Coinvolge i docenti di tre dipartimenti dell’Ateneo del capoluogo sardo uno dei sei macro-progetti ammessi al finanziamento dalla Direzione generale per il Coordinamento delle politiche di coesione del Ministero della Giustizia nell’ambito del bando per “la diffusione dell’Ufficio per il Processo e l’implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell’arretrato”. In campo Giurisprudenza, Scienze economiche e aziendali e Ingegneria elettrica ed elettronica. RASSEGNA STAMPA
20 January 2022
Il Palazzo di Giustizia di Cagliari

Il progetto che impegna i docenti di UniCa rientra in un investimento di oltre 51 milioni che coinvolge complessivamente 57 atenei italiani per avviare un’attività in raccordo tra le università e gli uffici giudiziari dei territori e con il Ministero

Sergio Nuvoli

Cagliari, 20 gennaio 2022 - C’è anche l’Università di Cagliari tra i partner di “Giustizia Smart: Strumenti e modelli per ottimizzare il lavoro dei giudici – JustSmart”, uno dei sei macro-progetti ammessi al finanziamento dalla Direzione generale per il Coordinamento delle politiche di coesione del Ministero della Giustizia nell’ambito del bando per “la diffusione dell’Ufficio per il Processo e l’implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell’arretrato”.

Si tratta di un investimento di oltre 51 milioni che coinvolge complessivamente 57 atenei italiani per avviare un’attività in stretto raccordo tra le università beneficiarie e gli uffici giudiziari dei territori e con il Ministero della Giustizia.

Il progetto ‘JustSmart’ – di cui l’Università di Palermo è capofila nell’ambito di un partenariato che coinvolge, oltre a quello cagliaritano, anche gli atenei di Catania, Messina, e Sassari – riguarda i tribunali e le Corti d’Appello dei distretti giudiziari di Cagliari, Caltanissetta, Catania, Messina e Palermo e mira all’elaborazione di un modello operativo dell’Ufficio per il Processo negli uffici giudiziari interessati.

L'ingresso dei locali del Dipartimento di Giurisprudenza, in viale Sant'Ignazio a Cagliari
L'ingresso dei locali del Dipartimento di Giurisprudenza, in viale Sant'Ignazio a Cagliari

Il gruppo di lavoro di UniCa coordinato da Silvia Izzo è composto da Alessandro Spano (DSEA), Luigi Atzori (DIEE), Ilenia Ruggiu, Maria Francesca Cortesi e Cristiano Cicero (Giurisprudenza)

“E’ una grande soddisfazione aver ottenuto questo finanziamento in partnership con l’Ateneo sassarese e quello palermitano – commenta Cristiano Cicero, direttore del Dipartimento di Giurisprudenza - Il progetto permetterà, anche in collaborazione con gli uffici giudiziari del nostro territorio, lo svolgimento di una ricerca applicata fondamentale per lo smaltimento dell’arretrato giudiziario e per migliorare, nel suo complesso, il servizio reso ai cittadini”.

Più nel dettaglio, nell’ambito della macroarea Isole (che comprende Sardegna e Sicilia), i Dipartimenti di Giurisprudenza (soggetto coordinatore), di Ingegneria elettrica ed elettronica e di Scienze economiche ed aziendali dell’Ateneo cagliaritano, sono risultati vincitori di un finanziamento che ammonta a circa € 1.100.000, ottenuto grazie alla partecipazione al bando di rilievo nazionale “per la diffusione dell’Ufficio per il Processo e l’implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell’arretrato”.

Il gruppo di lavoro dell’ateneo cagliaritano che si occuperà di sviluppare il progetto è coordinato dalla prof.ssa Silvia Izzo e costituito dal prof. Alessandro Spano per il Dipartimento di Scienze economiche ed aziendali, dal prof. Luigi Atzori per il Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica, dalle professoresse Ilenia Ruggiu, Maria Francesca Cortesi e dal prof. Cristiano Cicero per il Dipartimento di Giurisprudenza.

Grazie al progetto gli atenei coinvolti in ‘JustSmart’ potranno bandire assegni e borse di ricerca per oltre 5 milioni di euro complessivi.

Silvia Izzo, la docente di Diritto processuale civile coordinerà il gruppo di lavoro di UniCa nell'ambito del progetto
Silvia Izzo, la docente di Diritto processuale civile coordinerà il gruppo di lavoro di UniCa nell'ambito del progetto

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 21 gennaio 2022

Cagliari - pagina 17

Ateneo. Modelli innovativi e smaltimento dell'arretrato

Giustizia smart, progetto dell'Università

C'è anche l'Università tra i partner di di "Giustizia Smart: Strumenti e modelli per ottimizzare il lavoro dei giudici-JustSmart", uno dei sei macro-progetti ammessi al finanziamento dalla Direzione generale per il Coordinamento delle politiche di coesione del ministero della Giustizia nell'ambito del bando per "la diffusione dell'Ufficio per il Processo e l'implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell'arretrato". Si tratta di un investimento di oltre 51 milioni che coinvolge complessivamente 57 atenei italiani per avviare un'attività in stretto raccordo tra le università beneficiarie e gli uffici giudiziari dei territori e con il ministero della Giustizia. Il progetto "JustSmart'" riguarda i tribunali e le Corti d'Appello dei distretti giudiziari di Cagliari, Caltanissetta, Catania, Messina e Palermo. Il gruppo di lavoro dell'ateneo cagliaritano che svilupperà il progetto è coordinato dalla docente Silvia Izzo e costituito da Alessandro Spano per il Dipartimento di Scienze economiche ed aziendali, Luigi Atzori per Ingegneria elettrica ed elettronica, da Ilenia Ruggiu, Maria Francesca Cortesi e Cristiano Cicero per Giurisprudenza.li atenei coinvolti potranno bandire assegni e borse di ricerca per oltre 5 milioni di euro. 

L'articolo su L'Unione Sarda del 21 gennaio 2022 a pagina 17
L'articolo su L'Unione Sarda del 21 gennaio 2022 a pagina 17

Links

Last news

22 May 2022

UniCa C’è a Monumenti Aperti

Si rinnova anche per l'edizione 2022 la collaborazione tra l'Università degli Studi di Cagliari e la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata da Imago Mundi. Otto i siti dell'Ateneo aperti al pubblico nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio: il Palazzo del Rettorato, l'Archivio storico dell'Università, la Collezione Piloni, il MUACC, i giardini della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e sociali, l'Orto Botanico, la Cittadella dei Musei con le sue fortificazioni e il Trentapiedi dei Monumenti a Pirri, realizzato dal laboratorio Vestigia UniCa, coordinato da Fabio Calogero Pinna, docente di Archeologia pubblica

20 May 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS

20 May 2022

Ricerca, dal Fetal programming al come e al quando ci si potrà ammalare

“Dimmi che gestazione hai avuto e ti dirò se e di quali malattie potrai soffrire da adulto”. È stata questa, negli anni '80, l’intuizione dell’epidemiologo David Barker. L'ipotesi sostiene il lavoro, pubblicato dall'European review for medical and pharmacological sciences, curato dal team di specialisti dell’’Università di Cagliari e dell’Aou. La ricerca ha esplorato una casistica di pazienti che  hanno contratto il Covid-19

Questionnaire and social

Share on: