Mercoledì 22 novembre 2006: "Dai sistemi informativi geografici al “geo-web"
21 November 2006
mercoledì 22 novembre 2006
convegno a Polaris : "Dai sistemi informativi geografici al “geo-web"
 
Mercoledì 22 novembre, in occasione della giornata mondiale 2006 dei GIS, il Consorzio Ventuno e il CRS4 organizzano il convegno “GIS DAY 2006, dal GIS al Geo-Web”. L’incontro è programmato dalle ore 10 alle 17 a Pula, presso il Parco scientifico e tecnologico della Sardegna (Polaris, edificio 2).
 
I GIS, (geographic information systems - sistemi informativi geografici) sono strumenti che permettono l’acquisizione, la gestione, l’analisi, la visualizzazione di informazioni derivanti da dati georeferenziati.
Caratteristica principale dei GIS è la capacità di gestire in maniera integrata dati di diversa natura e di svolgere, su questi, analisi anche molto complesse. Queste capacità li rendono strumenti indispensabili per
coloro che hanno a che fare con dati territoriali e che, con l’ausilio di questa tecnologia, possono spiegare eventi, fare previsioni e pianificare strategie.
 
I campi di applicazione dei GIS sono innumerevoli, tra questi l’ambiente e la tutela del territorio (perimetrazione di zone soggette a particolari rischi: frane, inondazioni, erosione, desertificazione, vulnerabilità degli acquiferi, etc), l’urbanistica (pianificazione territoriale), la viabilità e i trasporti (individuazione dei percorsi più brevi e ottimali), la gestione delle emergenze e la protezione civile (mappatura delle zone più congestionate in caso di evacuazione), il turismo (elaborazione di percorsi
turistici con consultazione di immagini, video e informazioni su hotel, musei, etc.), le reti tecnologiche (gestione e manutenzione di reti del gas, reti telefoniche, acquedotti, etc.), il geomarketing (ad esempio per la gestione clienti).
 
Lo studio e lo sviluppo di applicazioni GIS rappresentano oggi una delle scommesse per lo sviluppo di un territorio, resa più interessante e complessa dall’affermarsi sempre maggiore della connessione mondiale tra i ricercatori: la rete Internet (e in misura ancora maggiore il cosiddetto WEB 2.0) incoraggia l’interscambio continuo di informazioni sui luoghi e l’elaborazione di nuove applicazioni che permettono una visualizzazione chiara e coinvolgente di questi dati, come dimostrano due casi fortunatissimi, Google Hearth e Google Map.
 
La Regione Sardegna intende promuovere sempre di più lo studio e lo sviluppo di queste reti, valorizzando al massimo le energie già operanti nell’Isola come i ricercatori del gruppo GIS del CRS4 e le imprese del settore. In questa direzione il Consorzio Ventuno ha predisposto uno specifico progetto cluster per le imprese dal titolo "Mashup e Geo-Web", che sarà presentato all’interno della giornata di lavori.
 
Il GIS day mondiale è promosso dalla National Geographic Society, dalla Association of American Geographers, dalla UCGIS (University Consortium for Geographic Information Science), dalla United States Geological Survey, dalla Library of Congress e dalla ESRI, società leader del mercato mondiale del GIS.
 
Al GIS DAY di POLARIS interverranno ricercatori e professionisti che racconteranno progetti e iniziative di enti locali, università, centri di ricerca e società sarde.
 
Il progetto cluster "Mashup e Geo-Web, nuove idee per il Web 2.0", promosso dal Consorzio Ventuno in collaborazione con il CRS4, si rivolge ad aziende private del settore ICT (Tecnologie dell’informazione e della comunicazione) con l’obiettivo di favorire l’acquisizione di conoscenze specifiche sugli strumenti alla base del Web 2.0 e del Geo-web e la sperimentazione di nuove idee applicative. Le manifestazioni di interesse potranno essere presentate fino al 12/12/2006 via mail a clustergeoweb@consorzio21.it.
Un progetto cluster prevede il coinvolgimento di più imprese per la realizzazione di un fine comune grazie all’assistenza del Consorzio Ventuno per la formazione, la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione in un dato settore.
 
 

 
 

Last news

01 October 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemila presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una cinquantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 September 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 September 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 September 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie