Dal 17 al 27 gennaio 2007 a Torino piu di 2.500 atleti universitari e 2.000 rappresentanti di atenei stranieri
17 January 2007
Dal 17 al 27 gennaio 2007 a Torino più di 2.500 atleti universitari e 2.000 rappresentanti di atenei stranieri.
  
 

R A S S E G N A   N E W S   S U L L E   U N I V E R S I A D I   2 0 0 7

 
 
XXIII Universiade 2007: a Torino in scena lo sport universitario

vai al sito delle UNIVERSIADI di TORINOTorino, 16 gennaio 2007. Al via la più importante manifestazione sportiva invernale studentesca: Torino ospita le XXIII Universiadi invernali. 11 discipline invernali, 52 paesi, 2500 atleti, un solo trionfo: la fratellanza studentesca. Il logo delle Universiadi 2007 di Torino
Venerdi 12 gennaio le prime delegazioni si sono insediate nel coloratissimo Villaggio Atleti di Torino. Tra cerimonie di accoglienza, alzabandiera, incontri e anteprime: l’Universiade sta occupando il suolo torinese con il motto Crazy For U. Dal 17 al 27 gennaio, circa 2500 giovani atleti, campioni di 11 discipline invernali e rappresentanti di 52 paesi saranno i protagonisti della XXIII edizione dell’Universiade Invernale, il massimo confronto agonistico per lo sport universitario.
Invenzione di Primo Nebiolo, che nel 1959 colse l’opportunità di organizzare proprio a Torino il primo evento sportivo dedicato agli studenti universitari, l’Universiade rinnova con la forza e l’entusiasmo delle giovani generazioni l’unione tra sport e sapere.
E proprio il Fuoco del Sapere, ovvero la fiaccola che accompagna l’evento olimpico si sta avvicinando a Torino. 133 tedofori in una bella staffetta umana si avvicenderanno nel percorso degli ultimi 30 chilometri lungo le principali strade cittadine. Quattro le soste previste a segnalare i luoghi più rappresentativi per la città e per il mondo studentesco: alle 15.25, in Piazza Palazzo di Città, sede del Comune, con il breve discorso del sindaco Sergio Chiamparino; alle 16.15, presso Casa Universiade alla presenza della presidente del comitato organizzatore Giovanna Nebiolo; alle 16.35 nei luoghi del sapere, prima presso il Rettorato dell’Università degli Studi di Torino, con il Rettore Ezio Pelizzetti, il Presidente della Regione Piemonte Mercedes Bresso e il Presidente del Cus Torino Riccardo D’Elicio; poi alle 17.15, il Politecnico alla presenza del Rettore Francesco Profumo e del Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta. L’ultima tappa del Fuoco del Sapere verrà percorsa dal grande Livio Berruti, che intorno alle 18.35 raccoglierà la torcia in Corso Galileo Ferraris, per poi trasportarla fino al PalaIsozaki, sede della cerimonia d’apertura.
Le notizie sono trapelate un po’ per volta ma lo spettacolo sembra proprio assicurato. La cerimonia d’inaugurazione tra coreografie di luci e suoni presenterà la lunga sfilata delle 52 delegazioni e delle bandiere nazionali, per lasciare poi lo spazio ad ospiti d’eccezione. Dal fantasmagorico trasformista Arturo Brachetti, l’uomo dai mille volti, alla musica rock dei Negrita.
In questi dieci giorni ritroveremo il mix di sport, divertimento e spettacolo in molti luoghi. Per incrociare lo sport alla cultura, gli organizzatori hanno pensato in particolare ad uno spazio dedicato, un luogo di conoscenza e scambio, un vero e proprio laboratorio all’insegna della creatività. Il nuovo spazio di Casa Universiade, che sorge accanto a Palazzo Nuovo, sede delle Facoltà Umanistiche, ospita nei suoi 2500 mq diverse aree tematiche: sarà vetrina di progetti di studio e ricerca nati dagli studenti dell’ateneo torinese oltre a dedicare spazi quotidiani a musica, concerti e approfondimenti sulle professioni del futuro. Tutto in perfetta armonia con lo spirito dell’Universiade Torino 2007.
«L’Universiade è un’occasione per presentare al mondo intero il sistema universitario di Torino: il sogno è trasformarla in città Erasmus, si tratterebbe di un passo storico. Con questo evento proponiamo, ancora una volta, il binomio tra sport e cultura. Il nostro sistema, e di conseguenza tutto il territorio, sarà al centro dell’attenzione per dieci giorni». Con un richiamo forte al mandato torinese, il vice presidente esecutivo del Comitato organizzatore e presidente del Cus Torino Riccardo D’Elicio sottolinea obiettivi e prospettive di questa XXIII edizione della Universiade. Dunque Torino si candida non solo ad ospitare un evento internazionale ma a trasformarlo – almeno nelle intenzioni – in un progetto rivolto al futuro.
I primi dati sono confortanti sia dal punto di vista dell’attenzione dei media che della partecipazione di pubblico. Dalla biglietteria dell’Universiade viene la prima conferma del tutto esaurito. La disciplina più gettonata è l’hockey ma anche il pattinaggio di figura e di velocità riscontra un alto gradimento.
Il 18 gennaio partiranno le competizioni che si divideranno tra Torino e le montagne olimpiche. Palavela, Oval, PalaTazzoli e PalaIsozaki, ora Palazzetto Olimpico, a Torino; Bardonecchia, Pinerolo, Pragelato, Torre Pellice e Cesana-Sansicario: questi i siti collaudati da Torino 2006 che vedranno i giovani atleti disputarsi il medagliere nelle 11 discipline in gara (biathlon, combinata nordica, curling, hockey su ghiaccio, pattinaggio artistico, pattinaggio di velocità, salto, sci alpino, sci di fondo, short track, snowboard).
Per l’Italia sicuramente grande attesa per il campione Enrico Fabris, testimonial dell’Universiade, che ci ha regalato la prima medaglia olimpica italiana nella storia del pattinaggio di velocità e che in questa occasione si prepara ad un’ennesima sfida.
Passando dalle gare vere e proprie all’evento nel suo complesso non saranno solo gli appassionati di sport a divertirsi. In questa lunga settimana all’insegna del Crazy for U la città sarà vivacizzata da moltissime occasioni d’incontro e intrattenimento.
Piazza Vittorio ospiterà i concerti di Crazy Live Music con nomi eccellenti: dagli Africa Unite il 18 gennaio a Le Vibrazioni la sera successiva, da Caparezza il 21 gennaio a Goran Bregovic and the Wedding and Funeral Band il 24 gennaio.
E ancora la Notte Bianca, che prevede due appuntamenti, il 20 gennaio a Bardonecchia con la Bardonite e il 27 gennaio a Torino con la Crazy Open Night. Ma il programma non si esaurisce qui, molti sono ancora gli incontri e le rassegne: dal Piemonte Share Festival agli allestimenti di Atrium sulla storia e i personaggi della manifestazione.
Tutte le informazioni sono reperibili online sul sito www.universiadetorino2007.org. Inoltre centinaia di volontari del progetto Torino & You saranno a disposizione per fornire informazioni e dettagli presso i Chioschi Informativi disseminati su tutto il territorio.
Donatella Rorro
 
  
L’Università racconta in tv le Universiadi
 

vai al sito delle UNIVERSIADI di TORINO15 gennaio 2007. "Dentro la notizia", anzi, "più dentro che mai", come nel famoso film sul giornalismo di fine anni ’80 interpretato da Jack Nicholson. Dal 17 al 27 gennaio, Extracampus, la tv dell’Università, che ha il suo quartier generale nell’ateneo torinese, a Palazzo Nuovo, potrà fare la telecronaca dell’evento studentesco mondiale e del suo ricco palinsesto culturale da un punto di osservazione privilegiato. Sì, perché tutto si svolge proprio sotto casa, o, per meglio dire, "sotto Casa Universiade", ubicata nelle aule di Palazzetto Aldo Moro, a pochi metri dalla redazione. I giovani reporter di Extracampus hanno già le telecamere puntate. «Ci saremo, naturalmente - dichiara Gian Paolo Caprettini, docente dell’Università di Torino che dirige la tv - e ci saremo con una produzione significativa, anche se, con il nostro bilancio di esercizio, non abbiamo potuto fare investimenti o contratti speciali per seguire l’evento».
Nessuna colossale diretta per Extracampus?. «Questo no - risponde Caprettini - ma una copertura attenta sì, per raccontare il grande appuntamento con una visione dello sport fatta dal mondo universitario, sensibile agli aspetti culturali. I nostri reportage, dai linguaggi innovativi, saranno circuitati in un network di tv universitarie, facendo il giro del mondo senza costi aggiuntivi e permettendoci di accreditarci in Europa». Le Uni-tv di Magonza (Germania), Strasburgo (Francia), Göteborg (Svezia), Warwick (Gran Bretagna) hanno, infatti, da poco siglato un accordo per la messa in rete via web di programmi prodotti dalle università. E la prima applicazione concreta è proprio quella delle Universiadi, che vedono Extracampus, televisione sul digitale terrestre e su internet, con al suo attivo 7mila ore di trasmissioni, 12 format e 20 neolaureati che vi lavorano a contratto, in primissima linea. Pronta a fare la cronaca delle notti bianche, dei grandi concerti rock, dei fatti di sport, costume, cultura, che fanno l’atmosfera di questo grande evento. Con i suoi videogiornalisti in erba, cronisti perfetti in una Casa Universiade, aperta non stop, che ospita La Carpenteria, lo show room dei progetti culturali giovanili, e "Studyinpiemonte", la vetrina degli atenei piemontesi. «Tutte realtà alle quali, sia la radio web, sia la tv universitaria potranno dare visibilità, valorizzandone l’eccellenza» - sottolineano all’assessorato all’Innovazione della Regione Piemonte che, insieme all’Università di Torino, nel 2007 ha finanziato con 350mila euro la tv dell’ateneo. Il messaggio è chiaro: dal 17 gennaio Extracampus, nata come canale dell’Università torinese, ha una nuova mission, diventare la tv dell’intero sistema universitario piemontese e quindi di tutti e quattro gli atenei subalpini.
Laura Carcano (Sole 24 Ore - Sport del 15/01/07)
 
 

 
Presentazione di Casa Universiade 
 
vai al sito delle UNIVERSIADI di TORINO9 gennaio 2007 (University.it). Presentata oggi all’interno del palazzetto Aldo Moro “Casa Universiade”, la nuova area dedicata agli eventi culturali e non dell’Universiade Invernale Torino 2007, che accompagnerà atleti e appassionati nelle serate dal 17 al 27 gennaio. L’inaugurazione ha visto tra gli altri gli interventi del presidente del CUS Riccardo D’Elicio, dell’assessore allo sport Renato Montabone, dell’assessore regionale all’Università Andrea Bairati, dell’assessore provinciale allo sport Patrizia Bugnano e di Anna Martina, responsabile della comunicazione di Città di Torino. Cosimo Amendolia di Hiroshima Mon Amour e Paolo Verri, responsabile del programma culturale Universiade, hanno esposto il programma dei concerti gratuiti che si terranno in piazza Vittorio a partire dal 18 gennaio. Tra il pubblico anche il vicepresidente del comitato organizzatore olimpico Evelina Christillin.
Il nuovo spazio di oltre 2500 mq è stato concepito come punto di incontro tra sport, università e cultura, in perfetta armonia con lo spirito dell’Universiade Torino 2007; la struttura in cui è ospitato, il palazzetto Aldo Moro, si trova in fatti in un punto strategico, a due passi dall’Università, dalla Mole e da piazza Vittorio, teatro dei dieci concerti del “Torino 2007. Crazy Live Music”.
Al suo interno sono state create quattro aree diverse, tra cui “La Carpenteria”, vetrina di progetti di studio e ricerca nati dagli studenti dell’ateneo torinese e “The Lounge”, uno spazio quotidiano dedicato alla musica, ai concerti e alle professioni del futuro in compagnia di Mao, volto noto del panorama musicale torinese.
Tanti gli sponsor che partecipano all’evento che garantiranno la copertura dell’evento e che intratterranno i presenti al “The Lounge” con tanti momenti di animazione. Ultimi preparativi quindi in attesa del passaggio della fiaccola, che nel pomeriggio del 17 gennaio inaugurerà ufficialmente Casa Universiade. 

  
vai al sito delle UNIVERSIADI di TORINODi seguito il testo della lettera che il Ministro dell’Università e della Ricerca, On. Fabio Mussi, ha inviato al presidente della Rai, Claudio Petruccioli, in occasione delle Universiadi invernali di Torino.
 
"Illustre Presidente, nel prossimo mese di gennaio, si svolgeranno a Torino le XXIII Universiadi Invernali, negli stessi impianti che hanno visto svolgersi le Olimpiadi. L’evento vedrà arrivare in Italia più di 2500 atleti universitari di circa 60 paesi, nonché 2000 rappresentanti di tutte le Università europee. Esso costituisce, pertanto, non solo un’ulteriore ottima vetrina dello Sport Italiano e della sua capacità organizzativa, ma anche un’occasione unica per promuovere il nostro sistema universitario presso gli studenti di tutto il mondo.
Mi rivolgo perciò a Lei per confermare il forte interesse di questo Ministero a che la Rai possa seguire con la stessa attenzione che dedica agli altri grandi eventi sportivi, e ciò nello spirito di collaborazione che caratterizza il servizio pubblico.
Sono sicuro che anche in questo caso la Rai saprà mettere in risalto la propria efficienza e la propria organizzazione, raggiungendo un proficuo accordo con il Comitato organizzatore, che mi risulta essere già in contatto con i competenti uffici dell’azienda".
 
 

 
Cos’è l’Universiade

vai al sito delle UNIVERSIADI di TORINOL’Universiade è un evento sportivo e culturale che si svolge ogni due anni in località diverse ed è l’evento internazionale più importante dopo i giochi olimpici. Lo stesso termine "Universiade" racchiude molteplici significati: università, sport e universalità. Una sola parola che abbraccia tutto quanto significa lo Sport Universitario.

Proprio a sottolineare l’universalità della manifestazione, alle premiazioni suona per tutti il Gaudeamus Igitur, l’inno degli studenti che gareggiano sotto l’egida della bandiera con la "U" con le cinque stelle, simbolo della FISU, la Federazione Internazionale Sport Universitario.

L’Universiade estiva prevede tredici sport obbligatori e alcuni sport scelti dagli organizzatori. L’Universiade invernale, come per l’edizione torinese, propone invece sette discipline obbligatorie e alcune opzionali, sempre scelte dagli organizzatori.
 
 

 
Young European People
 
YEPpies è l’appuntamento per gli studenti universitari europei di qualsiasi facoltà, con la finalità di dare vita ad una convention tra le associazioni studentesche internazionali, in programma a Torino dal 25 al 28 gennaio 2007, durante la XXIII Universiade Invernale. Si tratta della prima occasione in cui tutte le associazioni studentesche di ogni università e facoltà potranno ritrovarsi in unico avvenimento al fine di confrontarsi sulle proprie esperienze. Enti locali e Comitato organizzatore delle Universiadi invernali offriranno l’opportunità dell’incontro e di pernottare gratuitamente a Torino. 


Presentata a Torino la fiaccola olimpica

La Conferenza dei Rettori fra i partner istituzionali del massimo evento mondiale dello sport giovanile
  
All’insegna dello slogan “lo sport è cultura” sono state presentate la fiaccola olimpica e il programma delle iniziative riguardanti le Universiadi 2007, evento sportivo che dal 17 al 27 gennaio porterà a Torino più di 2000 atleti universitari.
 
La “fiaccola del sapere”, che attraverserà l’Italia da Catania fino al capoluogo piemontese, è stata ideata da Giorgetto Giugiaro. Costruita in fibra di carbonio, la fiaccola ha uno stile modernissimo ma rispettoso della tradizione. 
 
  
 
 
IN RETE
 

Last news

02 October 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemilacinquecento presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una sessantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 September 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 September 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 September 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie