Il Sole 24 Ore: "All’università laureati record a quota 130mila, ma crescono gli abbandoni al primo anno"
22 November 2006
R A S S E G N A   W E B

Il Sole 24 Ore
Economia & lavoro
 
All’università laureati record a quota 130mila, ma crescono gli abbandoni al primo anno

22 novembre 2006. Un sistema, quello universitario italiano, con più zone d’ombra che di luce. Dove i laureati con il nuovo ordinamento registrano un’impennata e toccano quota 130 mila, e dove, viceversa, è in crescita il numero degli abbandoni dopo il primo anno di università. Aumenta il numero dei docenti negli atenei, con gli ordinari, ormai più numerosi degli associati, e dove al tempo stesso, non si aprono prospettive di studio e ricerca numerose per i giovani. Una realtà in cui, a fronte di una domanda forte di formazione universitaria, si allarga il numero dei corsi soprattutto quello delle lauree specialistiche, ma il sistema non è del tutto in grado di offrire una adeguata attività di tutoraggio e consulenza verso i giovani. È il quadro che emerge dal “Settimo rapporto sullo stato del sistema universitario”, presentato questa mattina a Roma dal presidente del Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario (Cnvsu), Luigi Biggeri, alla presenza del ministro dell’Università e della ricerca Fabio Mussi. Dal rapporto emerge poi, che, a tre anni dalla riforma, il sistema universitario si è stabilizzato. Le matricole sono arrivate a quota 332 mila mentre i laureati nel 2005 sono stati 301 mila. Tornano a crescere, però, al livello di pre-riforma, gli abbandoni e solo uno studente su due è in corso.
“I rapporti sullo stato del sistema universitario rappresenta la principale delle molteplici attività del Cnvsu – ha spiegato il professor Biggeri – e costituiscono un momento di riflessione sui temi dell’istruzione universitaria e sulle tendenze in atto nel sistema. I dati sono elaborati attraverso un sistema informativo oggi in grado di restituire tempestivamente il quadro complessivo e la collocazione relativa di ciascun ateneo”.
Per la prima volta, il Cnvsu ha presentato i dati dell’anagrafe dei dottorati di ricerca relativi all’anno accademico 2003-04. Rispetto al 2000, cresce il numero di corsi di dottorato, da 1.729 a 2.124. Il 94% circa dei corsi di dottorato costituisce un proseguimento o una modifica di un corso già attivato, mentre i nuovi corsi si fermano al 7% del totale. Un altro dato presentato nel rapporto indica l’aumento degli “associati” donna. Tra il 1998 e il 2006, aumenta la presenza femminile, arrivando a 6.216, ma con differenze significative. L’incremento va da un valore minimo dell’0,8% per l’area di Scienze matematiche ed informatiche – con 448 su un totale di 1.120 “associati” – al valore massimo del 7,6% per le scienze chimiche, con 407 “associati” donna su un totale di 1.142.
“Il rapporto del Cnvsu offre uno stock di informazioni preziosissime sull’università italiana – ha dichiarato il ministro Mussi – che verranno presto utilizzate dalla costituenda Agenzia della valutazione preposta all’aumento dei delta di miglioramento del sistema. Le eccellenze possono crescere solo se si innalza il livello dell’intero sistema universitario”.
Il ministro ha poi aggiunto, riguardo ai tagli previsti dalla finanziaria per l’università, che ci sono anche problemi relativi al diritto allo studio e, in particolare, per quanto riguarda il budget delle borse di studio. ’’Non so - ha concluso Mussi - fino a quanto si possa migliorare la situazione, ma finché c’è discussione, c’è speranza’’.
 
Natalia Marra
  
 

 
in Rete:
  
- VII rapporto CNSVU
 
 



Last news

05 October 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

04 October 2022

Tutti a caccia della bomba e dello scienziato pazzo: storie e fantasia per comunicare la ricerca

Quattrocento partecipanti all'Adventure nights: la caccia al tesoro scientifica all'Orto botanico è stata vinta dai team "Spagna" e "Stati Uniti", ha chiuso Sharper 2022. Enigmi e tranelli curati dai ricercatori dell'Università di Cagliari, Massimo Barbaro, Ambra Demontis, Annalisa Vacca, Stefania Tronci, Roberta Licheri, Michele Mascia, Maria Polo, Michela Marignani, Gian Luca Marcialis, Gian Battista Cocco, Giorgia De Gioannis, Francesca Maltinti, Roberto Ricciu e Tiziana Pivetta. Tra i temi del gioco di ruolo, transizione energetica, specie aliene invasive, cybersecurity, intelligenza artificiale, inquinamento acustico e modelli 3d del volto. L'approfondimento sulla Notte oggi in prima serata tv su Tele Sardegna

02 October 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemilacinquecento presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una sessantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 September 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie