L'Ateneo di Cagliari aderisce al progetto che punta al riconoscimento dei Monumenti della Civiltà nuragica nel Patrimonio Culturale Universale dell’Unesco, presentato dall’associazione “La Sardegna verso l'Unesco”. Il Senato accademico ha concesso il nulla osta affinchè del Comitato scientifico dell'iniziativa facciano parte Riccardo Cicilloni, Carlo Lugliè, Rossana Martorelli del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali; Gianluigi Bacchetta e Susanna Salvadori del Dipartimento di Scienze della Vita e dell'Ambiente; Giorgio Massacci e Marco Cadinu del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura. RASSEGNA STAMPA
25 November 2020
Un nuraghe, immagine simbolo

L'Università punta a favorire una visione integrata della cultura nuragica, per la quale non si tutelano solo le singole evidenze monumentali, ma l’intero insieme come espressione di un sistema, indissolubilmente legato al territorio

Sergio Nuvoli

Cagliari, 24 novembre 2020 - L’Università degli Studi aderisce al progetto che punta al riconoscimento dei Monumenti della Civiltà nuragica nel Patrimonio Culturale Universale dell’Unesco, presentato dall’associazione “La Sardegna verso l'Unesco”. Lo ha deliberato questa mattina il Senato accademico dell’Ateneo, riunito in modalità da remoto.

“Credo sia importante la collaborazione attiva dell’Ateneo a questa bellissima iniziativa – ha sottolineato Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari – che sarà di sostegno e supporto per rafforzare la validità culturale, già di notevole portata, della richiesta di riconoscimento avanzata”.

Nella stessa seduta, l’organo collegiale ha concesso il nulla osta affinchè alcuni docenti facciano parte del Comitato scientifico del progetto, costituito dall’associazione per predisporre il progetto definitivo che sarà presentato per il riconoscimento. Affinchè sia rappresentativo delle migliori competenze di settore, saranno coinvolti vari docenti: Riccardo Cicilloni, Carlo Lugliè, Rossana Martorelli del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali; Gianluigi Bacchetta e Susanna Salvadori del Dipartimento di Scienze della Vita e dell'Ambiente; Giorgio Massacci e Marco Cadinu del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura. 

Il Palazzo del Rettorato
Il Palazzo del Rettorato

Il direttore del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali: "L'auspicio è che il progetto possa attualizzare le sue importanti potenzialità scientifico-culturali attraverso il pieno coinvolgimento e il contributo critico del Comitato Scientifico"

“Esprimo un duplice auspicio – è il commento di Ignazio Putzu, direttore del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali - Da un lato, che il progetto possa attualizzare le sue importanti potenzialità scientifico-culturali attraverso il pieno coinvolgimento e il contributo critico del Comitato Scientifico; dall’altro, che tale attualizzazione abbia come via maestra il presupposto culturale che giustamente fonda (e sul quale deve basarsi) l’intera idea: ossia una visione integrata della cultura nuragica, per la quale non si tutelano solo le singole evidenze monumentali, ma l’intero insieme come espressione di un sistema, indissolubilmente legato al territorio in quanto dimensione geografico-naturale e storico-antropica. In quest’ottica, il progetto dovrà farsi necessariamente e coerentemente portatore di una istanza di tutela di tutti i contesti ambientali che ospitano le rimanenze della civiltà nuragica, a partire dai delicati sistemi rurali”.

Ignazio Putzu con Maria Del Zompo, Rettore di UniCa
Ignazio Putzu con Maria Del Zompo, Rettore di UniCa

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 25 novembre 2020

Cagliari - pagina 19

Il progetto per il riconoscimento

Nuraghi patrimonio dell'Unesco I docenti dell'ateneo nel comitato

C'è anche l'Università nel progetto che punta al riconoscimento dei monumenti della civiltà nuragica come patrimonio dell'Unesco. L'adesione è stata deliberata all'unanimità dal Senato accademico dell'Ateneo, riunito in modalità da remoto.
«Credo sia importante la collaborazione attiva dell'Ateneo a questa bellissima iniziativa - ha sottolineato la rettrice Maria Del Zompo - che sarà di sostegno e supporto per rafforzare la validità culturale, già di notevole portata, della richiesta di riconoscimento avanzata». Alcuni docenti faranno parte del Comitato scientifico del progetto dell'associazione "La Sardegna verso l'Unesco" che punta a ottenere il riconoscimento. Sono stati scelti i docenti Riccardo Cicilloni, Carlo Lugliè, Rossana Martorelli del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali; Gianluigi Bacchetta e Susanna Salvadori del Dipartimento di Scienze della Vita e dell'Ambiente; Giorgio Massacci e Marco Cadinu del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura.
«In una visione integrata della cultura nuragica non si tutelano solo le singole evidenze monumentali ma l'intero insieme come espressione di un sistema indissolubilmente legato al territorio - dice Ignazio Putzu, direttore del Dipartimento di lettere e beni culturali -. In quest'ottica, il progetto dovrà farsi necessariamente e coerentemente portatore di una istanza di tutela di tutti i contesti ambientali che ospitano le rimanenze della civiltà nuragica, a partire dai delicati sistemi rurali».
Soddisfazione è stata espressa da Michele Cossa, presidente del Comitato Promotore: «È un'adesione significativa che fa fare al progetto un grande salto di qualità, anche per lo spessore scientifico».

L'articolo su L'Unione Sarda del 25 novembre 2020 a pagina 19
L'articolo su L'Unione Sarda del 25 novembre 2020 a pagina 19

Links

Last news

01 October 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemila presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una cinquantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 September 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 September 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 September 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie