I corsi, previsti dal Piano di uguaglianza di genere di ateneo, saranno utili ad approfondire i temi delle discriminazioni e degli stereotipi che possono condizionare i percorsi di carriera. Il primo corso è rivolto a studenti e studentesse di corsi di dottorato e specializzazione e a titolari di assegni e borse di ricerca e il secondo al personale tecnico, amministrativo e bibliotecario
07 May 2021
Un paricolare della locandina dell'iniziativa

La prima iniziativa, Bias di genere nelle scelte professionali e di carriera in Accademia, si articola in due doppi appuntamenti, rivolti a studenti e studentesse di corsi di dottorato e scuole di specializzazione e titolari di borse e assegni di ricerca

Sono due le iniziative formative in partenza in queste settimane sul tema della parità di genere in accademia. La prima, Bias di genere nelle scelte professionali e di carriera in Accademia, si articola in due doppi appuntamenti in programma per il 20-21 maggio e 27-28 maggio, rivolti a studenti e studentesse di corsi di dottorato e scuole di specializzazione e titolari di borse e assegni di ricerca. I workshop si articolano in una prima giornata, utile a introdurre il focus della riflessione e a stimolare la discussione in piccoli gruppi, seguita il giorno successivo da un seminario aperto a tutte le persone interessate, arricchito dall’intervento di due autorevoli esperte.

Il primo workshop, dedicato a Linguaggio e comunicazione gender-sensitive in Università, si terrà il 20 e 21 maggio 2021. 

La prima giornata sarà mirata a individuare i meccanismi cognitivi relativi alla stereotipia di genere presente nel linguaggio e nella comunicazione. La seconda giornata prevede un seminario aperto a tutta la popolazione accademica e a tutte le persone interessate, tenuto da Cecilia Robustelli, Professoressa ordinaria di Linguistica Italiana nel Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali dell’Università di Modena e Reggio Emilia e coordinatrice del gruppo “Linguaggio di genere” nella Commissione di genere della CRUI.

Luigi Raffo, Delegato del Rettore in materia di progetti internazionali
Luigi Raffo, Delegato del Rettore in materia di progetti internazionali

Il secondo workshop è in programma per il 27 e 28 maggio 2021 e tratterà di Gap di genere in Università. La prima parte sarà mirata a individuare e discutere le cause e gli effetti dei gap di genere, il giorno seguente si prosegue con un seminario

Il secondo workshop è in programma per il 27 e 28 maggio 2021 e tratterà di Gap di genere in Università. La prima parte sarà mirata a individuare e discutere le cause e gli effetti dei gap di genere presenti nell’Università in diversi ambiti. Il giorno seguente si prosegue con un seminario, anche in questo caso aperto a tutta la popolazione accademica, tenuto da Ilenia Picardi, Ricercatrice di Sociologia generale presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II e componente della Commissione Nazionale CRUI sui Gender Equality Plan.          

Coordineranno workshop e sottogruppi Barbara Barbieri, Cristina Cabras, Paola Carboni, Ester Cois, Silvia De Simone e Alessandro Lovari, del core team del progetto H2020 SUPERA.


I workshop sono a ingresso libero previa iscrizione online al link shorturl.at/dsyK8 e prevedono l’attribuzione di crediti formativi secondo i regolamenti di ciascuna scuola.

Ester Cois, Delegata del Rettore per l’uguaglianza di genere
Ester Cois, Delegata del Rettore per l’uguaglianza di genere

Il secondo corso si intitola “Benessere organizzativo e uguaglianza di genere” ed è rivolto al personale tecnico, amministrativo e bibliotecario di tutte le categorie

Il secondo corso si intitola “Benessere organizzativo e uguaglianza di genere” ed è rivolto al personale tecnico, amministrativo e bibliotecario di tutte le categorie. Già partito con i primi appuntamenti in modalità e-learning, il corso prende avvio dalla considerazione che le organizzazioni maggiormente orientate all'equità sono ambienti di lavoro più salutari: l’obiettivo è sensibilizzare il personale sulle tematiche relative alla parità di genere e all’inclusione, contestualizzandone i vantaggi e individuandone le ricadute pratiche sulla propria attività lavorativa.

Il corso è suddiviso in due moduli della durata di 2 ore ciascuno:

Modulo 1 Benessere al lavoro: l’influenza degli stereotipi nella vita organizzativa; meccanismi di carriera e ambiente di lavoro.

Modulo 2 Linguaggio di genere nelle relazioni di lavoro e nella comunicazione amministrativa.

Il corso coinvolgerà in totale 705 partecipanti, con 15 edizioni per il personale di categoria C e B e 10 per il personale di categoria EP e D. Organizzato su invito del Direttore generale, dott. Aldo Urru, e del dott. Fabrizio Cherchi, Dirigente della Direzione personale, organizzazione, performance e componente dell’Hub di SUPERA, il corso coinvolge come docenti le prof.sse Barbara Barbieri ed Ester Cois del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, Cristina Cabras e Silvia De Simone del Dipartimento di Pedagogia, Psicologia, Filosofia.

Queste iniziative sono previste dal Piano di uguaglianza di genere di UNICA, che, attraverso l’allineamento con il Documento Strategico di Programmazione Integrata e il Piano per le Azioni Positive del triennio in corso, disegna un ambizioso percorso di cambiamento istituzionale di medio-lungo periodo, tramite l’adozione di misure e azioni volte a contrastare e superare i persistenti divari di genere nel mondo della ricerca scientifica.

Maggiori informazioni

La copertina del Piano di uguaglianza di genere
La copertina del Piano di uguaglianza di genere

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 11 maggio 2021

Agenda - pagina 21

Corsi di formazione sulla parità di genere

L'Università propone due corsi di formazione sulla Parità di genere. Le iniziative, previste dal Piano di uguaglianza di genere di ateneo, saranno utili ad approfondire i temi delle discriminazioni e degli stereotipi che possono condizionare i percorsi di carriera. Iniziative formative Sono due le iniziative formative in partenza in queste settimane sul tema della parità di genere in accademia. La prima, Bias di genere nelle scelte professionali e di carriera in Accademia,si articola in due doppi appuntamenti in programma per il 20-21 maggio e il27-28 maggio, rivolti a studenti e studentesse di corsi di dottorato e scuole di specializzazione e titolari di borse e assegni di ricerca. I workshop si articolano in una prima giornata seguita il giorno successivo da un seminario aperto a tutte le persone interessate. Il primo workshop, dedicato a Linguaggio e comunicazione gender-sensitive in Università, si terrà il 20 e 21 maggio 2021.La prima giornata sarà mirata a individuare i meccanismi cognitivi relativi alla stereotipia di genere presente nel linguaggio e nella comunicazione. La seconda giornata prevede un seminario aperto a tuttala popolazione accademica e a tutte relativi alla stereotipia di genere presente nel linguaggio e nella comunicazione. Secondo workshop La seconda giornata prevede un seminario aperto a tuttala popolazione accademica e a tutte le persone interessate, tenuto da Cecilia Robustelli, professoressa ordinaria di Linguistica Italiana nel Dipartimento diStudi Linguistici e Culturali dell'Università di Modena e Reggio Emilia Il secondo workshop è in programma per il 27 e 28 maggio 2021 e tratterà di Gap di genere in Università.

La notizia su L'Unione Sarda del 11 maggio 2021 a pagina 21
La notizia su L'Unione Sarda del 11 maggio 2021 a pagina 21

Attachments

Last news

14 June 2021

Venerdì 18 giugno il 28mo Rapporto CRENoS sull'economia della Sardegna

Sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari, a presentare l'analisi condotta dai ricercatori dei due atenei sardi, autori di un documento riconosciuto come il punto di riferimento più autorevole e completo in materia. L'appuntamento è per le 10.30 nell'Aula A della Facoltà di Scienze economiche, politiche e giuridiche: i lavori saranno introdotti dalla neodirettrice del CRENoS Anna Maria Pinna e vedranno la partecipazione dei due rettori degli atenei sardi, Francesco Mola e Gavino Mariotti. Quindi la discussione dei dati con un panel di imprenditori. L'iniziativa sarà trasmessa in streaming sulla pagina facebook del CRENoS e sul canale YouTube di UniCa. Il link per la partecipazione in presenza e la RASSEGNA STAMPA

14 June 2021

Nasce il primo Dottorato Nazionale in Sviluppo Sostenibile e Cambiamento Climatico

Aperto il bando di concorso per l’ammissione al primo Dottorato Nazionale in Sviluppo sostenibile e Cambiamento climatico, XXXVII ciclo, A.A. 2021-22. 3 anni di studi, 6 curricula, 93 borse cofinanziate al 50%, 12 borse finanziate interamente, 30 Università italiane pubbliche e private. UniCa aderisce al progetto sotto il coordinamento della Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia

Questionnaire and social

Share on: