Per la tenacia di uno studente a Catania la mensa ha introdotto i menu vegetariani
05 December 2006

V e g e t a r i a n i . i t
R A S S E G N A   W E B 
  
E all’università si mangia vegetariano

La novità è che anche un semplice studente può fare la differenza
A Catania, infatti, l’introduzione dei pasti vegetariani in mensa la si deve proprio alla tenacia e alla volontà di un singolo studente che ha portato avanti la sua battaglia per la libertà di scelta alimentare. E ha vinto!

4 dicembre 2006. A partire dal 22 novembre scorso, nella mensa universitaria di Catania di via Oberdan è stata introdotta la “linea verde”, ovvero una scelta di menu vegetariani per dare la possibilità a tutti gli studenti che conducono un’alimentazione vegetariana e vegan, di usufruire appieno dei servizi di ristorazione della mensa. La decisione è scaturita grazie alle pressanti richieste di uno studente vegetariano, socio LAV, che per mesi non ha potuto usufruire appieno della mensa universitaria la quale offriva quasi esclusivamente piatti a base di carne.
 
Soddisfazione è stata espressa dalla LAV per la dimostrata sensibilità dell’Amministrazione verso una porzione in crescita della società, costituita da quanti decidono di adottare questo tipo di regime alimentare. Il numero di vegetariani in Italia, secondo un recente studio dell’Eurispes, si aggira intorno ai 3 milioni di persone, cifra destinata ad incrementarsi; sono sempre di più, infatti, le persone che decidono di abbracciare la scelta vegetariana, spinti da motivi etici o semplicemente dalla ricerca di un’alimentazione sana e priva di sostanze dannose per l’organismo, come proteine in eccesso, grassi saturi e prodotti chimici aggiunti, presenti nei cibi di derivazione animale.
 
"Spesso le persone che conducono questo tipo di alimentazione sono costretti a subire disagi di portata non indifferente per la mancanza di sensibilità da parte della società - ha dichiarato Ivan Riggi, lo studente socio LAV protagonista della vicenda - che non sempre accoglie in maniera aperta e disponibile la scelta di vita di un numero crescente di persone. Così i vegetariani sono frequentemente costretti a troppe rinunce per la carenza di assortimento nell’offerta alimentare di molti punti di ristoro che non forniscono una linea alternativa a quella a base animale".
 
Per questo motivo la decisione dell’introduzione di una linea vegetariana rappresenta, secondo la LAV di Catania, un passo avanti verso il pieno rispetto dei vegetariani e delle loro scelte anche in base all’art. 2 della Costituzione: ai vegetariani, infatti, devono essere garantiti pari diritti ed opportunità al pari degli altri consumatori ed utenti. La LAV invita le altre mense universitarie ad aderire a questa scelta di valore etico, per dare la possibilità a chi già ha intrapreso l’alimentazione vegetariana di scegliere liberamente le pietanze in conformità al proprio regime alimentare ed a chi è interessato, ma non ha ancora imboccato questa strada, di poter conoscere e provare il piacere e il benessere derivanti da una dieta a base vegetale.
 

Last news

28 June 2022

Raccontare la ricerca: adesioni entro il 4 luglio per la SHARPER Night 2022

Data e sede sono già confermate: si terrà venerdì 30 settembre 2022 nell’Orto botanico di Cagliari la nuova edizione di SHARPER Night, iniziativa inserita nel contesto europeo delle European Researchers’ night. Fino al prossimo lunedì 4 luglio ricercatrici e ricercatori dell'Ateneo potranno inviare le proprie proposte per organizzare eventi, conversazioni, podcast e laboratori collegati all’iniziativa.

28 June 2022

College Sant'Efisio e Università, si rafforza l'intesa

Il Rettore alla conferenza stampa di presentazione dell'obiettivo raggiunto dalla struttura della diocesi alle pendici del Colle di San Michele, inserita dal MUR nel ristretto novero dei collegi universitari di merito (appena 54 in tutta Italia). Le parole del Magnifico: "Per noi non esiste solo un problema di quantità di posti letto intorno al nostro Ateneo: con voi abbiamo più qualità per poter accogliere le persone. Complimenti, so bene quanto costa raggiungere una certificazione di questo tipo"

28 June 2022

Premio “Donna di scienza in Sardegna”, le candidature entro il 10 luglio

La quarta edizione raddoppia con l’aggiunta dell’award “Donna di scienza giovani”. I riconoscimenti saranno consegnati nel corso del FestivalScienza 2022. L’Università di Cagliari nel pool di enti che collaborano all’organizzazione e promozione della quindicesima edizione, in programma all’ExMa di Cagliari dal 10 al 13 novembre con una serie di attività ed eventi mirati alla diffusione della cultura scientifica sul tema “Scienza & Tecnologia”

Questionnaire and social

Share on: