. Dematteis, La geografia dei beni culturali come sapere progettuale, in Rivista geografica italiana, n. 1057,1998, pp. 25-35

- Cattedra R., Tanca M, Ambizioni e strumentalizzazioni culturali come risposta alla crisi. Discorsi e metamorfosi urbane a Cagliari, in Documenti Geografici, n. 1, 2015 (scaricabile:http://www.documentigeografici.it/index.php/docugeo/article/view/73/67)

- Cattedra R. 2005, « Paesaggi urbani e pratiche territoriali tra eredità e innovazione », in : 1995, Cattedra R. & Memoli M. (eds), La città ineguale. Pratiche culturali e organizzazione della marginalità in Africa e America Latina, Milano, Unicopli, pp. 25-62.

Altre Informazioni

Altre informazioni
Alcuni documenti o testi saranno forniti dal docente. Saranno condotte ricerche su siti web. Si raccomanda l'uso di un atlante aggiornato

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie