Gli specialisti del Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura studiano l’opera firmata da Gaetano Cima nel 1839
13 September 2017
Firmata la convenzione: il Santuario dell’Assunta di Guasila viene studiato dai ricercatori dell’Università
il professor Antonello Sanna e il sindaco Paola Casula firmano la convenzione (servizio fotografico a cura di Francesco Cogotti)
Aula Magna di Architettura "Gaetano Cima", il professor Sanna e il sindaco Casula firmano la convenzione (servizio fotografico a cura di Francesco Cogotti)
 
 
L’intesa è stata siglata dal sindaco Paola Casula e dal direttore del Dicaar, Antonello Sanna. Gli specialisti del Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura devono analizzare l’opera firmata da Gaetano Cima nel 1839. Perfetto esempio di terza missione con l’ateneo che opera con gli enti locali e il territorio
  
Cagliari, 13 settembre 2017
Mario Frongia
 
Oggi, mercoledì 13 settembre, alle 11, nell’aula magna della facoltà di Ingegneria e architettura in via Corte d’Appello, è stata firmata la convenzione tra il comune di Guasila e il Dicaar (Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura) dell’Università del capoluogo.
 
VALORIZZAZIONE STORICA, CULTURALE E TURISTICO. Il progetto di ricerca oggetto della convenzione tra ateneo e municipalità, avrà una durata di quattro mesi ed è finalizzato allo studio architettonico e strutturale del Santuario della Beata Vergine Assunta. Il Santuario è stato eretto a Guasila su progetto risalente al 1839, dell’architetto cagliaritano Gaetano Cima. L’opera, unica nel suo genere per pregio architettonico, previa valutazione dei livelli di sicurezza, viene studiata per la conservazione e la valorizzazione anche in chiave turistica.
 

Antonello Sanna

Paola Casula
   
I PROTAGONISTI. “Un caso storico, artistico e strutturale molto stimolante: il Santuario è il Pantheon della Sardegna. Il Cima conquista e altre opere fa uscire l’isola dal Medioevo, dal Gotico e dal Barocco. Noi ci occupiamo degli aspetti tecnici con rilievo scientifico senza sostituirci ai professionisti che formiamo e sosteniamo” dice Antonello Sanna. Ma non solo. “L’accordo di collaborazione con Guasila rientra nella nostra terza missione: ricerca e formazione con enti locali, imprese e territorio in genere”. Il professor Sanna dirige il Dicaar, al terzo posto tra 44 dipartimenti italiani del comparto dell’ingegneria civile, ambientale e architettura. “Per noi è un grande giorno. Il nostro Santuario - aggiunge Paola Casula, sindaco di Guasila -  è motivo di orgoglio e portatore di valori affettivi per i miei concittadini. La convenzione con l’ateneo è il primo tassello e si aggiunge nelle risorse destinateci della Regione, 180mila euro, determinanti per studiare, risanare e valorizzare l’opera del Cima”. Anche per Fausto Mistretta e Paolo Sanjust (responsabili scientifici dell’intesa) soddisfazione più di uno spunto per lo studio su “un’opera che ha pochi eguali, da studiare nei dettagli”. Per Antonella Sanna (Soprintendenza beni culturali di Cagliari) poche storie: “Il Santuario, inserito nella nostra programmazione per la manutenzione, è stato portato anche all’attenzione del ministero a Roma e ed per noi un bene di forte interesse”. Infine, l’assessore alla cultura di Guasila, Ignazio Marras: “Il Santuario è per la comunità e non solo un gioiello preziosissimo. Monsignor Ottorino Alberti diceva: “Guasila, sa bidda de sa cresia bella!”.
 

Fausto Mistretta

Paolo Sanjust

Antonella Sanna
Guasila, Santuario della B.V. Assunta
Guasila, Santuario della B.V. Assunta

 
PHOTOGALLERY foto: Francesco Cogotti (UniCa)
Fausto Mistretta - clicca per ingrandire Paolo Sanjust - clicca per ingrandire Paola Casula - clicca per ingrandire intervista a Fausto Mistretta - clicca per ingrandire
clicca per ingrandire un momento della conferenza - clicca per ingrandire clicca per ingrandire
firma della convenzione - clicca per ingrandire 
clicca per ingrandire
Antonella Sanna - clicca per ingrandire clicca per ingrandire Antonello Sanna e Paola Casula - clicca per ingrandire
Paola Casula e Fausto Mistretta 
 

Ansa
www.ansa.it/sardegna/notizie/2017/09/13
 
Sulcis-Iglesiente
www.laprovinciadelsulcisiglesiente.com/
 
Sardinia Post
www.sardiniapost.it/cronaca/fessure-infiltrazioni-nasce-la-task-force-salvare-santuario-guasila/

Casteddu online
www.castedduonline.it/guasila-firma-storica-il-santuario-sara-il-pantheon-della-sardegna/

Unione Sarda.it
www.unionesarda.it/articolo/cultura/2017/09/08 
 
Unione Sarda.it
www.unionesarda.it/articolo/sardegna_agenda/2017/09/12

Unione Sarda.it
www.unionesarda.it/articolo/cultura/2017/08/26/guasila_accordo_con_l_ateneo_di_cagliari_per_la_salvaguardia_del-8-637757.html

L’UNIONE SARDA
L’UNIONE SARDA di mercoledì 13 settembre 2017 / Provincia di Cagliari (Pagina 21 - Edizione CA)
GUASILA
Il santuario dell’Assunta sotto la lente dei ricercatori
Alleanza tra Comune di Guasila e Università di Cagliari per valorizzare il santuario della Beata Vergine Assunta. Oggi, alle 11 l’aula magna della Facoltà di Ingegneria e Architettura ospita la firma della convenzione tra la sindaca, Paola Casula, e il Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura (Dicaar). Il progetto di ricerca riguarda lo studio architettonico e strutturale del santuario eretto a Guasila su progetto, del 1839, dell’architetto cagliaritano Gaetano Cima. L’opera, unica nel suo genere, verrà studiata per la conservazione e la valorizzazione turistica. Alla firma dell’accordo saranno presenti l’assessore alla Cultura di Guasila, Alessandro Zucca, il direttore del Dicaar, Antonello Sanna, gli specialisti responsabili del progetto, Fausto Mistretta e Paolo Sanjust. Per la Soprintendenza ai beni culturali di Cagliari, interverrà Antonella Sanna. (s. sir.)
 
 
Guasila, Santuario della B.V. Assunta
Guasila, Santuario della B.V. Assunta
 
 
Gli specialisti del Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura devono studiare l’opera firmata da Gaetano Cima nel 1839. L’intesa che viene siglata da Paola Casula e Antonello Sanna punta a conservare e valorizzare, anche per fini turistici, la pregiata realizzazione
 
Cagliari, 12 settembre 2017
Mario Frongia
 
Domani, mercoledì 13 settembre, alle 11, l’aula magna della facoltà di Ingegneria e architettura - via Corte d’Appello, Cagliari - ospita la firma della convenzione tra il comune di Guasila e il Dicaar (Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura) dell’Università del capoluogo.
 
VALORIZZAZIONE STORICA, CULTURALE E TURISTICO. Il progetto di ricerca oggetto della convenzione tra ateneo e municipalità è finalizzato allo studio architettonico e strutturale del Santuario della B.V. Assunta. Il Santuario è stato eretto a Guasila su progetto risalente al 1839, dell’architetto cagliaritano Gaetano Cima. L’opera, unica nel suo genere per pregio architettonico, previa valutazione dei livelli di sicurezza, viene studiata per la conservazione e la valorizzazione anche in chiave turistica.
 
CONFERENZA STAMPA. Alla firma della convenzione tra comune e Università prendono parte il sindaco e l’assessore alla cultura di Guasila, Paola Casula e Ignazio Marras, il direttore del Dicaar, Antonello Sanna, gli specialisti responsabili del progetto, Fausto Mistretta e Paolo Sanjust. Per la Soprintendenza beni culturali di Cagliari, interviene Antonella Sanna.


 IC

Last news

18 October 2021

Campus, Parco, Città: un progetto per l’Università di Cagliari

Lunedì 18 ottobre alle 18 alla presenza del Rettore Francesco Mola e del Sindaco Paolo Truzzu la presentazione del volume di Francesco Cherchi e Marco Lecis che ridisegna gli spazi universitari (e non solo) di viale Sant’Ignazio a Cagliari, nell'ambito di un progetto realizzato in perfetta sinergia tra la Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche e il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura. Un'occasione di studio e confronto proiettata sul futuro del nostro Ateneo

18 October 2021

Il Museo di Zoologia apre le sue porte per i 400 anni di UniCa

Martedì 19 ottobre alle 10, la Facoltà di Biologia e Farmacia organizza una visita guidata alle preziose collezioni zoologiche conservate nel complesso di Ponte Vittorio. L'evento sarà introdotto dalle docenti Rita Cannas e Susanna Salvadori. Le raccolte, recentemente riorganizzate e curate in una nuova esposizione, comprendono alcune migliaia di esemplari di notevole interesse storico, scientifico e didattico

Questionnaire and social

Share on: