L'ateneo celebra l'anniversario con il convegno “VERSO LA SHOAH: LO STERMINIO DEI DISABILI”. Dalle 15,30 a Sa Duchessa gli interventi del docente Claudio Natoli (nel VIDEO di presentazione) e di Christoph Schminck-Gustavus, professore emerito dell’Università di Brema. Introduce Francesco Atzeni, direttore del dipartimento di storia, beni culturali e territorio
25 January 2018
26 gennaio la Giornata della Memoria 2018 all'Università di Cagliari

Cagliari, 25 gennaio 2018
Ivo Cabiddu


GIORNATA DELLA MEMORIA 2018. In occasione della celebrazione ufficiale, domani venerdì 26 gennaio, dalle 15,30 alle 19 circa, sarà l’Aula Magna del Corpo aggiunto del Polo Umanistico (Sa Duchessa, Aula 1b, Edificio Psicologia) ad ospitare il convegno “Verso la Shoah: lo sterminio dei disabili ”.

SEDICESIMA EDIZIONE. L’iniziativa, rivolta non solo al mondo accademico ma anche alle scuole e all’intera cittadinanza, viene organizzata da UniCa per il sedicesimo anno e come sempre intende offrire ulteriori spunti di riflessione e di arricchimento della conoscenza storica sui fatti riguardanti la shoah e la deportazione nei campi di concentramento e di sterminio

PROGRAMMA. All’introduzione del professor Francesco Atzeni (Direttore Dipartimento di Storia, beni culturali e territorio),  seguiranno gli interventi dei docenti Claudio Natoli (Ordinario di Storia contemporanea della Facoltà di Studi umanistici dell’Università di Cagliari) su “Un laboratorio per la Shoah: l’operazione T4 e le cliniche della morte” e Christoph Schminck-Gustavus (Professore emerito di Storia del Diritto alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Brema) su “Lothar Kreissig: la resistenza di un giudice contro il nazismo”.

PARTECIPANTI. Aderiscono e collaborano l’Archivio di Stato di Cagliari, la Soprintendenza Archivistica per la Sardegna, l’Istituto Sardo per la Storia della Resistenza (Issra), l’Associazione Italo-Tedesca (Cagliari), l’Ufficio Scolastico Regionale  della Sardegna con i Licei statali e istituti superiori: Eleonora D’Arborea, De Sanctis-Deledda, Dettori, Siotto Pintor, B. Motzo, Primo Levi, Bacaredda-Atzeni, Pietro Martini, A. Meucci, D. Scano, Sandro Pertini, A. Pacinotti, G. Brotzu.

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: per informazioni è possibile contattare il Dipartimento di Storia, Beni culturali e Territorio - via Is Mirrionis 1 - tel. 070.275655 - email: dipstoge@unica.it

 

Christoph Schminck-Gustavus, Ordinario di Storia del Diritto alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Brema
Christoph Schminck-Gustavus, Ordinario di Storia del Diritto alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Brema

GIORNATA DELLA MEMORIA 2018. Per concessione del prof. Natoli ecco l’abstract di uno dei temi del convegno “Verso la Shoah: lo sterminio dei disabili”. Nel video seguente una sua ulteriore anticipazione sui temi dell'appuntamento del 26 gennaio 2018

OPERAZIONE T4. Lo sterminio dei disabili nel 1939-41 fu la prima operazione di omicidio tecnologico di massa attuata direttamente in Germania dal regime nazista. Già subito dopo l’avvento al potere di Hitler lo Stato discrezionale nazista aveva  scatenato la persecuzione contro gli oppositori politici, che a decine di migliaia erano stato rinchiusi nei campi di concentramento e sottoposti a brutali maltrattamenti, torture e uccisioni al di fuori di ogni tutela giuridica. In seguito, parallelamente al varo di una legislazione discriminatoria sempre più radicale a danno degli ebrei, la popolazione dei campi si era allargata ad altre categorie di “esclusi” dalla comunità popolare, come i Sinti e i Rom, gli omosessuali, i testimoni di Geova, i cosiddetti “asociali” e  anche determinati criminali comuni.
Con l’aggressione alla Polonia e lo scatenamento della guerra prese avvio l’Operazione T4. Su ordine di Hitler si costituì a Berlino un ufficio segreto, del tutto al di fuori della legge, guidato da burocrati della cancelleria del Führer e dal suo medico personale Karl Brandt con il compito di procedere allo sterminio delle “vite non degne di essere vissute”. Si procedette a una schedatura di tutte le persone già ricoverate in ospedali, case di cura e di riposo in ambito pubblico e privato e se ne organizzò il trasferimento, a scaglioni, in cinque sedicenti istituti sanitari (Grafenek, Hartheim, Sonnenstein, Bernburg, Hadamar) dove vennero uccisi collettivamente in numero di 80.000 con il sistema delle camere a gas, qui per la prima volta sperimentate, corredate da appositi forni crematori.

il professor Claudio Natoli, Ordinario di Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche dell’Università di Cagliari
il professor Claudio Natoli, Ordinario di Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche dell’Università di Cagliari
Il docente di UniCa sulla famigerata "Operazione T4" del regime nazista

La GIORNATA DELLA MEMORIA 2018 al termine di un ciclo di lezioni rivolto a studenti di Lettere, Filosofia, Beni culturali, Lingue e Scienze dell’educazione

L’Università degli Studi di Cagliari - con il Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio e il Dottorato in Storia, Beni Culturali, Studi Internazionali - in preparazione alla Giornata della Memoria 2018 ha organizzato il seminario del professor Claudio Natoli “I regimi fascisti e la persecuzione degli ebrei dalle leggi razziali alla Shoah”, per studenti dei Corsi di laurea triennali e magistrali in Lettere, Filosofia, Beni culturali, Lingue e Scienze dell’educazione (per la partecipazione al seminario, corredata da una relazione scritta, è stato proposto il riconoscimento di 2 crediti).
  
CALENDARIO APPUNTAMENTI. Il ciclo di lezioni ha previsto i seguenti seminari mattutini, sempre dalle 11 alle 13, nell’Aula 15 della Facoltà di Studi Umanistici:

16 gennaio, martedì
17 gennaio, mercoledì
18 gennaio, giovedì
 
23 gennaio, martedì
24 gennaio, mercoledì
25 gennaio, giovedì

Francesco Atzeni, Direttore del Dipartimento di Storia, beni culturali e territorio dell'Università di Cagliari
Francesco Atzeni, Direttore del Dipartimento di Storia, beni culturali e territorio dell'Università di Cagliari

Qui a fianco la locandina del convegno “Verso la Shoah: lo sterminio dei disabili”. L’iniziativa organizzata da UniCa per il sedicesimo anno è aperta a tutti, essendo rivolta non solo al mondo accademico ma anche alle scuole e all’intera cittadinanza per offrire ulteriori spunti di riflessione e di arricchimento della conoscenza storica sui fatti riguardanti la shoah e la deportazione nei campi di concentramento e di sterminio.

L'appuntamento è per venerdì 26 gennaio, dalle 15,30 alle 19 c.ca, nell’aula magna del corpo aggiunto a Sa Duchessa (aula 1b di psicologia)
L'appuntamento è per venerdì 26 gennaio, dalle 15,30 alle 19 c.ca, nell’aula magna del corpo aggiunto a Sa Duchessa (aula 1b di psicologia)

Last news

23 October 2021

L’Università, gli Special Olympics, i campioni: al Cus per un compleanno che segna un pezzo di storia

L’emozione del rettore e dell’intera comunità accademica. A corredo delle sfide a calcetto, basket e tennis, la partecipazione di Joao Pedro, Suazo e i giganti dello scudetto del ’70. A Sa Duchessa, in un’atmosfera inclusiva e solidale, utile per ripartire in presenza e sostenere anche i percorsi di formazione, socializzazione e condivisione che le attività sportive, da sempre, rendono più semplici

20 October 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

20 October 2021

Giornate Deleddiane, al via la tre giorni di iniziative

Aperte con l'intervento del Rettore Francesco Mola le manifestazioni organizzate dall'Università degli Studi di Cagliari, l'Istituto Superiore Regionale Etnografico e l'Università di Sassari per celebrare la scrittrice premio Nobel a 150 anni dalla nascita. "È un’iniziativa importante, che coinvolge i due Atenei e le scuole. Portare l’università fuori dall’università vuol dire accogliere la più grande parte del sapere: è uno sforzo che dobbiamo e vogliamo fare anche con Università di Sassari, tanto più dopo l’esperienza drammatica che abbiamo vissuto" queste le parole del Magnifico

Questionnaire and social

Share on: