Il quinto appuntamento del Dicaar analizza anche le tematiche inerenti gestione sostenibile, risorse idriche e riqualificazione ambientale. Ai lavori, che si tengono venerdì nell’aula magna della facoltà di Ingegneria e architettura, prendono parte anche i vertici dell’ateneo, della Regione e del Comune di Cagliari. L’evento potrà essere seguito anche in diretta streaming
01 February 2022
Dalle materie prime ai rifiuti. Un modello di Economia circolare (fonte: www.europarl.europa.eu)

Un percorso basato su buone pratiche e gestione ponderata e sostenibile

Mario Frongia

Venerdì 4 febbraio, dalle 15, l’aula magna “Mario Carta” della facoltà di Ingegneria e architettura - via Marengo, n. 2, Cagliari - ospita la conferenza che ha per cornice "Materie prime, residui, ripristino ambientale: gestione sostenibile nell’ambito dell’economia circolare". Il quinto appuntamento della Terza conferenza della ricerca curata dal Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura (Dicaar) dell’Università di Cagliari, si focalizza sul tema della gestione sostenibile di materie prime e residui nell’ambito dell’economia circolare. I lavori hanno per riferimento anche il ruolo cruciale che gli interventi di risanamento possono giocare nella riqualificazione ambientale ed economica del territorio e nell’incremento della sua resilienza ai cambiamenti climatici.

Cagliari. L'aula magna della facoltà di Ingegneria e architettura
Cagliari. L'aula magna della facoltà di Ingegneria e architettura

Un dibattito attuale e ad alto valore aggiunto con la partecipazione di esperti e decisori politici e amministrativi

La scaletta dei lavori si apre con i saluti istituzionali del rettore, Francesco Mola, del presidente della facoltà di Ingegneria e architettura, Daniele Cocco, dell’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Lampis e dell’assessore a Innovazione tecnologica, ambiente e politiche del mare del comune di Cagliari, Alessandro Guarracino. A seguire, gli interventi di Stefano Ciafani (presidente nazionale Legambiente), Gianluca Cocco (direttore del Servizio sostenibilità ambientale valutazione strategica e sistemi informativi della Regione Sardegna), Stefano Milia (Consiglio nazionale delle ricerche). Previste anche le relazioni dei docenti del Dicaar Giorgio Massacci, Aldo Muntoni e Angela Serpe.

Il futuro dell'umanità passa anche dalla sostenibilità e dal risanamento ambientale
Il futuro dell'umanità passa anche dalla sostenibilità e dal risanamento ambientale

Acqua, sostenibilità, risanamento ambientale al centro della quinta conferenza

I lavori su “Materie prime, residui, ripristino ambientale: gestione sostenibile nell’ambito dell’economia circolare” prevedono, nell’ordine, i saluti di Daniele Cocco,  Alessandro Guarracino, Gianni Lampis e Francesco Mola. Alle 15:30 si entra nel vivo con gli interventi di  Stefano Ciafani su “L’Economia circolare per il rilancio del Paese”. A seguire, Gianluca Cocco con “Strategie di sostenibilità ambientale della Regione Sardegna”, Giorgio Massacci su “Materie prime, risanamento ambientale, economia circolare: criticità e opportunità”, Aldo Muntoni dibatte di “Bioeconomia circolare e gestione dei residui”, Angela Serpe di “Miniere urbane” e Stefano Milia (Istituto di geologia ambientale e geoingegneria-Cnr) chiude i lavori con l’argomento “Tutela della risorsa idrica ed eccesso di nutrienti: una soluzione circolare è possibile”

Informazioni. L’evento si tiene in presenza e sarà trasmesso anche in streaming alla pagina

https://sites.unica.it/conferenzadicaar/materie-prime-residui-ripristino-ambientale-gestione-sostenibile-nellambito-delleconomia-circolare/.

Per gli eventi della Terza conferenza della Ricerca si rimanda al sito

https://sites.unica.it/conferenzadicaar/

Si ringraziano per la collaborazione i docenti Aldo Muntoni e Sabrina Lai

 

Daniele Cocco, presidente della facoltà di Ingegneria e architettura
Daniele Cocco, presidente della facoltà di Ingegneria e architettura

Last news

25 June 2022

Antonio Pigliaru, un pensiero ancora attuale che sfida il presente

Convegno internazionale di ampio respiro sull'opera dello studioso sardo, a 100 anni dalla nascita. In Aula Maria Lai si sono confrontati sui suoi studi docenti e ricercatori di tutto il mondo: in tutti gli interventi è emerso l'estremo rigore della sua ricerca, il metodo e la passione che costringono a confrontarsi senza retorica sui suoi scritti, a partire dalla nuova edizione del volume più noto

24 June 2022

International Smart City School 2022: the challenge of climate change

SUMMER SCHOOL EUROPEA A CAGLIARI. Dal 20 giugno sono iniziate le attività della scuola internazionale sulle smart cities e la sfida imposta dal cambiamento climatico. L’iniziativa dell’Università di Cagliari, curata dal docente Luigi Mundula e organizzata insieme agli altri atenei Ue dell’alleanza Educ - Paris Nanterre, Rennes 1, Potsdam, Masaryk, Pécs - impegnerà studenti e professori delle sei università fino al primo luglio. In programma un ricco calendario di lezioni in lingua inglese, eventi, aperiNET, lavori di gruppo, visite di studio e culturali, con ampio spazio all’interazione dei partecipanti internazionali

24 June 2022

Un percorso che punta sulle persone: inaugurato oggi il master in gestione delle risorse umane

“L’obiettivo è agire sul territorio per rilanciarlo attraverso la formazione di profili di alta professionalità”: così Gianni Fenu, prorettore vicario dell’Università di Cagliari, ha aperto l’incontro inaugurale del master di II livello in Gestione e sviluppo delle risorse umane, che formerà 36 professioniste e professionisti nel settore della gestione e valorizzazione del personale.

23 June 2022

Gestione e sviluppo delle risorse umane: il 24 giugno l’evento inaugurale del master

Nasce in collaborazione con l’ASPAL il nuovo master dell’Università di Cagliari dedicato a formare nuovi manager delle risorse umane. Si tratta di figure chiave per le imprese, sempre più impegnate non solo nel controllo, ma anche nella valorizzazione del personale. L’evento di inaugurazione si svolgerà alle 10 nell’Aula Magna del Rettorato, in via Università 40

Questionnaire and social

Share on: