Il progetto Prometh2eus è stato finanziato dal ministero della Transizione ecologica con tre milioni e mezzo di euro, un milione e settecentomila destinati ai gruppi locali guidati dal responsabile scientifico, Vittorio Tola. Nel percorso sono coinvolti tre dipartimenti dell’ateneo e le accademie di Genova e Brescia
18 July 2022
Transizione ecologica, la sfida del terzo millennio

Il progetto dei ricercatori cagliaritani si è piazzato al terzo posto su trentotto partecipanti

Mario Frongia

Un milione e settecentomila euro all’ateneo del capoluogo. Nei giorni scorsi è stato finanziato dal Mite (Ministero per la transizione ecologica) il progetto Prometh2eus. Proposto dal partenariato costituito dalle università di Cagliari, Genova e Brescia nell’ambito del Pnrr (missione 2 “Rivoluzione verde e transizione ecologica”, componente 2 “Energia rinnovabile, idrogeno, rete e mobilità sostenibile”, investimento 3.5 “Ricerca e sviluppo sull’idrogeno”), il progetto viene finanziato dall’Unione Europea-Next Generation Eu. Il finanziamento è pari a 3,5 milioni di euro, di cui 1,7 destinati all’Università di Cagliari. Dura tre anni e parte dal prossimo settembre. Prometh2eus si è piazzato al terzo posto in un contesto fortemente competitivo con 38 proposte progettuali, di cui appena sette finanziate.

 

Lo schema del progetto ideato dai ricercatori dell'ateneo di Cagliari
Lo schema del progetto ideato dai ricercatori dell'ateneo di Cagliari

Idrogeno verde e gioco di squadra: intesa e ricerche di qualità interdipartimentali

“Il progetto è volto allo sviluppo di processi, sistemi e componenti innovativi di produzione, accumulo e utilizzo di idrogeno da fonti rinnovabili” spiega Vittorio Tola, responsabile scientifico e docente dell’università di Cagliari al dipartimento di Ingegneria meccanica, chimica e dei materiali (Dimcm). Nel percorso di ricerca sono coinvolti anche i dipartimenti di Ingegneria elettrica ed elettronica (Diee) e di Scienze chimiche e geologiche (Dscg). “L’aspetto caratterizzante del progetto è lo sviluppo di tecnologie innovative per la produzione di idrogeno da acqua di mare così da limitare, in una prospettiva di produzione di idrogeno verde su scala globale, l’utilizzo di risorse idriche di rispetto” aggiunge il professor Tola. Ai lavori prendono parte i gruppi di ricerca coordinati dai professori Giorgio Cau e Michele Mascia (Dimcm), Alfonso Damiano (Diee) e Carla Cannas (Dscg).

 

Lo schema del processo di elettrolisi
Lo schema del processo di elettrolisi

Last news

28 September 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 September 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

27 September 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

27 September 2022

La Banca del Germoplasma compie 25 anni

La struttura ospitata all'interno del polmone verde del nostro Ateneo taglia un importante traguardo: giovedì 29 settembre iniziano le celebrazioni nell'Aula Eva Mameli Calvino. BG-SAR, con il suo scrigno di biodiversità a 25 gradi centigradi sotto zero, attualmente custodisce circa 3500 lotti di semi riferibili a circa 1500 taxa vegetali provenienti da numerosi territori del Mediterraneo, specialmente insulari. Una realtà importantissima per la nostra Isola, ma non solo, in cui si confrontano ogni giorno ricercatrici e ricercatori provenienti da tutto il mondo

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie