I 460 scienziati che sono rientrati in Italia sei anni fa non riescono a trovare posto nelle Università.
08 February 2007

Il programma italiano per il "Rientro dei cervelli" dall’estero non ha avuto gli esiti sperati . I 460 scienziati che sono rientrati in Italia sei anni fa non riescono a trovare posto nelle Università. La notizia è apparsa sulla versione on-line della rivista Nature.
Promosso nel 2001 dal Ministero dell’Università e della Ricerca il programma aveva lo scopo di richiamare giovani che svolgevano la loro attività di ricerca all’estero; i ricercatori potevano contare su un contratto quinquennale che sarebbe stato un primo passo verso l’inserimento nelle strutture accademiche italiane.

L’anno scorso, allo scadere dei primi cinque anni del progetto, il Ministero dell’Università ha stanziato 3 milioni di euro in un anno per coprire il 95 per cento degli stipendi di quei ricercatori per cui i dipartimenti di riferimento si erano espressi con note positive in merito all’inserimento nell’organico.

Buona parte di questi finanziamenti sono rimasti inutilizzati perché il senato accademico di molte Università ha vissuto il programma di rientro dei cervelli come una forzatura istituzionale per "fare saltare la coda", così si legge sulla rivista Nature, a ricercatori che vengono da fuori a danno di coloro che, in Italia, da anni aspettano di avere un posto all'interno dell'Università. Nonostante, dunque, la volontà dei direttori dei dipartimenti in cui molti dei 460 giovani ricercatori prestano attività a confermare i cervelli nostrani rientrati cinque anni fa, la loro candidatura non è stata accettata.

Il Consiglio Nazionale delle Università, inoltre, ha espressamente dichiarato che i partecipanti al programma del "rientro dei cervelli" dovevano essere considerati, per legge, alla stessa stregua dei ricercatori stranieri che decidono di lavorare in Italia. Questo vuol dire che possono concorrere per una posizione che sia simile a quella che occupavano nel paese di provenienza. Per i giovani ricercatori, molti dei quali avevano all’estero delle borse di post-dottorato, questo vuol dire non poter concorrere neppure per posti da ricercatore in Italia. Un vizio formale, un cavillo, che rischia di rendere inattuabile lo scopo ultimo del programma: quello, cioè, di far rientrare in maniera stabile nel nostro paese i giovani che le nostre università hanno formato e che da troppi anni sono costretti ad emigrare.

Fonte: Abbott A. Italian jobs cause ruction. new@nature
emanuela grasso


Il Pensiero Scientifico Editore

Last news

02 October 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemilacinquecento presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una sessantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 September 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 September 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 September 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie