Stanziati dalla Giunta regionale 2 milioni e 500mila euro per prestiti d’onore agli studenti universitari sardi. Entro due mesi sarà predisposto il piano di attuazione con le modalità per la restituzione dei prestiti.
30 June 2006
  
I prestiti d’onore - introdotti nel 1987 con la legge reg.le 37, ma finora mai attivati - sono uno strumento efficace per aiutare i giovani nel proseguimento degli studi. Gli studenti universitari possono infatti pagarsi gli studi grazie ad un finanziamento a condizioni più vantaggiose rispetto a quelle di mercato. La restituzione del prestito avverrà dopo aver ultimato gli studi.

La nostra regione risulta al 17° posto in Italia quanto a numero di laureati e solamente il 50% prosegue con gli studi all’università, rispetto ad una media nazionale che supera il 75%. I prestiti d’onore agli studenti universitari rientrano dunque tra gli interventi più importanti dell’esecutivo regionale per l’incremento dei livelli di istruzione in Sardegna.

Entro i prossimi sessanta giorni la Giunta reg.le stilerà il piano di attuazione stabilendo l’ammontare annuo del prestito e le modalità di restituzione.
 
 

dal sito Internet della Regione Sardegna:
 

Prestiti d’onore per universitari: un investimento per il futuro

La Giunta regionale ha approvato il disegno di legge per l’attivazione dei prestiti d’onore agli studenti universitari sardi. Cagliari, 28 giugno 2006 - Incentivare le iscrizioni all’Università dei giovani sardi, garantendo un sostegno economico attraverso i prestiti d’onore, che permettono di pagarsi gli studi, per poi restituire quanto speso una volta conseguita la laurea e trovato un lavoro. Con questo strumento la Giunta regionale vuole cancellare il triste primato che vede la Sardegna relegata al 17° posto in Italia per numero di laureati e con soltanto il 50 per cento dei diplomati che si iscrivono a un corso di laurea, a fronte di una media nazionale superiore al 75 per cento.
 
Nella Finanziaria 2006 sono stati stanziati 2 milioni e 500 mila euro per la concessione di prestiti d’onore agli studenti universitari sardi. La Giunta regionale ieri ha approvato il disegno di legge, predisposto dall’assessore della Pubblica Istruzione, Elisabetta Pilia, per la costituzione di un Fondo per la concessione di garanzie, di concorso negli interessi e per contributi a fondo perduto. Questo Fondo di garanzia permetterà l’erogazione dei finanziamenti, che saranno destinati agli universitari iscritti a corsi di laurea triennali e di laurea specialistica a ciclo unico nelle Università sarde, riservando la precedenza agli studenti del primo anno. Spetta ora al Consiglio regionale approvare il testo di legge, inviato con criterio di urgenza.
 
L’assegnazione dei prestiti d’onore agli universitari rientra tra gli interventi strategici dell’esecutivo regionale per incrementare i livelli di istruzione nell’Isola. Si tratta di uno strumento di riconosciuta efficacia per spingere i giovani a proseguire gli studi, finora però non utilizzato, nonostante i prestiti d’onore fossero stati introdotti con la legge regionale 37/87 per il diritto allo studio nelle Università sarde, ma mai attivati.
 
Gli studenti possono infatti pagarsi gli studi universitari beneficiando di un finanziamento a condizioni più vantaggiose rispetto a quelle di mercato, che verrà restituito una volta ultimati gli studi. L’istituto di credito, cui sarà affidata la gestione del programma di prestito, sarà selezionato tramite bando ad evidenza pubblica.
La Giunta predisporrà entro sessanta giorni il piano di attuazione degli interventi, tra i quali ci sono l’ammontare annuale massimo del prestito – differenziato per fuori sede, pendolari e studenti in sede - e le modalità di restituzione.
 
Da un’analisi predisposta dall’assessorato della Pubblica Istruzione, risulta evidente che tra le cause che spingono ad abbandonare gli studi, c’è anche la difficile condizione finanziaria della famiglia d’origine. Per capire la portata del fenomeno, basta considerare i dati relativi alla concessione di borse di studio per studenti meritevoli, assegnati dall’Ersu di Cagliari e Sassari. Nell’anno accademico 2005-2006 sono stati stanziati 12 milioni di euro, che hanno permesso di soddisfare soltanto il 60 per cento delle richieste, con il risultato che 2.099 studenti idonei alla borsa di studio non ne hanno potuto beneficiarne. A Cagliari sono stati 1448 gli studenti esclusi, di cui ben 1143 matricole, a Sassari 651, di cui 250 iscritti al primo anno. Da qui la decisione di privilegiare il sostegno alle matricole, per incentivare le iscrizioni all’Università.
 
 
 
 

Last news

11 August 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 August 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 August 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 August 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie