Un proficuo progetto di collaborazione internazionale tra i ricercatori dell’Università di Cagliari, i colleghi degli enti bielorussi, associazioni specialistiche e istituzioni. Tra le attività svolte, una Summer school, due webinar, un volume e un video
28 December 2021
Il sapere, l'inclusione e la condivisione: cibo principale per il benessere e la salute

Benessere e salute, un bersaglio che accomuna gli atenei, i centri di ricerca e la collettività

Mario Frongia

“La promozione della salute è un obiettivo da affrontare in tutte le fasi e in tutti i giorni della vita. Imparare a invecchiare bene e vivere bene è un compito complesso da perseguire sin dalle prime fasi della vita” spiega Micaela Morelli. La professoressa ha coordinato - dal 2019, da prorettrice alla Ricerca scientifica - il progetto di cooperazione internazionale “Longevità, stili di vita, alimentazione: importanza della educazione” (finanziato dalla Regione Sardegna - legge 19/1996, bando 2018). “Il nostro lavoro si è focalizzato sull'esperienza di studio di queste tematiche in Sardegna e  nella Repubblica di Bielorussia” aggiunge la docente di Farmacologia.

La genetica e le regole del buon vivere
La genetica e le regole del buon vivere

Gioco di squadra, condivisione e prospettive medico-scientifiche e culturali di pregio

Il progetto - avviatosi nel 2019 - ha visto la collaborazione tra un gruppo di lavoro dell’Università di Cagliari coordinato da Micaela Morelli, con i colleghi Donatella Rita Petretto (responsabile scientifica del progetto), Iole Tomassini Barbarossa, Sebastiano Banni, Monica Deiana, Melania Melis, Pierluigi Caboni, Sofia Cosentino, Andrea Loviselli e Fernanda Velluzzi. Il team ha operato con la Comunità mondiale della longevità guidata da Roberto Pili  e, per la Repubblica di Belarus, con l'Università Pedagogica Statale di Minsk, l'Università di Medicina di Minsk, l’Accademia delle Scienze di Minsk e il Policlinico n. 3 di Bobruisk. Nel gruppo di lavoro anche l’Associazione Sardegna Belarus e il Consolato della Repubblica di Belarus in Sardegna con il console Giuseppe Carboni.

I percorsi per un'alimentazione sana ed equilibrata
I percorsi per un'alimentazione sana ed equilibrata

Promozione della salute e del benessere: indispensabile un approccio transdisciplinare

"In accordo con le indicazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità che individua nella dieta, nell'alimentazione, nell'attività fisica e nelle relazioni i pilastri per la promozione della salute, in questo progetto sono stati affrontati temi complessi come invecchiamento, salute, promozione della salute, nutrizione e stili di vita, con lo scopo di studiare, condividere e diffondere le più recenti evidenze in questo ambito, mediante un approccio transdisciplinare" spiega Micaela Morelli. "Attraverso un confronto tra l'esperienza in Sardegna, in Italia e quella in corso nella Repubblica Bielorussia, il progetto si è svolto in tre fasi: una prima fase di condivisione e di raccolta di dati empirici nelle popolazioni sarde e di Belarus. In una seconda fase - aggiunge la professoressa Petretto - è stata realizzata una Summer school a Cagliari cui hanno partecipato rappresentanti dei partner, studenti e studentesse. A seguire, si è tenuta con successo una fase di disseminazione dei risultati".

La buona ricerca scientifica, madre di tutte le battaglie
La buona ricerca scientifica, madre di tutte le battaglie
Longevità, alimentazione e stili di vita. Clicca per il filmato

Un video riassuntivo e avvicinante su un percorso tra ricerca, didattica e formazione

Il filmato, realizzato da Cherchi Design (Vasili Cherchi Skakun e Maksim Krylenko), sintetizza il lavoro dei gruppi di ricerca e dei partner, con sottotitoli in italiano e in russo. Nella fase di disseminazione sono stati realizzati due webinar nei mesi di giugno e luglio scorso e il testo “Longevity, lifestyles and eating: The importance of education” a cura Donatella Petretto e Roberto Pili, edito da UnicaPress, disponibile in open access. I due webinar, la Summer School e i diversi  meeting di progetto hanno avuto il prezioso supporto della Comunità mondiale della longevità con gli specialisti Luca Gaviano e Gian Pietro Carrogu.

Il volume edito da Unica Press curato da Donatella Petretto e Roberto Pili
Il volume edito da Unica Press curato da Donatella Petretto e Roberto Pili
Cibo, benessere, salute. Clicca per il trailer



Impaginazione a cura di Ivo Cabiddu.
Immagini tratte dal volume "Longevity, lifestyles and eating. The importance of education" (UnicaPress)

Last news

22 May 2022

UniCa C’è a Monumenti Aperti

Si rinnova anche per l'edizione 2022 la collaborazione tra l'Università degli Studi di Cagliari e la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata da Imago Mundi. Otto i siti dell'Ateneo aperti al pubblico nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio: il Palazzo del Rettorato, l'Archivio storico dell'Università, la Collezione Piloni, il MUACC, i giardini della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e sociali, l'Orto Botanico, la Cittadella dei Musei con le sue fortificazioni e il Trentapiedi dei Monumenti a Pirri, realizzato dal laboratorio Vestigia UniCa, coordinato da Fabio Calogero Pinna, docente di Archeologia pubblica

20 May 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS

20 May 2022

Ricerca, dal Fetal programming al come e al quando ci si potrà ammalare

“Dimmi che gestazione hai avuto e ti dirò se e di quali malattie potrai soffrire da adulto”. È stata questa, negli anni '80, l’intuizione dell’epidemiologo David Barker. L'ipotesi sostiene il lavoro, pubblicato dall'European review for medical and pharmacological sciences, curato dal team di specialisti dell’’Università di Cagliari e dell’Aou. La ricerca ha esplorato una casistica di pazienti che  hanno contratto il Covid-19

Questionnaire and social

Share on: