Bandi




Bando AIFA 2016

L’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha emanato un bando per agevolazioni a favore di progetti di ricerca indipendente sui farmaci, rivolto ai ricercatori italiani di istituzioni pubbliche e no profit.

Tematiche di ricerca
Progetti di studio interventistico o osservazionale su: malattie rare, popolazioni fragili e medicina di genere.
Per “popolazioni fragili” s'intendono, tra le altre, la popolazione pediatrica, le donne in gravidanza, gli adolescenti, gli anziani e le condizioni di obesità e di demenza.

Soggetti beneficiari
Ricercatori italiani di istituzioni pubbliche e no profit. Ciascun proponente potrà presentare, in qualità di Principal investigator, un solo protocollo di studio.

Modalità di presentazione
La presentazione dei protocolli (in lingua inglese) dovrà avvenire esclusivamente per via telematica sul sito dell’Aifa.

Documentazione

  • Allegato 1: Linee guida per la redazione e presentazione del protocollo
  • Appendice A: Study classification
  • Appendice B: Linee guida per la distribuzione delle spese del budget
  • Allegato 2: Linee guida per la valutazione dei protocolli di Ricerca indipendente
  • Fac-simile 1 contratto Studi sperimentali
  • Fac-simile 2 contratto Studi osservazionali

Ulteriori informazioni
Supporto regolatorio e scientifico
Agenzia italiana del farmaco  Telefono: +39 06 5978 4222 (dal lunedì al venerdì 10 - 16)
e-mail: ricercaindipendente@aifa.gov.it
Supporto tecnico
Consortium of bioengineering and medical informatics (Cbim)  telefono: +39 0382 528759 (dal lunedì al venerdì 9 - 18)
e-mail: aifa@cbim.it

Contatti
dir.ricter@amm.unica.it
Nicola Ruju
Nives Bertarione

Published date: 09 January 2016 - Expiration date: 05 December 2016

Premio alvise cornaro 2015

Il Centro studi Alvise Cornaro, studi e ricerche sull’invecchiamento dell’uomo bandisce l’annuale edizione del Premio Cornaro alla ricerca. Il riconoscimento, che ha ottenuto l’adesione dell’università di Padova e del Progetto città sane (Organizzazione mondiale della sanità) del comune di Padova, sarà assegnato a un ricercatore che abbia svolto, nell’ultimo triennio, una ricerca scientifica nell’ambito tematico dell’invecchiamento attivo e di successo. Il premio ha una periodicità annuale e, alternativamente, è assegnato a contributi provenienti dalle aree tecnico-scientifica e umanistica. I contributi scientifici possono avere anche carattere interdisciplinare. Il valore del riconoscimento è di 5.000,00 euro. Per il 2015 sono invitati a partecipare i ricercatori dell’area umanistica.

Scadenza: 15 ottobre 2015.

Published date: 09 January 2015 - Expiration date: 15 October 2015

Premio sapio per la ricerca italiana 2015

Il Gruppo Sapio, in accordo con diversi centri di ricerca e università, istituisce il premio Sapio per la ricerca italiana 2015 con lo scopo di favorire la ricerca in campo scientifico, tecnologico e socio economico, per il progresso civile e sociale. I premi sono riservati a rilevanti contributi, anche interdisciplinari, per l’avanzamento della ricerca in campo tecnico-scientifico e socioeconomico. Tali risultati devono essere stati conseguiti nel periodo intercorrente tra il 1° gennaio 2012 e il 30 aprile 2015 e devono essere stati svolti e aver apportato concreti risultati nel territorio italiano.
Per la XV edizione sono assegnati quattro premi, ciascuno di 15.000,00 euro, suddivisi nelle sezioni:

  • Junior, destinato a lavori di ricerca svolti da studiosi o ricercatori di età inferiore ai 30 anni (compiuti o da compiersi entro il 31 dicembre 2015) che si siano distinti per l’attività di studio e di ricerca nonché per l’impegno profuso nel raggiungere i propri obiettivi;
  • Ricerca, destinato a lavori di ricerca svolti da ricercatori e studiosi di qualsiasi età che si siano distinti per l’attività di studio e di ricerca nonché per l’impegno profuso nel raggiungere i propri obiettivi;
  • Innovazione, riservato a coloro, di qualsiasi età, che sperimentando o applicando nuovi metodi, processi, tecnologie, sistemi hanno determinato innovazione;
  • Sicurezza, destinato a lavori di ricerca svolti da qualsiasi persona fisica, di qualsiasi età, che si sia distinta in attività volte a garantire le tematiche della sicurezza nell’ambito della crioconservazione. Nello specifico per quel che concerne la sicurezza del materiale, degli operatori, della criobanca in genere.

Scadenza: 14 novembre 2015.

Published date: 09 January 2015 - Expiration date: 14 November 2015

Bando ricerca finalizzata 2011-2012

Il ministero della Salute ha emanato un bando per agevolazioni a favore di progetti di ricerca clinico assistenziale e biomedica, prevalentemente traslazionale, che si articola in due procedure distinte: Ricerca finalizzata e Giovani ricercatori (con meno di 40 anni alla data di scadenza del presente bando).

In evidenza
Progetti finanziati (pubblicato il 4 febbraio 2014).

Budget complessivo: 134.731.095,00 euro.

Tematiche

  1. dismetabolismo e patologie cardiovascolari;
  2. patologie neurologiche;
  3. oncologia;
  4. infezioni e immunità;
  5. le nuove biotecnologie;
  6. sicurezza alimentare e benessere animale;
  7. patologie di origine ambientale, sicurezza negli ambienti di lavoro e patologie occupazionali.

Destinatari
Operatori del servizio sanitario nazionale la cui afferenza a una struttura del Ssn venga garantita da un Destinatario istituzionale (D.I.) che diverrà il presentatore ufficiale. Per D.I. s’intendono regioni e province autonome, Istituto superiore di sanità, Istituto nazionale per l’assicurazione sul lavoro, Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici e privati, istituti zooprofilattici sperimentali. Ogni ricercatore può presentare un solo progetto all’interno del bando. Non vi è alcun limite al numero dei progetti presentabili da parte dei destinatari istituzionali.

Per il bando 2011-2012, sono contemplate cinque tipologie di progetto:

  1. Progetti ordinari di ricerca finalizzata (RF).
  2. Progetti ordinari presentati da giovani ricercatori (GR).
  3. Programmi di rete (PR) - programmi di ricerca svolti da ricercatori appartenenti a una istituzione (D.I.) che intenda attivare reti di ricerca traslazionale e clinica ad elevato impatto per il Ssn. È previsto che i progetti di rete possano prevedere da 3 a 5 D.I.
  4. Progetti presentati da ricercatori, appartenenti al Ssn, con ricercatori di nazionalità italiana residenti e operanti all’estero (Progetto estero - PE). Sono progetti svolti in collaborazione con ricercatori di nazionalità italiana stabilmente residenti e operanti all’estero e ricercatori italiani attivi in Italia.
  5. Progetti presentati da ricercatori, appartenenti al Ssn, aventi un cofinanziamento privato garantito da aziende con attività in Italia (Progetto cofinanziato - PC) per garantire sviluppi di idee o prodotti. Sono progetti fatti in collaborazione con aziende di diritto pubblico o privato che si impegnano a cofinanziare, in risorse finanziarie, per una quota almeno pari al finanziamento richiesto al ministero. Per i progetti clinico assistenziali è necessario acquisire il parere favorevole della regione dove verrà svolta l’attività. Sarà titolo preferenziale la presenza di un eventuale cofinanziamento regionale.

Costo del singolo progetto
Non inferiore a 150mila euro e non superiore a 450mila euro complessivi (fatta eccezione per i programmi di rete che prevedono un massimo complessivo di 3.080.000 euro).

Scadenza
La procedura di presentazione del progetto si svilupperà in quattro momenti distinti:

  1. Invio della lettera d’intenti al D.I. - scadenza 19 dicembre 2012 alle 12;
  2. Certificazione da parte del D.I. - scadenza 17 gennaio 2013 alle 17;
  3. Invio del progetto completo al D.I. - scadenza 20 febbraio 2013 alle 12;
  4. Invio permanente del progetto da parte del D.I. - scadenza 4 marzo 2013 alle 17.

Modalità di presentazione
L’accreditamento dei candidati ricercatori è preliminare alla presentazione del progetto, ed è consentito solo via web.

Informazioni
HelpDesk del sistema di presentazione - Faq

Contatti
dir.ricter@amm.unica.it
Nicola Ruju 
Nives Bertarione

Published date: 04 February 2014

Fondazione cassa di risparmio di Trento e Rovereto - Bando scienza biomolecolari e biomediche

La Fondazione Cassa di risparmio di Trento e Rovereto, bandisce una serie di concorsi per progetti di ricerca scientifica, con il coinvolgimento di giovani ricercatori, nell’ambito della ricerca scientifica di base e applicata anche di natura multidisciplinare volti a promuovere le conoscenze nei settori delle scienze biomolecolari e delle scienze biomediche. La Caritro intende stimolare la realizzazione di progetti di ricerca presentati da istituzioni qualificate e i cui contenuti siano di potenziale interesse conoscitivo o applicativo anche per il contesto biomedico trentino; incentivare sinergie e collaborazioni tra istituzioni di ricerca locali e altre istituzioni di ricerca che operano a livello nazionale o internazionale per una proficua condivisione di obiettivi, conoscenze, piattaforme tecnologiche, risorse strumentali e risorse umane; favorire la realizzazione di progetti che prevedano il coinvolgimento di giovani ricercatori e adeguate forme di valorizzazione dei risultati delle attività di ricerca; stimolare il trasferimento delle conoscenze e delle metodologie tra le istituzioni di ricerca e l’ambito medico.

Published date: 15 April 2013

Notices




No result found

Questionnaire and social

Share on: