Esattamente alla fine del secondo anno dall’inizio delle lezioni, Marco Marras ha tagliato il traguardo del nuovo corso di laurea magistrale nato su volontà del Rettore Maria Del Zompo e coordinato da Antioco Floris per con l’intento di offrire competenze di alto livello in uno degli ambiti professionali attualmente in più forte espansione. Il neodottore ha discusso una tesi sull'importanza della figura del media educator, un nuovo professionista che può operare nell’infosfera per contribuire a migliorare i processi di partecipazione alla vita contemporanea. LA NOTIZIA E' SU TUTTA LA STAMPA: guarda la rassegna
24 July 2020
Marco Marras è il primo laureato in Scienze della produzione multimediale

Marco Marras ha conseguito oggi il titolo discutendo una tesi dal titolo “#EDUCHIAMOCIAPREVENIRE: La Media Education nella prevenzione del bullismo e del cyberbullismo"

Sergio Nuvoli

Cagliari, 24 luglio 2020 - Evento importante per l’Università di Cagliari che, esattamente alla fine del secondo anno dall’inizio delle lezioni e con perfetta puntualità, ha avuto il suo primo laureato in Scienze della produzione multimediale. Si tratta del corso di laurea magistrale, coordinato da Antioco Floris, nato esattamente due anni fa su precisa volontà del Rettore Maria Del Zompo con l’intento di offrire competenze di alto livello in uno degli ambiti professionali in forte sviluppo e che ha raccolto notevole interesse nel mondo studentesco.

Marco Marras ha conseguito oggi il titolo discutendo una tesi dal titolo “#EDUCHIAMOCIAPREVENIRE: La Media Education nella prevenzione del bullismo e del cyberbullismo", un lavoro impegnativo in cui è stato seguito dai docenti Diego Cavallotti e Maria Luisa Pedditzi.

Marco Marras mentre discute la tesi dalla sua abitazione in collegamento con la commissione presieduta da Antioco Floris
Marco Marras mentre discute la tesi dalla sua abitazione in collegamento con la commissione presieduta da Antioco Floris

Il neodottore ha fatto emergere l’importanza della figura del media educator come un nuovo professionista che può operare nell’infosfera per contribuire a migliorare i processi di partecipazione alla vita contemporanea ottenendo il voto di 110 su 110

Marras – classe 1997 - ha sviluppato un progetto a carattere sperimentale in cui la componente di ricerca sul campo si è coniugata con la realizzazione di strumenti multimediali capaci di intervenire per controllare le consuetudini di cyberbullismo, quella forma di bullismo che si pratica nel web e in particolare sui social media, la nuova agorà dei rapporti interpersonali del mondo contemporaneo.

Il neodottore ha fatto emergere l’importanza della figura del media educator come un nuovo professionista che può operare nell’infosfera per contribuire a migliorare i processi di partecipazione alla vita contemporanea ottenendo la votazione di 110 su 110.

La felicità di Marco dopo la proclamazione
La felicità di Marco dopo la proclamazione

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 26 luglio 2020

Cagliari - pagina 26

Tesi sul cyberbullismo

Contenuti multimediali, primo laureato del nuovo corso

Marco Marras è il primo laureato in Scienze della produzione multimediale all'Università di Cagliari. Ha concluso venerdì pomeriggio il suo percorso di studio.
Si tratta del corso di laurea magistrale coordinato da Antioco Floris, nato esattamente due anni fa per volontà del rettore Maria Del Zompo con l'intento di offrire competenze di alto livello in uno degli ambiti professionali in forte sviluppo.
Marco Marras ha conseguito il titolo discutendo una tesi dal titolo “#Educhiamociaprevenire: la Media Education nella prevenzione del bullismo e del cyberbullismo”, un lavoro impegnativo di ricerca e di approfondimento in cui è stato seguito dai docenti Diego Cavallotti e Maria Luisa Pedditzi.
Marras, che ha 23 anni, ha sviluppato un progetto a carattere sperimentale in cui la componente di ricerca sul campo si è coniugata con la realizzazione di strumenti multimediali capaci di intervenire per controllare le consuetudini di cyberbullismo, quella forma di bullismo che si pratica nel web e in particolare sui social media, la nuova agorà dei rapporti interpersonali del mondo contemporaneo.
Il neodottore ha fatto emergere l'importanza della figura del media educator come un nuovo professionista che può operare per migliorare i processi di partecipazione alla vita contemporanea.
Intanto sui social dell'ateneo cagliaritano continua a spopolare la rubrica #unicalaurea: le studentesse e gli studenti che si laureano stanno condividendo foto e commenti, con post che raggiungono un numero elevatissimo di like e condivisioni.

L'articolo su L'Unione Sarda del 26 luglio 2020 a pagina 26
L'articolo su L'Unione Sarda del 26 luglio 2020 a pagina 26

Links

Last news

20 January 2022

Ricerca, tra sostenibilità, pratiche e materiali innovativi in edilizia

Domani pomeriggio, la quarta conferenza curata dai ricercatori del Dicaar inquadra le dinamiche inerenti il settore delle costruzioni. Dalla riduzione dei consumi ad approcci sistemici e multidisciplinari passando per modelli circolari ed emissioni climateranti. All’evento prendono parte specialisti ed esperti di atenei d’oltre Tirreno. I lavori si possono seguire in diretta streaming

20 January 2022

Un accordo con l’Istituto Giua

Siglata dal Rettore Francesco Mola e dalla Dirigente Romina Lai una convenzione che punta a creare un rapporto di stabile collaborazione per costituire un polo strategico in grado di potenziare l’attività didattica, di formazione, orientamento e ricerca. Si rafforza il rapporto con il mondo dell’istruzione

20 January 2022

Giustizia smart, in campo l’Università di Cagliari

Coinvolge i docenti di tre dipartimenti dell’Ateneo del capoluogo sardo uno dei sei macro-progetti ammessi al finanziamento dalla Direzione generale per il Coordinamento delle politiche di coesione del Ministero della Giustizia nell’ambito del bando per “la diffusione dell’Ufficio per il Processo e l’implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell’arretrato”. In campo Giurisprudenza, Scienze economiche e aziendali e Ingegneria elettrica ed elettronica. RASSEGNA STAMPA

Questionnaire and social

Share on: