Accolti in ateneo i giovani della Northeastern University per un corso di Ingegneria su riciclo e sostenibilità ambientale. FOTO
18 May 2017

clicca per ingrandire
Cagliari, 18 maggio 2017 - Gli studenti di Boston con i colleghi di Cagliari, al centro della foto le professoresse Carucci e Onnis-Hayden. Nella pagina altre immagini dell’incontro nell’aula magna di via Marengo (cliccare per ingrandire)

 
Ingegneria ambientale e gestione rifiuti: venti studenti americani un mese in città nell’ambito del programma internazionale “Dialogue of Civilizations”. Quattro di loro studieranno a Cagliari per un intero semestre

Cagliari, 18 maggio 2017
Ivo Cabiddu

 
Questa mattina nell’aula magna di Ingegneria si è svolto l’incontro di benvenuto con i venti giovani statunitensi della Northeastern University di Boston, arrivati all’Università di Cagliari per il programma "Dialogue of Civilizations". I saluti ufficiali dell’Ateneo sono stati portati dalla professoressa Alessandra Carucci, prorettore all’internazionalizzazione del nostro ateneo, insieme al professor Corrado Zoppi, presidente della facoltà di Ingegneria e Architettura. L’accoglienza ha visto anche le presentazioni dei due atenei da parte dei rispettivi studenti.

Come già nelle passate edizioni, la delegazione USA è stata accompagnata dalla professoressa Annalisa Onnis-Hayden, laureata dell’Università di Cagliari e ora docente di ingegneria civile e ambientale della Northeastern University. Quale Visiting Professor, dal 6 al 25 giugno 2012 Annalisa Onnis-Hayden terrà anche un ciclo di seminari rivolti a studenti della laurea magistrale in Ingegneria per l’ambiente e il territorio, a dottorandi in Ingegneria e scienze per l’ambiente e il territorio (Dottorato in Geoingegneria e Tecnologie Ambientali) e a tutti colori che ne fossero interessati. 

Anche quest’anno la permanenza a Cagliari degli studenti di Boston - che alloggeranno nella Foresteria universitaria del Polo Aresu - durerà circa un mese, tra maggio e giugno, durante il quale parteciperanno a corsi e seminari sul tema “Sustainable waste management: European practices for resource recovery and environmental protection” (gestione sostenibile dei rifiuti: pratiche europee per il recupero delle risorse e la tutela ambientale). Oltre a conoscere impianti e aziende sarde del settore e approfondire le tecnologie e le politiche adottate nella nostra regione con esperti e docenti del nostro ateneo, i giovani del Massachusetts avranno inoltre modo di visitare diverse località della Sardegna e quindi di poterne apprezzare le bellezze naturali, la varietà e la ricchezza culturale. Nel programma, come negli analoghi corsi del 2015 e del 2016, sono previste attività congiunte con gli studenti dell’Università di Cagliari e questa esperienza di scambio pone le basi per la sottoscrizione di ulteriori accordi con la Northeastern University che dovrebbero permettere ai nostri iscritti di poter svolgere periodi di studio a Boston.

   

clicca per ingrandire clicca per ingrandire
clicca per ingrandire clicca per ingrandire clicca per ingrandire clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
Cagliari, 18 maggio 2017 - Nell’aula magna di via Marengo il gruppo di giovani della Northeastern University

IL CORSO. Tecnologie e politiche per il recupero di risorse, smaltimento e trattamento dei rifiuti solidi urbani e industriali, con particolare attenzione a processi, materiali ed energia di recupero, caratterizzazione dei rifiuti, riduzione alla fonte, riciclaggio e selezione delle diverse frazioni, compostaggio, digestione anaerobica. Impatto ambientale di diversi scenari di gestione dei rifiuti, analisi e progettazione preliminare delle opzioni di smaltimento. Governance, scienza e ingegneria sanitaria ambientale, aspetti socio-politici legati alla gestione dei rifiuti e della tutela ambientale.

 





 

cagliari, 18 maggio 2016 (foto: ivo cabiddu)
Cagliari, 18 maggio 2016 - Nell’aula magna di via Marengo il gruppo di giovani della Northeastern University partecipanti lo scorso anno


 

 
Annalisa Onnis HaydenL’esperienza del 2015 e del 2016 si ripete. Esattamente un anno dopo, altri venti giovani statunitensi, tutti giovani iscritti della Northeastern University di Boston, sono in arrivo all’Università di Cagliari per svolgere attività didattiche, visite tecniche e visite turistico/culturali nell’ambito del programma "Dialogue of Civilizations".

L’accoglienza è prevista dopodomani, giovedì 18 maggio alle 10.30 nell’aula magna di Ingegneria e Architettura, con i saluti di benvenuto ufficiale della professoressa Alessandra Carucci, prorettore all’internazionalizzazione del nostro ateneo, insieme ai professori Corrado Zoppi (presidente della facoltà), Aldo Muntoni e Gian Piero Deidda. Ad accompagnare e guidare i ragazzi USA ci sarà anche la loro professoressa Annalisa Onnis-Hayden (foto a destra), docente di ingegneria civile e ambientale e studiosa di ecotossicologia, sistemi di trattamento biologico, sostenibilità ecologica e salute.

Anche quest’anno la permanenza a Cagliari degli studenti di Boston durerà circa un mese, tra maggio e giugno, durante il quale parteciperanno a corsi e seminari sul tema “Sustainable waste management: European practices for resource recovery and environmental protection” (gestione sostenibile dei rifiuti: pratiche europee per il recupero delle risorse e la tutela ambientale). Oltre a conoscere impianti e aziende sarde del settore e approfondire le tecnologie e le politiche adottate nella nostra regione con esperti e docenti del nostro ateneo, i giovani del Massachusetts avranno inoltre modo di visitare diverse località della Sardegna e quindi di poterne apprezzare le bellezze naturali, la varietà e la ricchezza culturale. Nel programma, come negli analoghi corsi del 2015 e del 2016, sono previste attività congiunte con gli studenti dell’Università di Cagliari e questa esperienza di scambio pone le basi per la sottoscrizione di ulteriori accordi con la Northeastern University che dovrebbero permettere ai nostri iscritti di poter svolgere periodi di studio a Boston.

 

 

 



 

Last news

22 May 2022

UniCa C’è a Monumenti Aperti

Si rinnova anche per l'edizione 2022 la collaborazione tra l'Università degli Studi di Cagliari e la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata da Imago Mundi. Otto i siti dell'Ateneo aperti al pubblico nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio: il Palazzo del Rettorato, l'Archivio storico dell'Università, la Collezione Piloni, il MUACC, i giardini della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e sociali, l'Orto Botanico, la Cittadella dei Musei con le sue fortificazioni e il Trentapiedi dei Monumenti a Pirri, realizzato dal laboratorio Vestigia UniCa, coordinato da Fabio Calogero Pinna, docente di Archeologia pubblica

20 May 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS

20 May 2022

Ricerca, dal Fetal programming al come e al quando ci si potrà ammalare

“Dimmi che gestazione hai avuto e ti dirò se e di quali malattie potrai soffrire da adulto”. È stata questa, negli anni '80, l’intuizione dell’epidemiologo David Barker. L'ipotesi sostiene il lavoro, pubblicato dall'European review for medical and pharmacological sciences, curato dal team di specialisti dell’’Università di Cagliari e dell’Aou. La ricerca ha esplorato una casistica di pazienti che  hanno contratto il Covid-19

Questionnaire and social

Share on: