Tra i musei del nostro Ateneo spiccano le collezioni zoologiche del Dipartimento di biologia animale ed ecologia. La visita all’esposizione - caratterizzata da migliaia di esemplari di grande interesse scientifico, didattico e storico - offre spunti d’interesse non solo per studiosi e studenti, ma anche per curiosi e appassionati della natura
12 November 2006
Tra i musei del nostro Ateneo spiccano le collezioni zoologiche del Dipartimento di biologia animale ed ecologia. La visita all’esposizione - caratterizzata da varie migliaia di esemplari di grande interesse scientifico, didattico e storico - offre spunti d’interesse non solo per gli studiosi e gli studenti, ma per tutti i curiosi e gli appassionati della natura
 
Le Collezioni zoologiche, recentemente riorganizzate e curate in una nuova esposizione, comprendono alcune migliaia di esemplari. Al notevole pregio e valore storico dei pezzi si aggiunge l’interesse scientifico e didattico della raccolta. La visita all’esposizione offre spunti d’interesse non solo per gli studiosi della materia ma per tutti i curiosi e gli appassionati della natura.
 

E’ possibile visitare il Museo prenotando una visita guidata al n. telefonico 070.675.8000.
 
Le collezioni zoologiche dell’Università di Cagliari hanno una storia vecchia di almeno 200 anni. I reperti zoologici più antichi risalgono, infatti, al “Gabinetto di Storia Naturale” realizzato da Lodovico Baille con il supporto del Vicerè di Sardegna Carlo Felice alla fine del XVIII secolo e donato alla Regia Università di Cagliari nel 1806.
 
Dal 1927 le Collezioni Zoologiche sono ospitate presso l’Istituto di Biologia Marina del Tirreno oggi Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia. Dopo aver subito pesanti perdite in seguito ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, dagli anni ’60 le collezioni sono state riordinate e messe a disposizione degli studenti di Scienze Naturali e Biologiche per lo studio della Zoologia e dell’Anatomia Comparata.
 
Nelle sale sono esposti animali provenienti da diverse regioni geografiche. E’ possibile ammirare molte specie esotiche provenienti dai diversi continenti, tra questi l’armadillo sudamericano, il koala australiano, l’ornitorinco, formichieri, bradipi e numerose scimmie.

Sono rappresentati esemplari di tutti i principali tipi animali - vertebrati ed invertebrati - e sono presenti gli animali più conosciuti e comuni della fauna italiana e sarda, come anche specie esotiche e rare, dai più piccoli insetti a balene, squali ed elefanti.

La fauna sarda è rappresentata da una collezione molto accurata che comprende i rappresentanti di molte specie endemiche. Sono presenti non solo specie comuni ma anche specie ormai estinte o estremamente rare in natura. In particolare, possono essere ammirati l’avvoltoio monaco, l’aquila del Bonelli, grifoni e gatti selvatici. Sono presenti anche diorami che ricostruiscono l’ambiente naturale del muflone e della foca monaca, quest’ultima rappresentata da un raro esemplare adulto impagliato.
 
Si segnala per la sua organicità e completezza la collezione ornitologica, che include tutti i rapaci della fauna sarda presenti ed estinti, nonché alcuni uccelli esotici come la colomba migratrice americana di cui esistono solo altri sette esemplari impagliati nel mondo e un rarissimo kiwi neozelandese.
 
 
 
 
 
 

Last news

02 December 2022

Disturbi del neurosviluppo e dipendenze patologiche, un problema trascurato

Dalla Cittadella di Monserrato una linea diretta con le tre giornate di lavori del 4° Forum nazionale sulle dipendenze patologiche, in corso a Riva del Garda. L’iniziativa - coordinata dalla prorettrice per il presidio della Cittadella universitaria, Paola Fadda - si svolge grazie alla collaborazione tra il Dottorato di ricerca in neuroscienze dell’Università di Cagliari e l’Istituto di neuroscienze del Cnr insieme ai colleghi medici e farmacologi di Verona

02 December 2022

L’Università di Cagliari verso l’award ''HR Excellence in Research''

Lunedì 5 dicembre 2022 nell’aula magna del rettorato il seminario istituzionale per presentare la strategia dell’ateneo e il lavoro della Struttura interna e della Cabina di regia che soprintendono a tutte le fasi di attuazione della Human Resources Strategy for Researchers (HRS4R) per ottenere il riconoscimento ufficiale dalla Commissione Europea. Ospiti e relatori dell'evento il professore emerito Fulvio Esposito (Università di Camerino) e la dottoressa Chiara Biglia (Politecnico di Torino)

30 November 2022

Municipalità, social e pandemia: lo stato dell'arte con Le parole giuste

La comunicazione pubblica delle amministrazioni comunali in Sardegna durante il lockdown. Epic Pops, progetto diretto dal sociologo Alessandro Lovari, ha analizzato circa 70 mila post pubblicati nel periodo pandemico sulle pagine istituzionali facebook e instagram dei municipi della Sardegna. Sono stati presentati i risultati nel corso del seminario che si è tenuto nell’aula magna Maria Lai. Contattati i 377 comuni isolani

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie