Due nuove Scuole di alta formazione, l’Istituto Italiano di Scienze Umane di Firenze l’IMT (Istituzioni, Mercati, Tecnologie) Alti Studi di Lucca entrano a far parte del sistema universitario italiano, al termine di una fase di sperimentazione conclusasi a dicembre con l’istituzionalizzazione da parte del Miur.
12 January 2006

Le due nuove Scuole, dedicate alla didattica dottorale e postdottorale avranno d'ora in poi un corpo docente permanente, un proprio bilancio e autonomi organismi dirigenti. Alla presentazione delle due nuove scuole italiane da parte del Ministro Moratti, che nell'occasione ha incontrato anche il suo omologo francese Gilles de Robien, hanno partecipato, tra gli altri, i rettori delle Grandes Ecoles parigine e autorevoli esponenti del mondo della cultura francese.
L'obiettivo e' quello di dar vita, con il contributo dell'Istituto di Scienze umane e dell'IMT e delle grandi Istituzioni formative francesi, a una struttura europea comune e integrata per l'alta formazione, in grado di reggere la competizione a livello globale.
Il Ministro ha detto che ''Il potenziamento della formazione avanzata e dei percorsi didattici di dottorato e post-dottorato e il loro respiro internazionale, insieme con il consolidamento e la revisione del cosiddetto '3 piu' 2', la riforma dello stato giuridico dei docenti e l'introduzione di nuovi criteri per l'attribuzione delle risorse pubbliche alle Universita', e' stato un punto essenziale e qualificante dell'azione che il governo ha sviluppato in questi anni per la modernizzazione del sistema universitario nazionale''.
Per i due nuovi istituti il Ministero ha stanziato oltre 18 milioni di euro complessivi nel triennio 2004-2006, ai quali si sono finora aggiunti complessivamente piu' di 10 milioni di euro (tra finanziamenti diretti e in infrastrutture) provenienti dal settore privato.
L'Istituto di Scienze Umane di Firenze rappresenta il primo esempio di istituzione universitaria italiana esclusivamente dedicata all'alta formazione nel settore delle scienze umane (storia, filosofia, diritto, letteratura e filologia, eccetera).
Grazie alla sua struttura ''a rete'' che si realizza attraverso le Scuole di alta formazione afferenti a diverse Universita' - Istituto di Studi Umanistici (Firenze); Scuola Superiore di Alta Formazione (Napoli ''Federico II''); Scuola Europea di Studi Avanzati (Napoli ''L'Orientale'' e ''Suor Orsola Benincasa''); Scuola Superiore di Studi Umanistici (Bologna); Scuola Superistituto itakiore di Studi Umanistici (Siena) -, oggi sono attivi 14 diversi dottorati di ricerca che gia' coprono aree tematiche molto ampie e varie e coinvolgono complessivamente 138 allievi per ogni ciclo triennale, dei quali 79 con borsa di studio.
L'IMT di Lucca intende sfruttare la sinergia con importanti atenei dell'area toscana, quali l'Universita' di Pisa, la Normale o il Sant'Anna, offrendo una formazione dottorale e post-dottorale di respiro internazionale, incentrata prioritariamente sui temi dell'innovazione sociale, economica e tecnologica e sugli aspetti che concernono le biotecnologie, la biorobotica e le telecomunicazioni, fortemente collegata con i bisogni del territorio.

Last news

06 July 2022

Esperti di logica e filosofia in arrivo a Cagliari da tutto il mondo

Il 22° workshop ‘'Trends in Logic’' si terrà nell’ateneo cagliaritano dal 18 al 20 luglio 2022. L’evento, intitolato '‘Strong & Weak Kleene Logics’', è organizzato dal gruppo di ricerca Alophis del Dipartimento di Pedagogia, Scienze psicologiche e Filosofia in collaborazione con il Dipartimento di Matematica e Informatica. Il professor Roberto Giuntini nel comitato scientifico internazionale che presiede i lavori

04 July 2022

UniCa4Ukraine, conclusi i corsi di italiano

Venti cittadine ucraine hanno seguito le lezioni tenute da studentesse e studenti dei corsi di laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed americane, Traduzione specialistica dei testi e in Filologie e letterature classiche e moderne. Nei giorni scorsi la consegna degli attestati di partecipazione

30 June 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 June 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie