La conferenza internazionale è stata organizzata con successo dal Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche dell’Università di Cagliari sul tema “From new materials to life science - Structure, interactions, dynamics and activity”. Premiati alcuni dottorandi e assegnisti di UniCA e finanziati dall’Acri tre giovani ricercatori stranieri per un tirocinio nel nostro ateneo nell’ambito del Young Investigator Training Program. Riconoscimento speciale alla professoressa Maura Monduzzi per i suoi studi nel campo delle Scienze dei Colloidi e delle Interfasi
28 October 2021
L'immagine scelta per rappresentare l'edizione 2021, organizzata a Pula dagli specialisti dell'ateneo cagliaritano

Durante la conferenza sono stati premiati i migliori contributi orali e poster di giovani studiosi, tra cui alcuni dottorandi e assegnisti del nostro ateneo

Si è svolto a Pula il congresso internazionale Interfaces, organizzato dal Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche di UniCa (Dscg) e dal Consorzio interuniversitario per lo sviluppo dei sistemi a grande interfase (Csgi). Al simposio, tenutosi dal 21 al 25 settembre, hanno partecipato circa un centinaio di studiosi di chimica, fisica e ingegneria provenienti da diverse università italiane ed europee. Tra i premi assegnati a giovani ricercatori e ricercatrici per le migliori comunicazioni orali e poster figurano alcuni dottorandi e assegnisti della nostra università: Monica Mura (dottoranda in Scienze e tecnologie chimiche), Maria Carta (dottoranda in Scienze e tecnologie per l'innovazione) e Leon Engelbrecht De Villiers (assegnista - Dipartimento Scienze chimiche e geologiche).

Tre ricercatori stranieri all’Università di Cagliari per un mese di tirocinio e formazione con finanziamento Acri

“La conferenza era inoltre associata al Young Investigator Training Program finanziato dall’Associazione fondazioni e casse di risparmio (Acri)”, ha voluto sottolineare il professor Andrea Salis, docente di Chimica fisica del Dscg e supervisor Yitp. “La commissione di valutazione - formata dai docenti universitari Gerardino D’errico (Napoli), Gerardo Palazzo (Bari), Drew Parsons (Cagliari), Emiliano Fratini (Firenze) e Luciano Galantini (Roma) - ha selezionato sei giovani ricercatori stranieri che, grazie ad un contributo di 3mila euro per ciascuno, potranno frequentare un periodo di formazione di almeno un mese presso centri di ricerca italiani associati alla conferenza. Tre di questi sei ricercatori, provenienti da Polonia, Repubblica Ceca e Iran, hanno scelto l’ateneo di Cagliari come sede del programma e svolgeranno il loro tirocinio nei laboratori del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche (Cittadella universitaria di Monserrato) con il gruppo di ricerca Bionanointerfaces”.

Foto di gruppo dei relatori e dei partecipanti alla conferenza. In alto a destra il professor Andrea Salis
Foto di gruppo dei relatori e dei partecipanti alla conferenza. In alto a destra il professor Andrea Salis

Riconoscimento speciale alla professoressa Monduzzi

"Interfaces 2021 ha dato anche l'occasione per una celebrazione in onore della professoressa Maura Monduzzi (Università di Cagliari) e del professor Andrea Ceglie (Università del Molise), come riconoscimento nazionale e internazionale per i loro importanti studi nel campo delle Scienze dei Colloidi e delle Interfasi".

La professoressa Maura Monduzzi, ordinaria del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche
La professoressa Maura Monduzzi, ordinaria del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche

Gruppo di ricerca “Bionanointerfaces”

Il gruppo di ricerca dell'Università di Cagliari - formato dai professori Andrea Salis e Drew Parsons con la dottoressa Cristina Carucci - gestisce progetti sperimentali e teorici nel campo delle bio e nanointerfacce, sia per studi fondamentali che applicati. I temi attivi riguardano: 1) Fenomeni di Hofmeister: studi sperimentali e teorici dell'effetto specifico di elettroliti forti e deboli (tamponi) su biomacromolecole (proteine, acidi nucleici, ecc.) o nanostrutture, 2) Nanomedicina: Nanoparticelle mesoporose funzionalizzate come nanocarrier per la consegna di agenti antimicrobici; 3) Corona proteica: studi sperimentali e teorici sulle interazioni tra nanoparticelle e proteine. Altri progetti teorici e sperimentali nel campo delle bio e nanointerfacce possono essere impostati in base alle competenze e agli interessi scientifici del singolo vincitore del premio Young Investigator Training Program.

Supervisor dei centri di ricerca associati al Young Investigator Training Program

  • Luigi Paduano, Università di Napoli Federico II (Dipartimento di Scienze chimiche)
  • Francesco Lopez, Università del Molise (Dipartimento di Agricoltura, ambiente e alimenti)
  • Andrea Salis, Università di Cagliari (Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche)
  • Gerardo Palazzo, Università di Bari (Dipartimento di Chimica)
  • Luciano Galantini, Università La Sapienza di Roma (Dipartimento di Chimica)
  • Francesca Baldelli Bombelli, Politecnico di Milano (Dipartimento di Chimica, materiali e ingegneria chimica)
  • Piero Baglioni, Università di Firenze  (Dipartimento di Chimica)
Gli sponsor del simposio patrocinato dall'università di Cagliari
Gli sponsor del simposio patrocinato dall'università di Cagliari

Links

Last news

30 June 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 June 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

28 June 2022

Raccontare la ricerca: adesioni entro il 4 luglio per la SHARPER Night 2022

Data e sede sono già confermate: si terrà venerdì 30 settembre 2022 nell’Orto botanico di Cagliari la nuova edizione di SHARPER Night, iniziativa inserita nel contesto europeo delle European Researchers’ night. Fino al prossimo lunedì 4 luglio ricercatrici e ricercatori dell'Ateneo potranno inviare le proprie proposte per organizzare eventi, conversazioni, podcast e laboratori collegati all’iniziativa.

Questionnaire and social

Share on: