"Con il nostro patrimonio di saperi multidisciplinari è fondamentale l'interazione con gli Ordini professionali e con il territorio". Francesco Mola ha aperto così il seminario su territorio e metodologie orientate all’integrazione. I lavori coordinati da Corrado Zoppi hanno dibattuto di strategie, valutazione, pianificazione e valorizzazione. Per l'ateneo, interventi di Alessandra Carucci, Daniele Cocco e Ivan Blecic. Coinvolti anche gli Ordini professionali e i vertici del Parco da ottomila ettari situato tra Posada e Bitti
06 June 2022
Cagliari. Da sinistra, Corrado Zoppi, Alessandra Carucci, Francesco Mola e Daniele Cocco

Accademia, istituzioni e specialisti del territorio e delle municipalità assieme

Mario Frongia

“Servizi ecosistemici, protezione della natura e territorio: metodologie di pianificazione orientate all’integrazione" è stata la cornice dei lavori con al centro il paradiso terrestre di Tepilora: "Un mix straordinario che unisce realtà montane, zona costiera, aree umide. Si è oramia compreso che non si può pianificare, che significa gestire i vari ecosistemi, senza approfondire anche i dettagli inerenti il territorio e i servizi connessi" ha scandito Corrado Zoppi, responsabile del progetto che cura la pianificazione degli ottomila ettari di straordinario pregio ambientale tra Posada e Bitti. "Da prorettore vicario ho seguito l'endorsement della nascita del Parco con le attenzioni dell'Unesco. Alla bellezza dei luoghi, all'accoglienza e all'accoglienza dei residenti si unisce il nostro lavoro di ricerca condotto dal team del professor Zoppi. Noi mettiamo in campo la nostra multidisciplinarietà e interagiamo - ha detto il rettore Francesco Mola - con gli Ordini professionali e con le autorità locali". A seguire, i saluti di Alessandra Carucci: "Occasioni come questa permettono ulteriori passi avanti sia sul fronte dello scambio interdisciplinare, con laboratori ad hoc, sia per quanto riguarda il confronto con i colleghi stranieri come ad esempio quello della visting professor Mina Di Martino" ha aggiunto la prorettrice all'Internazionalizzazione. Entusiasmo e partecipazione anche da Daniele Cocco ("La pregiata filiera aperta lo scorso ottobre con la terza conferenza regionale del Dicaar prosegue con sempre più autorevolezza" ha rimarcato il presidente di Ingegneria e architettura) e Ivan Blecic: "Il contesto locale evidenzia due macro sfide: la prima riguarda quella tecnologica con l'ottimizzazione dei processi. L'altra ha e avrà per oggetto l'insieme delle realzioni politiche connesse anche ma non solo alla transizione energetica" ha sottolineato il coordinatore del Collegio docenti dottorato Ingegneria civile e architettura, Università di Cagliari). I lavori hanno avuto il contributo anche dei rappresentanti dell'Ordine dottori agronomi e dottori forestali, Provincia di Cagliari e dell'Ordine degli Ingegneri di Cagliari).  

Un'immagine del parco di Tepilora
Un'immagine del parco di Tepilora

Ottomila ettari di paradiso tra ricerca e territorio nel cuore della Sardegna

L'introduzione al seminario del professor Zoppi è statta l'assist per la relazione di  Mina Di Marino. La docente del Department of urban and regional planning, Norwegian University of life sciences-Oslo, e attualemnte Visiting professor al Dicaar (Dipartimento ingegneria civile, ambientale e architettura dell'ateneo del capoluogo) ha ampliato le argomentazioni con “Nature-based solutions for urban regeneration: The case of Oslo”. A seguire, relazioni di Marianna Agostina Mossa (direttrice Parco naturale regionale Tepilora), interviene con “Il Parco naturale regionale di Tepilora”. Su uno dei fiori all'occhiello, per strategie, pianificazione e valorizzazione, dell'ateneo, delle ricerche e del connubio accademia-territorio, ha poi colto le attenzioni dell'aula 1 del complesso di via Is Maglias, il gruppo di coordinamento scientifico e tecnico del Piano del parco di Tepilora. Del team guidato dal professor Zoppi, responsabile scientifico, fanno parte gli specialisti Federica Isola, Mara Ladu, Sabrina Lai, Federica Leone, Martina Marras e Daniele Trogu, “Il Piano del parco naturale regionale di Tepilora e la Valutazione ambientale strategica" è stata dunque la cornice dell'intervento. Sul tavolo ottomila ettari di eccezzionali bellezze ambientali. Uno scenario con pochi eguali sotto diversi profili che fa capo ai comuni di Posada, Lodé, Bitti e Torpè. I ricercatori del Dicaar sono impegnati dal 2018 sulla progettazione e la pianificazione dell’area protetta, già riserva della biosfera per l’Unesco

 

Corrado Zoppi, già preside della facoltà di Ingegneria e architettura, con la professoressa Di Martino
Corrado Zoppi, già preside della facoltà di Ingegneria e architettura, con la professoressa Di Martino

Uno staff e un percorso scientifico di pregio. Le sinergie proficue tra Università e comunità locali

Alla giornata su Ricerca, ecosistemi e pianificazione hanno preso parte anche gli specialisti Michela Marignani (dipartimento Scienze della vita e dell’ambiente, Università di Cagliari) sul tema "Cartografia della vegetazione per la pianificazione ambientale: il Parco regionale di Tepilora” e Giovanni Sechi (docente Dicaar) su “La questione della mitigazione del rischio idraulico nel contesto regionale della Sardegna: problematiche e prospettive”. Ettore Crobu (dottore agronomo) ha dibattuto su “Produzione agricola e forestale e pianificazione del territorio in Sardegna: problematiche e prospettive”. In chiusura, il  dibattito. La partecipazione all’evento ha permesso l'attribuizione dei crediti formativi professionali per la formazione continua. Agli ingegneri iscritti all’Ordine vengono riconosciuti due crediti per la mattina e uno per il pomeriggio. Il seminario è statoorganizzato dallo staff del laboratorio di Pianificazione territoriale del corso di laurea e laurea magistrale di Ingegneria per l’ambiente e il territorio. Lo staff è costituito da Mina Di Martino, Federica Isola, Sabrina Lai, Francesca Leccis, Federica Leone e Corrado Zoppi.

Ha collaborato Ivo Cabiddu

Cagliari. Studenti, dottorandi e ricercatori all'evento tenutosi in aula1
Cagliari. Studenti, dottorandi e ricercatori all'evento tenutosi in aula1

Last news

01 October 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemila presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una cinquantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 September 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 September 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 September 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie