Il gruppo di Andrea Loviselli monitora tre velisti impegnati da oggi in una crociera di trenta giorni: "Seventy...een" ha mollato gli ormeggi dal Molo Ichnusa. L'Università di Cagliari in prima fila tra terza missione, sport e conoscenze medico-scientifiche
26 June 2021
Cagliari. Molo Ichnusa, lapartenza di Seventy...een"

Modelli applicativi, rischi e conoscenze scientifiche tra anagrafe dei protagonisti e passione per il mare

Mario Frongia

Stamani, sabato 26 giugno, poco dopo le 9 "Seventy...een" - Bavaria 44, sloop da undici tonnellate di dislocamento - ha lasciato il Molo Ichnusa. La crociera si svilupperà nei prossimi trenta giorni nelle acque del Mediterraneo. A bordo, lo skipper Pietro Gaviati con Piercarlo Porru e Giorgio Ribollini rispettivamente di 73, 60 e 81 anni. Velisti diversamente giovani che saranno monitorati miglio dopo miglio dagli specialisti dell'Università e dell'Azienda ospedaliera universitaria di Cagliari. barca avrà sensori in grado di rilevare in tempo reale le variazioni microclimatiche ambientali e le oscillazioni meccaniche dello scafo. "Lo studio - dice Andrea Loviselli, docente Endocrinologia e Nutrizione, facoltà Medicina e Biologia, direttore Endocrinologia dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Cagliari - è volto a ottenere un modello funzionale della consistente fetta di popolazione di velisti che fanno parte di una fascia di età avanzata. Sarà importante acquisire conoscenze medico sportive necessarie sui benefici e sui possibili rischi, legati ai diportisti che vanno a vela per periodi prolungati”.

Andrea Loviselli
Andrea Loviselli

Sollecitazioni organiche, cardio-respirazione e microclima: marinai al microscopio

Con una piattaforma avanzata di telemedicina e bioingegneria, il trio di "Seventy een" viene monitorati da un team di specialisti dell'ateneo di Cagliari e di altri atenei, con il supporto di aziende di settore. Il monitoraggio avviene a livello cardiorespiratorio e metabolico,. "Valutiamo la risposta alle sollecitazioni generate sul loro organismo da variabili microclimatiche e biomeccaniche, caratteristiche della navigazione a vela in mare aperto. Andare a bordo di natanti a vela - spiega il professor Loviselli - può porre a dura prova i meccanismi del nostro corpo che sono deputati al mantenimento dell’omeostasi delle principali variabili funzionali quali temperatura, pH, osmolarità, glicemia e attività degli enzimi monoamino ossidasi, oltre al rischio di disidratazione. Altro elemento di perturbazione omeostatica è dato dal passaggio di un normale ritmo sonno/veglia a una condizione di sonno polifasico, con un significativo aumento dei tempi di reazione a stimoli visivi e quindi rischio di incidenti in barca".

I croceristi Pietro Gaviati, Giorgio Ribollini e Piercarlo Porru
I croceristi Pietro Gaviati, Giorgio Ribollini e Piercarlo Porru

Tra carta d'identità e salute, quel che può accadere in barca a vela per navigazioni prolungate

Nel coordinamento dei ricercatori opera anche Fernanda Velluzzi (docente Malattie metaboliche, presidente regionale Società italiana obesità, responsabile del Centro obesità dell'Aou di Cagliari): "Numerosi peptidi ciclici, sintetizzati in organismi marini e dispersi nel cosìdetto sea spray aerosol, hanno mostrato potenziali attività antitumorali di cui potrebbero beneficiare dei nostri tre croceristi". La parte biomedica, con la supervisione di Andrea Loviselli, fa capo a Filippo Tocco (direttore scuola specializzazione Medicina dello sport e docente di Scienze motorie) e Roberto Solinas (cardiologo, Aou Cagliari).

 

Fernanda Velluzzi
Fernanda Velluzzi

Meccanica, industria e ricadute sul tessuto imprenditoriale

L'aspetto ingegneristico è curato da Andrea Manuello (dipartimento Ingegneria meccanica e aerospaziale, Politecnico Torino). La componente industriale e territoriale, con il supporto tecnologico, è dello spin-off dell'Università di Cagliari 2C Technologies srl, amministrato da Alberto Concu (già docente di Fisiologia, facoltà di Medicina), e dalla Società informatica ugandese Nomadyca Ltd, amministrata da Andrea Fois.

Filippo Tocco
Filippo Tocco

Last news

27 October 2021

Nobel per la Fisica 2021, riconoscimento importante per tutta la scienza italiana

Mercoledì 27 ottobre, alle 14,30, evento divulgativo nell’Aula A del Dipartimento di Fisica e in streaming sulla piattaforma Zoom. Per l’Università di Cagliari intervengono il prorettore alla Ricerca, Luciano Colombo, e il direttore del Dipartimento di Fisica, Gianluca Usai, con Enzo Marinari (Università La Sapienza, Roma) e Piero Olla (Isac-Cnr, Cagliari)

25 October 2021

L'Orto botanico festeggia i 400 anni di UniCa

Si concludono mercoledì 27 ottobre alle 10.30 gli appuntamenti organizzati dalla Facoltà di Biologia e Farmacia per l'anniversario dell'Università di Cagliari con una visita guidata al polmone verde del nostro Ateneo e al l Museo Herbarium. Ad accompagnare i partecipanti il direttore dell'Orto Gianluigi Bacchetta e la docente di Botanica Annalena Cogoni

25 October 2021

«Un orto al mese» fa tappa all'Università di Cagliari

Il gruppo “Orto botanici e giardini storici” della Società Botanica Italiana racconta sui social le bellezze verdi dell'Italia attraverso una diretta con i protagonisti: dal Nord al Sud del nostro Paese in mostra i polmoni verdi che fanno respirare le nostre città. “Si tratta di una modalità certamente nuova e coinvolgente – spiega Gianluigi Bacchetta, direttore dell’Orto Botanico cagliaritano – per raccontare le collezioni e le attività che quotidianamente si svolgono nel polmone verde dell’Università di Cagliari". I LINK PER SEGUIRE LA DIRETTA GIOVEDI' 28 OTTOBRE A PARTIRE DALLE 17

25 October 2021

Ricerca, territorio e innovazione: l’Università di Cagliari capofila per la formazione avanzata nei trasporti del Mediterraneo

I simulatori di CentraLabs nel progetto da tre milioni e mezzo di euro con il Cirem capofila. Dalle gru portainer a bus e camion, logistica, competitività e performance di addetti portuali e autotrasporto. “La leadership dei colleghi è riconosciuta a livello mondiale” dice Francesco Mola. “Un passo strategico di rilievo” aggiunge Alessandra Carucci. “Dopodomani si parte con il kickoff meeting” spiega Gianfranco Fancello. “La ricerca si chiude nel gennaio 2024” rimarca Patrizia Serra

Questionnaire and social

Share on: