Presentato lo spot del progetto nato dalla cooperazione Italia-Francia, con in prima fila i trasportisti cagliaritani guidati da Paolo Fadda. Impatti-No punta a sensibilizzare scuole superiori, start up, giovani imprese e aspiranti imprenditori sul riuso in ambito portuale. In palio premi per 48mila euro. Le iscrizioni per il Contest sono state prorogate al 14 maggio. All'interno il link per il video promozionale
14 April 2021
Cagliari. Una veduta del porto del capoluogo regionale

Inquinamento da plastiche e acque di lavaggio delle cisterne in ambito portuale: al via il concorso per le migliori soluzioni

Mario Frongia

È stata prorogata al 14 maggio prossimo la partecipazione al contest del progetto Impatti-No. Il concorso mette a disposizione premi per 48mila euro ed è finanziato dal Programma di cooperazione territoriale Interreg Italia-Francia Marittimo 2014/20. Il Contest Circular Ports - riservato a scuole superiori, giovani aspiranti imprenditori, imprese con meno di due anni di vita e start up - rientra nel Progetto Impatti-No, che ha per capofila i ricercatori dell’Università di Cagliari. Impatti-No (Impianti portuali per la gestione dei porti transfrontalieri e rifiuti) punta a migliorare la gestione del trattamento dei rifiuti e dei reflui prodotti dalle navi e di quelli generati dalle attività umane nei porti, secondo le logiche e le finalità di un modello di economia circolare (remanufacturing, riuso). Ovvero, la possibilità di allungare la vita utile dei beni e sottoporre gli scarti a operazioni di riciclo e recupero energetico per ottenere materie in grado di produrre valore. Impatti-No mette al centro dei lavori e del contest due specifiche tipologie di rifiuti, le plastiche e le acque di lavaggio delle cisterne, entrambi con impatti significativi.

La foto scattata nel 2018 all'insediamento del team dei trasportisti di Cagliari per l'avvio di Impatti-No
La foto scattata nel 2018 all'insediamento del team dei trasportisti di Cagliari per l'avvio di Impatti-No

Gli specialisti dell'Università di Cagliari hanno all'attivo progetti, esperienze e relazioni pluridecennali anche in ambito portuale

“Con Impatti-No si punta - spiega Paolo Fadda, ordinario di Pianificazione dei trasporti al dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e architettura dell'ateneo di Cagliari, responsabile scientifico del progetto per l’ateneo di Cagliari - a rafforzare la protezione delle acque marine, soprattutto nei porti e nei pressi delle coste, secondo una logica di sistema in cui i rifiuti e le acque reflue possono essere trattati nel luogo di produzione o in mare su navi specializzate o trasferite da un porto all'altro nella stessa zona marittima dell'Alto Tirreno, superando, quando necessario, i confini dello stesso sistema portuale”

 

Idee innovative made in Sardinia: foto di gruppo dello staff di CentraLabs impegnato nel progetto italo-francese.
Idee innovative made in Sardinia: foto di gruppo dello staff di CentraLabs impegnato nel progetto italo-francese.

Sensibilizzazione collettiva, economia circolare e categorie di rifiuti prodotti nei porti

“Il progetto promuove la sensibilizzazione della collettività del territorio transfrontaliero e sostiene la presentazione di idee innovative finalizzate a sviluppare, in un’ottica di economia circolare, la valorizzazione dei rifiuti prodotti nei porti e sulle navi, come materia prima secondaria, nell’ottica del riuso in ambito portuale e urbano” si legge nel bando. Al riguardo, “Impatti-No intende attivare un concorso per l’identificazione e lo start up di idee innovative aventi per oggetto - nell’ottica di un’economia circolare rigenerativa - lo sviluppo di una catena di valore, attraverso forme di allungamento della vita utile (es. riuso, remanufacturing, rigenerazione,) e/o innovazioni dei processi di riciclo e recupero energetico, relativamente ai rifiuti più comunemente generati in ambito portuale” aggiunge il professor Fadda. Tra questi, rifiuti domestici ed assimilabili, quali rifiuti da imballaggio (plastica, carta e cartone, vetro, metalli, materiali misti, etc.), rifiuti biodegradabili di cucina e mense/altri rifiuti biodegradabili, rifiuti ingombranti, altre frazioni anche pericolose; rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione; Acque di lavaggio delle cisterne; oli esausti; altri.

Una foto tratta dallo spot ideato dalla Camera di commercio della Maremma e del Tirreno
Una foto tratta dallo spot ideato dalla Camera di commercio della Maremma e del Tirreno

Un progetto che valorizza le intuizioni delle scolaresche e delle nuove generazioni

Per la nostra regione il Contest prevede attività da realizzarsi all’interno delle province di Cagliari, Sassari, Nuoro, Oristano, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano, Ogliastra e Olbia-Tempio. In lizza anche le province di Toscana e Liguria. Il Premio va alle idee innovative - sui temi e per gli obiettivi del Contest - finalizzate a uno sviluppo imprenditoriale. “Il premio è costituito da conferimenti in denaro che saranno assegnati alle migliori candidature di idee, sulla base di modalità, criteri, condizioni e entità definite nel bando. Le idee vincitrici saranno illustrate in un Catalogo, sotto forma di schede sintetiche, divulgate e promosse dai partner del progetto. Nei giorni scorsi è stato creato lo spot creato dalla Camera di Commercio della Maremma.

Da sinistra, Paolo Fadda e Gianfranco Fancello, amministratore unico e direttore generale del consorzio CentraLabs, fiore all'occhiello della ricerca e delle simulazioni aeree, bus, gru e portainer in CIttadella universitaria a Monserrato
Da sinistra, Paolo Fadda e Gianfranco Fancello, amministratore unico e direttore generale del consorzio CentraLabs, fiore all'occhiello della ricerca e delle simulazioni aeree, bus, gru e portainer in CIttadella universitaria a Monserrato

Indicazioni, supporto e modalità del Contest

La domanda di partecipazione, le indicazioni sul concorso e i relativi allegati sono scaricabili dal sito 

https://www.lg.camcom.it/pagina2696_contest-circular-ports.html. 

Informazioni. Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno 0564 430 212 Email: promozione@lg.camcom.it Per le comunicazioni ufficiali è necessario scrivere a cameradicommercio@pec.lg.camcom.it

Lo spot ideato per il Contest:  

https://drive.google.com/file/d/1KXmmMB1hINEmj26k8-YMa0d6v-VmOGvO/view?usp=sharing

Un'altra immagine tratta dallo spot di Impatti-No
Un'altra immagine tratta dallo spot di Impatti-No

Last news

07 May 2021

Parità di genere: in Ateneo due iniziative di formazione

I corsi, previsti dal Piano di uguaglianza di genere di ateneo, saranno utili ad approfondire i temi delle discriminazioni e degli stereotipi che possono condizionare i percorsi di carriera. Il primo corso è rivolto a studenti e studentesse di corsi di dottorato e specializzazione e a titolari di assegni e borse di ricerca e il secondo al personale tecnico, amministrativo e bibliotecario

04 May 2021

Indicazioni a seguito del passaggio della Sardegna in zona arancione

Messaggio del Rettore a seguito dell’ordinanza del Ministero della salute del 30.04.2021: le attività didattiche e i servizi agli studenti (segreterie studenti, orientamento e counseling psicologico, biblioteche e sale studio) riprenderanno a svolgersi con le stesse modalità adottate prima del passaggio in zona rossa. Le lezioni riprenderanno ad essere erogate in presenza (e contestualmente online) sulla base delle opzioni già acquisite a partire da lunedì 10 maggio secondo i calendari definiti a inizio semestre e consultabili nell’Agenda web studente. Il sistema di prenotazione del posto in aula sarà nuovamente attivo, per le studentesse e gli studenti già abilitati, a partire dal pomeriggio di lunedì 3 maggio.

03 May 2021

Open day e prorettori: oggi Francesco Mola presenta la due giorni di orientamento e i nove colleghi del pool di governo d’ateneo

Nel primo incontro con i media il rettore illustra in aula magna le novità su lauree triennali e magistrali a ciclo unico e le proposte didattiche per il 2021/22. Spazio anche alle aree dei professori Alessandra Carucci, Luciano Colombo, Paola Fadda,  Elisabetta Gola, Valentina Onnis, Giorgio La Nasa, Fabrizio Pilo, Ignazio Putzu, Ilenia Ruggiu e Ester Cois

Questionnaire and social

Share on: