ECONOMIA CIRCOLARE. Gli scarti della lavorazione dei blocchi estratti a Orosei possono essere impiegati per produrre nuovi tipi di vernici murali a base d'acqua, con caratteristiche migliori in termini di resistenza e potere coprente. Il procedimento e il risultato dello studio sperimentale targato UniCa in un articolo scientifico del gruppo di ricerca guidato dal professor Nicola Careddu, docente del Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura (Dicaar)
18 February 2022
Cave di marmo a Orosei, sono una ricchezza anche i materiali di scarto delle estrazioni. Vedi a fondo pagina il link ad un precedente articolo sugli studi a Orosei, con Nicola Careddu e i ricercatori dell’ateneo sempre in prima fila

L’articolo “Circular economy in marble industry: from stone scraps to sustainable water-based paints” (LINK) - recentemente pubblicato sulla rivista internazionale “Construction & Building Materials” (Elsevier) - è uno studio che rientra nel progetto “Riduzione delle discariche di lavorazione del marmo mediante la valorizzazione del CaCO3”, finanziato dalla Regione Sardegna con la legge regionale 7/2007, il cui responsabile scientifico è il professor Nicola Careddu, del Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura (Dicaar) dell’ateneo cagliaritano.

Il professor Nicola Careddu (area scientifica "Ingegneria industriale e dell'informazione" - settore disciplinare "Ingegneria e sicurezza degli scavi"
Il professor Nicola Careddu (area scientifica "Ingegneria industriale e dell'informazione" - settore disciplinare "Ingegneria e sicurezza degli scavi"

Economia circolare nell'industria del marmo: dagli scarti di pietra alle vernici sostenibili a base d'acqua

Oltre al professor Careddu, sono coinvolti nel gruppo di ricerca anche la ricercatrice Graziella Marras, la professoressa Paola Meloni (Dipartimento di ingegneria meccanica, chimica e dei materiali - Dimcm) e il dottor Gianfranco Carcangiu dell’Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima (Cnr-Isac).

Nell’articolo si dimostra come gli sfridi, provenienti dalla lavorazione dei blocchi nel bacino estrattivo del marmo di Orosei, possano essere impiegati nella produzione di pitture bianche per muro. Il giacimento ha infatti un elevato tenore di carbonato di calcio, materia prima impiegata in molti processi industriali di produzione, ad esempio per cemento, gomma, carta, ma anche in cosmesi e farmaceutica.

Nella foto: blocchi di calcare lucidabile prodotti a Orosei e una retrostante discarica di scarti
Nella foto: blocchi di calcare lucidabile prodotti a Orosei e una retrostante discarica di scarti

Lo studio ha coinvolto alcune importanti realtà del territorio sardo, tra cui le principali aziende del Marmo di Orosei (Simg e Sardegna Marmi) e la EdiChem di Elmas, che produce vernici

I risultati ottenuti confermano che le vernici prodotte sostituendo il carbonato di calcio commerciale con gli sfridi del marmo di Orosei, hanno caratteristiche migliori in termini di resistenza agli alcali, potere coprente e resistenza al lavaggio.

Come spiega il professor Careddu: "L’importanza dello studio è indubbiamente legata all’economia circolare applicata all’industria marmifera: il Marmo di Orosei - che dal punto di vista petrografico è un calcare lucidabile - rappresenta la terza voce nell’export della Sardegna (dopo il petrolchimico e il caseario, fonte Istat), in quanto esportato in tutto il mondo. L’ingente di produzione di sfridi, attualmente collocati e stoccati nella discarica consortile di Orosei, spinge per un riutilizzo dello stesso materiale che non può essere ulteriormente rimandato e che è anche economicamente molto interessante, proprio per il suo alto tenore di CaCO3".

Lo studio si inserisce in uno dei principali filoni di ricerca del Dicaar, dipartimento fortemente impegnato nell’ambito delle materie prime, della sostenibilità e dell’economia circolare, come ampiamente dimostrato nel corso degli appuntamenti inseriti nel programma della Terza Conferenza della Ricerca, “per fare il punto in una fase cruciale nella quale la comunità scientifica deve riorganizzare le sue priorità, in un mondo così interconnesso che ogni azione locale assume una valenza planetaria, e viceversa”.

Pitture murarie su pilastro in cemento dopo due anni dall’applicazione. Pittura commerciale (EDI) e pittura sperimentale (ORO)
Pitture murarie su pilastro in cemento dopo due anni dall’applicazione. Pittura commerciale (EDI) e pittura sperimentale (ORO)

Info e news di UniCa.it sulla Terza conferenza della Ricerca del Dicaar

Links

Last news

11 August 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

08 August 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

08 August 2022

Comunicazione, stasera in tv i cinque corsi di laurea presentati al Poetto

In onda stasera l’approfondimento sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare. "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. Alle 21 su "Panorama sardo - speciale estate"

05 August 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie