Intervista con il primo Preside della neonata Facoltà di Architettura, prof. Carlo Aymerich
13 December 2006
Intervista con il primo Preside della neonata Facoltà di Architettura
 
(unicaweb) - 13 dicembre - Il professor Carlo Aymerich è il primo preside della neonata Facoltà di Architettura di Cagliari. Ordinario di Architettura tecnica e libero docente di Composizione architettonica, a 69 anni ammette di aver provato una forte emozione nell’essere chiamato a ricoprire il nuovo incarico. Ma l’emozione ha lasciato presto il posto all’impegno per risolvere i problemi che inevitabilmente comporta l’avvio di una nuova facoltà. “Si tratta – spiega - di affrontare una trasformazione dal punto di vista culturale dei corsi che sono stati trasferiti da Ingegneria, ponendo un maggior accento sulla cultura architettonica, individuando spazi più ampi per alcune discipline”.
 
La carta d’identità della neonata Facoltà è già pronta: tre corsi di laurea (i triennali “Tecnologia per la conservazione ed il restauro dei beni culturali” ed “Edilizia”, e il Corso di Laurea Magistralis quinquennale a ciclo unico UE in “Architettura delle Costruzioni”); circa 40 docenti – per ora -, e 360 matricole, a cui devono sommarsi gli studenti degli anni successivi.
I punti di forza?
Sicuramente i laboratori di progetto del corso di laurea in Architettura delle Costruzioni – dettaglia – Questo corso è la nostra vera punta di diamante, perché gli studenti diventano architetti a tutti gli effetti. E’ un corso simile a tutti gli altri attivi nel resto d’Italia: forma figure professionali assolutamente competenti, in grado di progettare il nuovo e recuperare l’antico. Forniremo loro una competenza davvero completa.
I corsi triennali?
Edilizia è più centrato sugli aspetti tecnici, più vicino all’Ingegneria edile, mentre Tecnologia approfondisce gli aspetti tecnici della conservazione. Si tratta di aspetti certamente fondamentali per la nostra Isola.
Come si colloca la nuova Facoltà rispetto alla gemella sassarese?
La nostra intenzione è trovare sinergie, in modo da articolare gli studi e fornire una formazione davvero completa. E’ necessario per le attività professionali e per la società sarda. Si tratta di due poli: ora finalmente i ragazzi sardi possono iscriversi nella facoltà più vicina alla loro residenza, e possono in questo modo usufruire di una formazione competitiva.
L’idea è anche di far rientrare in Sardegna gli studenti che sono stati finora costretti ad andar fuori per studiare architettura.
Esatto, Sassari non riusciva da sola a risolvere il problema: è stato calcolato che più di mille studenti sono iscritti in facoltà della Penisola. Molti di loro vengono dalle zone di Cagliari e Oristano. In questo senso era doveroso istituire la nuova facoltà.
Qualcuno parla di un fatto morale. E’ così?
Lo è anche dal punto di vista estetico: la Sardegna non brilla certo per architettura contemporanea. Finora non c’era una preparazione specifica così approfondita. Abbiamo l’obbligo morale di formare tecnici preparati.
Come tutte le Facoltà di nuova istituzione, avete il problema dei locali.
Sì, almeno per ora. Il Rettore ha però prospettato diverse soluzioni, alcune anche suggestive, come uno sviluppo della facoltà nel Centro storico di Cagliari, intorno al nucleo attuale di via Corte d’Appello.
Recentemente avete incontrato gli studenti in un’affollata assemblea. E’ stato posto il problema della laurea specialistica per i corsi triennali. Come pensate di risolverlo?
In Italia ci sono pochi corsi specialistici di quel tipo, ma siamo impegnati a risolvere questo problema. Stiamo aspettando i decreti Mussi, perché volevamo istituire le specialistiche aggiornate alle nuove disposizioni. E’ chiaro che, se i decreti del nuovo Ministro per l’Università dovessero tardare ancora, presto procederemo con la vecchia normativa.

Last news

11 August 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 August 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 August 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 August 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie