Per assicurare l’imparzialità e la trasparenza delle attività dell’Università connesse con la didattica, che incidono sui diritti e sugli interessi degli studenti.
04 February 2007

Il Rettore dell’Università di Messina, prof. Francesco Tomasello, ha incontrato  i rappresentanti degli studenti nel Senato Accademico e nel Consiglio di Amministrazione e il presidente del Consiglio degli Studenti. Ha loro ribadito che il Governo dell’Ateneo ha già da tempo allo studio una proposta, che sarà sottoposta, sentito il Consiglio degli Studenti, all’approvazione di Senato Accademico e Consiglio di Amministrazione nelle prossime riunioni di metà febbraio, finalizzata alla istituzione dell’ufficio del Garante degli Studenti e del Personale precario della ricerca, con il compito di assicurare l’imparzialità e la trasparenza delle attività dell’Università connesse con la didattica, che incidono sui diritti e sugli interessi degli studenti. A questa funzione, che è quella normalmente assegnata negli altri Atenei al Garante degli Studenti ( o Difensore Civico), l’Università di Messina intende affiancare un ulteriore compito, che è quello di tutelare gli interessi del personale precario della ricerca, seguendo una linea politica di grande attenzione verso queste figure che svolgono un ruolo importante all’interno dell’Università e alle quali, per la prima volta negli Atenei italiani, è stata data voce nel corso di una cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico. L’incontro di oggi ha aperto una serie di consultazioni con gli studenti e con il personale precario della ricerca, al fine di pervenire ad un testo condiviso che disciplini il funzionamento dell’Ufficio. Il rettore incontrerà infatti nei prossimi giorni i rappresentanti del personale precario della ricerca per affrontare lo stesso tema.

Fonte: Ufficio stampa UniMe

Last news

06 October 2022

Presentazione dei risultati del progetto di ricerca BIRDIE-S

Oggi, nell’aula magna del rettorato di Cagliari, si svolge il convegno sugli importanti studi condotti dalle ricercatrici e dai ricercatori di Enel Foundation, Università di Cagliari e Politecnico di Torino sulle opportunità e prospettive per la Sardegna, che può ambire a diventare un polo di eccellenza per lo studio e l’attuazione delle politiche di transizione energetica. Anche alla luce dell’attuale scenario internazionale, si parla di elettrificazione dei consumi, dello sviluppo di comunità energetiche rinnovabili, di stabilità dei prezzi e della sicurezza energetica. Fabrizio Pilo, prorettore all'innovazione e ai rapporti con il territorio: "L'obiettivo è creare le condizioni affinché la Sardegna diventi il riferimento internazionale per la transizione energetica, dalla quale può ottenere grandi benefici ambientali, sociali ed economici". L'EVENTO ANCHE IN STREAMING, SU TEAMS

06 October 2022

Urban Nature 2022

L’8 ottobre torna in tutta Italia "Urban Nature", sesta edizione dell’iniziativa promossa dal WWF per diffondere il valore e la cura della natura in città per il benessere delle persone. Al convegno organizzato nel Parco di Molentargius partecipano esperti e ricercatori universitari. Appuntamento alle 10, nell’edificio Sali Scelti del Parco naturale regionale Molentargius-Saline

05 October 2022

Igag days, si parla di Capitale Naturale

Dal 6 ottobre due giornate in cui il personale dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Igag) proveniente dalle sedi di Roma, Milano e Cagliari si riunisce in Sardegna per discutere dei temi di ricerca nel campo delle scienze delle Terra solida. Apertura dei lavori nell'Aula magna di via Marengo con la partecipazione del direttore del DICAAR Giorgio Massacci

05 October 2022

Innovation Campus, Samsung e Università di Cagliari annunciano la prossima edizione

Mentre è in conclusione il corso 2022 - a fine ottobre le premiazioni dei migliori finalisti - l'ateneo e la company coreana confermano l'iniziativa anche per il 2023. Intelligenza artificiale e Internet of things al centro dei training a cui potrà partecipare gratuitamente una selezione di studenti e studentesse provenienti dalle facoltà STEM di UniCa. Il prorettore vicario con delega all'ICT, Gianni Fenu: "Un’ulteriore esperienza di crescita per i partecipanti, in termini di arricchimento professionale e funzionale al miglior inserimento nei contesti lavorativi pubblici e privati”

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie