Venerdì 17 novembre 2006 presentazione di "Cromo-architetture spazio-temporali della musica - il progetto Musicolor tra ricerca, estetica e didattica" a cura di Giuseppe Caglioti e Tatiana V.Tchouvileva (Politecnico di Milano)
08 November 2006
 CRS4, centro di ricerca, sviluppo e studi superiori in Sardegna
 
 
venerdì 17 novembre 2006
auditorium del parco scientifico e tecnologico della Sardegna Polaris
località Piscinamanna, Pula

presentazione di “Cromo-architetture spazio-temporali della musica - il progetto “Musicolor” tra ricerca, estetica e didattica” a cura di Giuseppe Caglioti e Tatiana V.Tchouvileva (Politecnico di Milano)
 
 
programma
10.30 registrazione partecipanti.
11.00 breve saluto: Giuliano Murgia, presidente Consorzio 21.
11.10 introduzione: Franco Meloni, vicepresidente CRS4.
11.20 futurismo e cromo-architetture spazio-temporali della musica: G. Caglioti.
12.00 proiezione video Effetto Note: T. V. Tchouvileva.
12.30 discussione e possibili progetti comuni
13.30 buffet
 
L’invenzione del metodo e del dispositivo Musicolor, protetta da un brevetto del Politecnico di Milano, è frutto di una ricerca interdisciplinare di un gruppo internazionale di ricercatori universitari coordinato dal prof. Giuseppe Caglioti e costituito dal prof. Goran Ramme, docente di Chimica all’Università di Uppsala, Svezia e dalla prof.ssa Tatiana V. Tchouvileva, attualmente docente a contratto di Estetica presso il Politecnico di Milano.
 
Nel dispositivo Musicolor la pressione acustica, agendo su una struttura macromolecolare trasparente, priva di pigmenti e illuminata da una luce bianca, stimola e controlla un processo naturale di auto-organizzazione in tempo reale della struttura stessa. Tale processo consiste in una successione ininterrotta di instabilità dinamiche che si traducono autonomamente e automaticamente in una sinfonia di forme le quali, evidenziando con i colori dell’arcobaleno ritmo, intensità, timbro e frequenze della musica ne visualizzano la dinamica delle architetture spazio-temporali.
 
Il progetto Musicolor potrà trovare applicazioni nel sociale (es.: video-cromo-musicoterapia negli ospedali o nelle case di riposo, prevenzione o limitazione dei danni all’udito in discoteche ecologiche) e nella gestione del tempo libero (es.: video-ascolto della musica in casa, nelle sale d’aspetto e nei supermercati, illuminazione artistica delle città e degli ambienti, decorazione di tessuti e di superfici).

Una collocazione ideale di Musicolor, anche quale strumento di incentivazione dell’opzione scientifica nella scelta della facoltà universitaria da parte dei giovani, è quella dei musei della scienza interattivi e dei laboratori scolastici.
 
Musicolor costituisce un ponte tra arte, scienza e tecnologia: è un efficace sussidio didattico per visualizzare e godere le strutture musicali e al tempo stesso è un gradevole strumento per comprendere un numero elevato di principi e fondamenti della fisica, della chimica, della scienza dei materiali e della matematica, sui quali si basa il suo funzionamento. In particolare:
- natura della luce e spettro solare
- ottica geometrica e sistemi di focalizzazione della luce
- materiali: tensione superficiale, fenomeni di capillarità
- interazione luce – materia: ottica ondulatoria e fenomeni di diffusione della luce
- acustica: natura del suono. Ritmo, intensità e timbro nella musica
- interazione suono – materia: pressione acustica e deformazioni
- modi vibrazionali, risonanze: le trasformate di Fourier
- non linearità dei sistemi dinamici: fenomeni critici, vortici, caos deterministico, auto-organizzazione.
 
Il dispositivo Musicolor, in altre parole, è uno strumento imprescindibile per i sostenitori dell’approccio pedagogico interattivo dell’imparare giocando.
 
Per ulteriori informazioni: Andrea Mameli – 338.771.72.74 - mameli@crs4.it

Last news

06 December 2022

Laureandi dell’Università di Cagliari a Ecomondo

Transizione ecologica e innovazione tecnologica, i corsi di UniCa precorrono i tempi e preparano gli specialisti per un mondo più sostenibile e vivibile. Report della visita tecnica di studentesse e studenti del corso di laurea magistrale in Ingegneria ambientale per lo sviluppo sostenibile dell’ateneo agli stand dell’esposizione internazionale che si è svolta a Rimini dal 10 al 12 novembre scorso. Ad accompagnare e guidare il gruppo il professor Aldo Muntoni (Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e architettura)

06 December 2022

CAREER DAY 2023 (#incontrailtuofuturo). Aperte le registrazioni ai colloqui di selezione

Il 12 e il 13 gennaio 2023 sono in calendario le due giornate organizzate dall’Università di Cagliari con l’Assessorato regionale del Lavoro e con l’Agenzia sarda per le politiche attive del lavoro (Aspal) per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Da una parte laureati/e, studenti e studentesse di UniCa e dall’altra le imprese del territorio impegnate nella ricerca di giovani preparati per garantire un apporto innovativo alle esigenze aziendali presenti e future. CHALLENGE A PREMI: IL 28 DICEMBRE LA SCADENZA PER PARTECIPARE ALLE "SFIDE"

06 December 2022

Piano nazionale di ripresa e resilienza, 85 milioni di euro per i progetti curati da UniCa

Approvate da Senato accademico e Cda le nomine dei ventidue referenti scientifici dell’ateneo di Cagliari per il Pnrr. Mobilità sostenibile, terapie geniche, scenari energetici, rischi ambientali, malattie infettive, biofarmacologia, economia, medicina di previsione, ecosistema dell’innovazione e cybersecurity tra gli ambiti delle ricerche

05 December 2022

Ricercatori e ricerca d'eccellenza, strategia e visione per brillare anche in Europa

L’Università di Cagliari e gli step per l’award 'HR Excellence in Research. Aperto da Francesco Mola e Alessandra Carucci il seminario su Strategia dell’ateneo, Struttura interna e Cabina di regia. Il passaggio permette di ottenere il riconoscimento ufficiale dalla Commissione Europea. "Siamo un Paese debole nell'innovare" ha detto Fulvio Esposito dell'Università di Camerino. "Attrarre giovani talentuosi per una buona ricerca è fondamentale" ha aggiunto Chiara Biglia, Politecnico di Torino

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie