La Stampa: "Open source &è; bello, lo dice l’Ue". Lo studio giunge alla conclusione che l’open source può fungere da abilitatore per colmare il divario nei confronti degli Stati Uniti
24 January 2007
 
R A S S E G N A   W E B

La Stampa: "Open source è bello, lo dice l’Ue". Lo studio giunge alla conclusione che l’open source può fungere da abilitatore per colmare il divario nei confronti degli Stati Uniti



LA STAMPA
 

È stato pubblicato un rapporto della Commissione Europea per le tecnologie nella società dell’informazione sulla distribuzione delle competenze Floss (Free/Libre Open Source Software). Lo studio giunge alla conclusione che l’open source può realmente fungere da abilitatore per colmare il divario nei confronti degli Stati Uniti.
In particolare, il trend di crescita di aziende e sviluppatori open source permetterebbe all’Europa di raggiungere l’obbiettivo di diventare l’economia più competitiva in termini di innovazione entro il 2010. Inoltre, l’utilizzo di strumenti open consentirebbe di compensare la tendenza delle aziende europee a investire poco in tecnologie.
Secondo una simulazione, inoltre, un passaggio della percentuale di investimenti in Floss dal 20% al 40% porterebbe a un incremento dello 0,1% del prodotto interno lordo dell’Unione Europea, circa 10 miliardi di euro all’anno, senza considerare i benefici diretti all’Ict delle aziende.
Attualmente, l’investimento in Floss in Europa è pari a circa 22 miliardi di euro contro i 36 miliardi degli Stati Uniti. L’analisi condotta dall’Unione Europea sostiene che il 63% di tutti gli sviluppatori su piattaforme open risiede nel Vecchio Continente contro il 20% di Canada e Usa.
Ancora, il 42% degli utilizzatori che contribuiscono attivamente alle modifiche di codice open registrati su Sourceforge è europeo, contro il 39% dei nordamericani, il 7% di asiatici e il 4% di latinoamericani. Ancora, il 45% dei partecipanti alle liste di distribuzione di FreeBsd, Gnome e Debian risiede in Europa, contro il 27% di Usa e Canada.
Conferma ciò che è sempre stato sostenuto dai sostenitori dell’open source l’analisi sui costi effettuata su sei progetti sviluppati in Europa tra cui quelli per il Consorzio dei comuni della provincia di Bolzano, della Provincia di Pisa e di quella di Bolzano.
In primo luogo, i costi di migrazione verso le soluzioni open possono risultare alti ma non quanto quelli iniziali di adozione di software proprietario. I costi di mantenimento, inoltre, in alcuni casi risultano più alti nel caso di soluzioni open ma, tirando le somme su 5 anni, in cinque casi su sei si dimostra come il costo totale di una soluzione open sia più basso di una equivalente proprietaria.
Il rapporto si conclude con dei consigli ai governanti europei. Il supporto per la ricerca in ambito open, per esempio, il controllo degli investimenti in It nella scuola, gli sgravi fiscali, il supporto per la ricerca di una standardizzazione e la promozione di partnership tra fornitori open source e le aziende. Speriamo non cadano nel vuoto.

Last news

08 December 2021

Congresso nazionale degli operatori radiofonici universitari

A Cagliari, dal 10 al 12 dicembre, il primo raduno della categoria sul tema “Il futuro della radiofonia italiana universitaria: proposte per una visione più europea”. In arrivo nel capoluogo sardo i rappresentanti di oltre trentatré emittenti studentesche da tutta Italia che si incontreranno nella Mediateca del Mediterraneo. Organizzazione a cura di Unica Radio, la webradio degli studenti dell'Università di Cagliari

07 December 2021

DUST IN THE WIND

Perturbazioni e problemi idroclimatici antropogenici nelle terre aride: giovedì 9 dicembre il seminario della professoressa statunitense Kathleen Nicoll (University of Utah) su cause ed effetti della desertificazione in regioni a rischio di siccità, come il Mediterraneo, a confronto con le variabili ecogeomorfiche e le attività umane alla base delle tempeste di polvere a Salt Lake City e nelle vicine montagne Wasatch. Appuntamento organizzato su Teams dal Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche e coordinato dal professor Guido Mariani nell’ambito del ciclo di seminari 2021-22 dei Corsi di laurea in Geologia e Scienze e tecnologie geologiche

07 December 2021

Transizione energetica e mobilità

Venerdì 10 dicembre, ore 17:45, continua la serie di conferenze organizzate da Legambiente Sardegna con la collaborazione del Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e architettura dell'Università di Cagliari (Dicaar) con il comune obiettivo di tenere alta l’attenzione a focalizzare ogni sforzo sull’Agenda impostata dall’Unione europea per il Green Deal, la transizione “verde”, giusta e solidale, che ha messo a disposizione ingenti risorse mirate per la ripresa e la resilienza dei Paesi membri. Con i docenti di UniCa Giorgio Massacci, Giorgio Querzoli, Gianfranco Fancello e Italo Meloni, partecipano: Paride Gasparini (Ctm), Paolo Diana (Arst) e l’assessore comunale Alessandro Guarracino. Coordina Vincenzo Tiana (Legambiente)

07 December 2021

BIP, giornata di recruiting

Si svolgerà martedì 21 dicembre, nel Centro servizi di Ateneo per l'innovazione e l'imprenditorialità dell‘Università di Cagliari in via Ospedale 121, la giornata di reclutamento organizzata dalla società di consulenza internazionale BIP Consulting. L'evento è riservato a studentesse e studenti laureandi o laureati nelle discipline STEM. Per partecipare occorre inviare il curriculum entro il 16 dicembre

Questionnaire and social

Share on: