Il progetto finanziato dalla Comunità Europea che sta consentendo a quattro università europee e due enti che finanziano la ricerca di mettere in atto piani di equità di genere vivrà due momenti altamente significativi il 28 e 29 ottobre: lunedì un workshop alla MEM per un confronto con la Regione Autonoma della Sardegna, martedì spazio a incontri interni. Parteciperà Maxime Forest, docente all’Università di Parigi Sciences Po, ricercatore esperto in politiche di genere dell’Università di Parigi Sciences Po e responsabile del monitoraggio interno del progetto. RASSEGNA STAMPA
29 October 2019
Il team di SUPERA ospite dell'Università di Cagliari

“Adottare strategie di genere nelle organizzazioni di ricerca – Le esperienze di Università degli studi di Cagliari e Regione Autonoma della Sardegna nel contesto europeo”, il titolo del workshop con la RAS

Sergio Nuvoli

Cagliari, 25 ottobre 2019 - Si terrà lunedì 28 ottobre dalle 9.30 alla MEM – Mediateca del Mediterraneo (via Mameli, 164 a Cagliari) il workshop “Adottare strategie di genere nelle organizzazioni di ricerca – Le esperienze di Università degli studi di Cagliari e Regione Autonoma della Sardegna nel contesto europeo”: durante i lavori sarà presentato lo stato dell’arte del lavoro realizzato sinora nell’ambito di SUPERA, il progetto finanziato dalla Comunità Europea che sta consentendo a 4 università europee e 2 enti che finanziano la ricerca di mettere in atto piani di equità di genere, supervisionati da alcuni tra i maggiori esperti europei nel campo della progettazione e del monitoraggio di politiche di genere. Di particolare rilievo il contributo di Maxime Forest, docente all’Università di Parigi Sciences Po, ricercatore esperto in politiche di genere dell’Università di Parigi Sciences Po e responsabile del monitoraggio interno del progetto SUPERA.

Il primo passo nello sviluppo di un piano per rimuovere disuguaglianze di genere è individuarle e capirne le ragioni. Una diseguaglianza documentata in generale in tutte le Università, e dunque anche all’Università di Cagliari, riguarda l’accesso ai fondi di ricerca da parte di ricercatori e ricercatrici.

Maxime Forest, responsabile del monitoraggio interno del progetto SUPERA
Maxime Forest, responsabile del monitoraggio interno del progetto SUPERA

“SUPERA può certamente aiutarci a individuare e riconoscere problemi e iniquità – spiega Luigi Raffo, delegato del Rettore in materia di progetti internazionali - ma ci aspettiamo soprattutto che ci aiuti a trovare soluzioni solide e stabili"

“SUPERA può certamente aiutarci a individuare e riconoscere problemi e iniquità – spiega Luigi Raffo, responsabile scientifico del progetto e Delegato del Rettore in materia di progetti internazionali - ma ci aspettiamo soprattutto che ci aiuti a trovare soluzioni solide e stabili. L'obiettivo non è quello di avere da domani all'Università alcune ricercatrici in più a scapito di ricercatori, ma di mettere tutti e tutte noi nella condizione di lavorare al meglio, per sviluppare una carriera di qualità, in un ambiente sereno e inclusivo, ben bilanciando carichi personali e di lavoro, per permettere alle migliori professionalità di emergere a prescindere dalla loro appartenenza di genere. Vogliamo poi contribuire a far emergere nei contenuti di ricerca e didattica gli aspetti legati al genere, che sono quasi sempre presenti e rilevanti, anche in discipline apparentemente molto lontane. Non esiste una ricerca di qualità che non tenga conto della varietà dei soggetti a cui è rivolta. Tutto questo verrà inserito in un processo collaborativo che coinvolgerà ogni singolo membro della comunità del nostro Ateneo: nei prossimi tre anni in ateneo lavoreremo per questo”.

“Nel corso degli anni si è creato un sistema di buone leggi in materia di eguaglianza di genere – aggiunge il Direttore Generale del Centro Regionale di Programmazione Graziella Pisu - ma resta ancora molto da fare considerato che l'indice sull'eguaglianza di genere per il 2019 (EIGE) ci colloca al 14mo posto nella classifica europea della parità di genere. Crediamo che il progetto SUPERA con il suo metodo partecipativo darà un effettivo contributo alla riduzione delle diseguaglianze nel campo della ricerca perché il reale coinvolgimento degli stakeholder locali consentirà di individuare delle azioni di indubbia efficacia”.

Luigi Raffo con il Rettore Maria Del Zompo. Il prof. Raffo è Delegato del Rettore in materia di progetti internazionali
Luigi Raffo con il Rettore Maria Del Zompo. Il prof. Raffo è Delegato del Rettore in materia di progetti internazionali

Martedì 29 ottobre le attività proseguiranno con un focus group con i componenti del gruppo di progetto dell’Università di Cagliari, seguito da un meeting con il “Gender equality Hub” e con il Rettore Maria Del Zompo

Grazie alla presenza nel partenariato del progetto SUPERA dell’Università di Cagliari e della RAS, che in diverse forme finanzia la ricerca delle università sarde, durante la mattinata verrà analizzata la situazione e si discuterà di possibili soluzioni.

Martedì 29 ottobre le attività proseguiranno con un focus group con i componenti del gruppo di progetto dell’Università di Cagliari, seguito da un meeting con il “Gender equality Hub”, cioè il gruppo allargato dei referenti del progetto in Ateneo, il Comitato unico di garanzia e i docenti coinvolti nella redazione del Codice etico e di comportamento. Nel pomeriggio si terrà un incontro con il Rettore Maria Del Zompo e, a seguire, con i Direttori di dipartimento e i Presidenti dei Consigli di corso di laurea.

Il logo del progetto, disegnato da Stefano Asili
Il logo del progetto, disegnato da Stefano Asili

RASSEGNA STAMPA

L’UNIONE SARDA di sabato 26 ottobre 2019

AGENDA – PAGINA 27

Parità di genere all'Università:

workshop alla Mem sul progetto “Supera”

Parità tra uomo e donna anche all'Università. È il tema del workshop “Adottare strategie di genere nelle organizzazioni di ricerca - Le esperienze di Università degli studi di Cagliari e Regione Autonoma della Sardegna nel contesto europeo”, in programma lunedì alle 9.30 alla Mem. Durante i lavori sarà presentato il lavoro realizzato nell'ambito di Supera, il progetto che sta consentendo a quattro università europee di mettere in atto piani di equità di genere, supervisionati da alcuni tra i maggiori esperti europei. Tra questi Maxime Forest, ricercatore esperto in politiche di genere dell'Università di Parigi Sciences Po e responsabile del monitoraggio interno del progetto Supera.

Gli obiettivi

«Supera può certamente aiutarci a individuare problemi e iniquità - spiega Luigi Raffo, responsabile scientifico del progetto - ma ci aspettiamo soprattutto che ci aiuti a trovare soluzioni solide e stabili. L'obiettivo non è quello di avere da domani all'Università alcune ricercatrici in più a scapito di ricercatori ma di mettere tutti e tutte noi nella condizione di lavorare al meglio».

Il contributo

«Nel corso degli anni si è creato un sistema di buone leggi in materia di eguaglianza di genere - aggiunge la direttrice generale del Centro regionale di programmazione Graziella Pisu - ma resta ancora molto da fare considerato che l'indice sull'eguaglianza di genere per il 2019 ci colloca al quattordicesimo posto nella classifica europea della parità di genere. Il progetto Supera darà un effettivo contributo alla riduzione delle diseguaglianze nel campo della ricerca».

I lavori

Martedì le attività proseguiranno con un focus group con i componenti del gruppo di progetto dell'Università di Cagliari, seguito da un meeting con il “Gender equality hub”, il gruppo allargato dei referenti del progetto in ateneo, il Comitato unico di garanzia e i docenti coinvolti nella redazione del Codice etico e di comportamento. Nel pomeriggio si terrà un incontro con la rettrice Maria Del Zompo e, a seguire, con i direttori di dipartimento e i presidenti dei consigli di corso di laurea.

L'Unione Sarda
L'Unione Sarda

Attachments

Links

Last news

25 May 2022

Dottorato di ricerca, e poi? Le tante prospettive per il post-doc

Francesco Mola: "Stiamo investendo molto per i primi livelli della formazione e per la possibilità di remunerare maggiormente dottorandi e assegnisti. Per le borse daremo certamente fondo a tutte le possibili risorse". Il rettore e i prorettori Carucci, Colombo, Onnis e Putzu hanno partecipato alla conferenza coordinata dal professor Sergioli che ha riunito tutti i responsabili dei corsi dell'Università di Cagliari insieme a tanti post-doc dell'ateneo che ora lavorano con successo in ambiti non accademici, anche a livello internazionale. "Un incontro da ripetere" il parere unanime di tutti i partecipanti

25 May 2022

Svoltiamo, l'App del futuro per una mobilità intelligente e sostenibile

Ideata dai ricercatori del Crimm un’applicazione innovativa e gratuita per smartphone che verrà utilizzata per la prima volta a Cagliari. Il progetto Svolta ha coinvolto dal 2019 oltre undicimila cagliaritani. Alla conferenza stampa hanno preso parte, per l’Università di Cagliari, Gianni Fenu e Italo Meloni. Per la municipalità è intervenuto Alessio Mereu. Nutrita presenza di studenti e dottorandi, associazioni del mondo della bici e amici dell'ambiente

25 May 2022

Cagliari Green and Blue City: giornata di studio Dicaar-Aidda

Il confronto tra esperti del Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura e rappresentanti dell'Associazione donne imprenditrici e dirigenti d’azienda, nella mattinata del 27 maggio, sarà un'occasione per ripensare l’intero sistema economico del capoluogo sardo, in modo da valorizzare l’ambiente e le risorse naturali in una logica di economia circolare di riqualificazione e di logistica green. Appuntamento dalle 9 nell'aula magna di Ingegneria e Architettura, (polo universitario di via Marengo)

Questionnaire and social

Share on: