Cambia il programma di studi della prestigiosa università statunitense. Si punterà su temi religiosi, culturali e scientifici
18 February 2007

Roma (Agenzia Fides) - E’ la più grande rivoluzione culturale che Harvard abbia conosciuto dagli anni Settanta: dopo 30 anni, cambia il programma di studi della prestigiosa università statunitense. Si punterà su temi religiosi, culturali e scientifici. Il nuovo elenco di materie che gli studenti dovranno affrontare è frutto del lavoro di tre anni di una commissione composta da sei docenti e due studenti.

Negli ultimi anni il programma della più antica università americana era stato più volte contestato per l’attenzione eccessiva agli argomenti puramente accademici e lo scarso interesse per i temi che più da vicino toccano la vita degli esseri umani.

Così si è deciso di introdurre otto nuove aree tematiche di studio. Una di queste ha il titolo ’società nel mondo’ e permetterà agli studenti di “conoscere i valori, le tradizioni e le istituzioni” di altri paesi, si legge in un rapporto di 34 pagine che anticipa le novità. Lo scopo, è stato chiarito, è di “provincializzare” gli studenti che, forti di una cultura dominante nel mondo, raramente si interessano a usi e costumi del resto del pianeta.

Harvard ha rischiato per qualche tempo di essere l’unica istituzione della Ivy League in cui si studiava la materia ’religione’, ma l’ipotesi è stata fatta cadere nel dicembre scorso. Nonostante sia stata fondata 370 anni fa per istruire pastori puritani, l’università è laica. Per questo ci sarà una cattedra di “cultura e credo religioso” che consentirà di conoscere “idee, arte e religione nel contesto di condizioni sociali, politiche, religiose ed economiche”.

“Harvard è un’istituzione laica, ma la religione rappresenta una parte importante della vita dei nostri studenti”, si sottolinea nel documento. Del resto, il 94 per cento delle matricole sostiene di discutere “di frequente” o “occasionalmente” di religione, mentre il 71 per cento assicura di frequentare regolarmente funzioni religiose.

Gli studenti avranno l’occasione di studiare più approfonditamente materie scientifiche, ma potranno farlo con un occhio più attento all’etica, per esempio quando si parla di ricerca sulle cellule embrionali. Ci sarà spazio anche per il ragionamento empirico ed etico, così come per “la comprensione interpretativa ed estetica”.


 
Fonte: http://www.fides.org

 

Last news

11 August 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 August 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 August 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 August 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie