Sabato 27 gennaio alle 17 nello Spazio Polifunzionale di Armungia Gianmario Demuro e Roberto Louvin presentano il loro recente volume nel corso di una giornata di studio sull’impegno intellettuale e politico del “Cavaliere dei Rossomori”
27 January 2018
Giornata di studio dedicata all’impegno intellettuale e politico di Emilio Lussu

di Rossana Orrù

Cagliari, 16 gennaio 2018 - Il 27 gennaio alle 17, ad Armungia, nello Spazio Polifunzionale, Gianmario Demuro, ordinario di Diritto Costituzionale dell’Università di Cagliari, e Roberto Louvin, docente associato di Diritto pubblico comparato dell'Università della Calabria, presenteranno il volume ‘Emilio Lussu, Emile Chanoux, la fondazione di un ordinamento federale per le democrazie regionali’, nel corso di una giornata di studio dedicata all’impegno intellettuale e politico di Emilio Lussu.

L’incontro si inserisce nell’ambito delle celebrazioni per i 70 anni dello Statuto sardo su iniziativa della Regione Sardegna, del Comune di Armungia e con il patrocinio dell’Università di Cagliari. Si tratta di un’occasione per fare il punto della situazione a 70 anni dalla promulgazione dello Statuto, proiettare le idee di Lussu negli scenari della Sardegna di oggi ed esaminare le possibili strade per rafforzare la nostra autonomia. Nel corso del dibattito verranno proposti alcuni spezzoni di un’intervista di Paolo Gobetti, figlio di Piero, a Emilio Lussu. L’intervista è custodita nel museo storico ‘Emilio e Joyce Lussu’ ad Armungia.

Roberto Louvin e Gianmario Demuro
Roberto Louvin e Gianmario Demuro

Il volume dei professori Demuro e Louvin mette a confronto l’approccio ideologico di Emilio Lussu,  relatore in Assemblea costituente dello Statuto speciale della Valle d’Aosta, con le prospettive tracciate da Emile Chanoux, ideologo e martire della Resistenza autonomista valdostana. Vengono in particolare evidenziati gli aspetti della fondazione, voluta e promossa da entrambi, di un ordinamento federale quale cornice per le democrazie e le autonomie delle loro terre di origine e di tutta Italia. Nel raffronto fra questi due straordinari personaggi, il libro si pone con uno sguardo rivolto al futuro, come strumento di analisi per superare stereotipi avventure populiste, derive neonazionaliste.

Oltre agli autori del libro saranno presenti Luciano Marrocu, docente di Storia Contemporanea dell’Università di Cagliari, lo storico Giuseppe Caboni, Filippo Spanu, assessore regionale degli Affari Generali, Cristiano Erriu, assessore regionale degli Enti Locali, la sindaca di Armungia Donatella Dessì e l’assessore alla cultura Antonio Quartu.

La copertina del libro di Demuro e Louvin ‘Emilio Lussu, Emile Chanoux, la fondazione di un ordinamento federale per le democrazie regionali’
La copertina del libro di Demuro e Louvin ‘Emilio Lussu, Emile Chanoux, la fondazione di un ordinamento federale per le democrazie regionali’

Attachments

Last news

23 October 2021

L’Università, gli Special Olympics, i campioni: al Cus per un compleanno che segna un pezzo di storia

L’emozione del rettore e dell’intera comunità accademica. A corredo delle sfide a calcetto, basket e tennis, la partecipazione di Joao Pedro, Suazo e i giganti dello scudetto del ’70. A Sa Duchessa, in un’atmosfera inclusiva e solidale, utile per ripartire in presenza e sostenere anche i percorsi di formazione, socializzazione e condivisione che le attività sportive, da sempre, rendono più semplici

20 October 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

20 October 2021

Giornate Deleddiane, al via la tre giorni di iniziative

Aperte con l'intervento del Rettore Francesco Mola le manifestazioni organizzate dall'Università degli Studi di Cagliari, l'Istituto Superiore Regionale Etnografico e l'Università di Sassari per celebrare la scrittrice premio Nobel a 150 anni dalla nascita. "È un’iniziativa importante, che coinvolge i due Atenei e le scuole. Portare l’università fuori dall’università vuol dire accogliere la più grande parte del sapere: è uno sforzo che dobbiamo e vogliamo fare anche con Università di Sassari, tanto più dopo l’esperienza drammatica che abbiamo vissuto" queste le parole del Magnifico

Questionnaire and social

Share on: