Un progetto di ricerca coordinato da Massimiliano Arca (Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche) studierà le proprietà dei complessi di oro come Auranofin: per farlo ha ottenuto l’utilizzo di MARCONI100, il nuovissimo server di supercalcolo del CINECA inaugurato di recente e dedicato alla ricerca di soluzioni contro la pandemia. Si tratta del nono più potente supercomputer a livello mondiale. RASSEGNA STAMPA
24 July 2020
Anna Pintus e Enrico Podda sono i giovani ricercatori coinvolti nel progetto coordinato da Massimiliano Arca

Non solo clinici e virologi coinvolti nella lotta alla pandemia: in campo anche i chimici. Nel progetto anche Maria Carla Aragoni, Vito Lippolis, Claudia Caltagirone, Anna Pintus e Enrico Podda, docenti e ricercatori del Dipartimento guidato da Rosa Cidu

Sergio Nuvoli

Cagliari, 22 luglio 2020 - Utilizzare gli strumenti della chimica computazionale per studiare complessi di oro, come Auranofin, attivo contro il virus SARS-CoV-2 e immediatamente utilizzabile in quanto già largamente impiegato contro l’artrite reumatoide e quali antivirale. È l’obiettivo del progetto di ricerca “Gold(I/III) metal-drugs in the treatment of covid-19 pandemic” (AuCovid), coordinato dal professor Massimiliano Arca, con la partecipazione di Maria Carla Aragoni, Vito Lippolis, Claudia Caltagirone e di Anna Pintus e Enrico Podda, docenti e ricercatori del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell’Università degli Studi di Cagliari.

Per portare avanti le attività previste, sarà decisivo il supporto – ottenuto dai ricercatori dell’Ateneo cagliaritano – di SCAI (SuperComputer Applications and Innovation), il dipartimento di calcolo ad alte prestazioni del CINECA, il Consorzio interuniversitario per il calcolo automatico, nell’ambito dell’Italian SuperComputer Resource Allocation (ISCRA).

Massimiliano Arca, docente del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche, coordina il progetto
Massimiliano Arca, docente del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche, coordina il progetto

MARCONI100 è attualmente al nono posto nella top500 tra i supercomputer più potenti al mondo, al secondo posto in Europa e al primo in Italia

Al progetto è stato assegnato inizialmente un budget di 30mila ore sul nuovissimo server di supercalcolo MARCONI100, inaugurato di recente e dedicato alla ricerca di soluzioni contro la pandemia da COVID-19. Si tratta di un sistema basato sulla combinazione dei processori IBM Power9 e delle GPU Nvidia Tensore Core V100, con una potenza di picco di circa 32 Pflop/s, che lo inserisce fra i supercomputer più potenti al mondo (al nono posto nella top500 mondiale, al secondo posto in Europa e al primo in Italia).

L’utilizzo di questo tipo di macchine consente di eseguire in poco tempo calcoli di grandissima complessità e di verificare un altissimo numero di molecole per l’obiettivo individuato dai ricercatori: “In questi giorni – spiega il professor Arca - sto verificando con il team di CINECA se questa sia in realtà la macchina più adatta per i nostri calcoli e ho chiesto di spostare almeno parte del monte ore su Galileo, un supercomputer su cui possono girare più agevolmente i codici necessari ai calcoli computazionali di nostro interesse”.

Un'immagine di MARCONI100, il nuovissimo server di supercalcolo
Un'immagine di MARCONI100, il nuovissimo server di supercalcolo

Si tratta di un’attività già oggetto di recenti pubblicazioni su riviste internazionali quali “ACS Inorganic Chemistry”, “Journal of Inorganic Biochemistry” e recentemente “Molecules”

Il progetto si inquadra in una più estesa attività di ricerca sperimentale, condotta dal gruppo di Arca grazie alle collaborazioni pluriennali con Maria Agostina Cinellu ed Antonio Zucca, docenti del Dipartimento di Chimica e Farmacia dell’Università degli Studi di Sassari, e di Germano Orrù del Dipartimento di Scienze Chirurgiche di Cagliari. Un’attività già oggetto di recenti pubblicazioni su riviste internazionali quali “ACS Inorganic Chemistry”, “Journal of Inorganic Biochemistry” e recentemente “Molecules”, e che prevede la sintesi di nuovi complessi metallici e lo studio della loro applicazione quali farmaci antimicrobici e antitumorali.

Si tratta di un importante riconoscimento da parte del Dipartimento di calcolo ad alte prestazioni del CINECA della capacità progettuale del team di Chimica Inorganica Computazionale dell’Università di Cagliari, che si aggiunge ad altri progetti, alcuni dei quali, come quello sperimentale e teorico sulla sintesi di composti inorganici per il restauro e consolidamento di materiali lapidei di interesse storico-archeologico, hanno trovato spazio negli ultimi anni anche sui media nazionali.

Una parte dei laboratori in cui opera il team guidato dal professor Arca
Una parte dei laboratori in cui opera il team guidato dal professor Arca

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA - giovedì 23 luglio 2020

Cagliari - pagina 17

Università

Atomi d'oro contro il Covid-19

Complessi chimici dell'oro contro il Covid-19. È lo studio che sta portando avanti l'Università di Cagliari in un progetto di ricerca coordinato da Massimiliano Arca, docente del dipartimento di Scienze chimiche e geologiche.
Gli esperti studieranno le proprietà dei complessi dell'oro (come Auranofin, già utilizzato contro l'artrite e come antivirale) e lo faranno con il nuovissimo server di supercalcolo, “Marconi100”, del Consorzio interuniversitario per il calcolo automatico, inaugurato di recente e dedicato alla ricerca di soluzione contro la pandemia.
«Utilizzare gli strumenti della chimica computazionale per studiare complessi di oro, come Auranofin, attivo contro il virus Sars-CoV-2 e immediatamente utilizzabile in quanto già largamente impiegato contro l'artrite reumatoide e come antivirale. Questo l'obiettivo della ricerca», spiegano dall'Università.

L'articolo su L'Unione Sarda di giovedì 23 luglio 2020 a pagina 17
L'articolo su L'Unione Sarda di giovedì 23 luglio 2020 a pagina 17

Links

Last news

24 September 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

24 September 2022

Consorzio Industriale della Gallura, intesa con il DICAAR

Un progetto di ricerca sotto la responsabilità di Roberto Ricciu, docente del Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Architettura, che coordina un gruppo di ricerca di Fisica Tecnica Ambientale, ha mosso i primi passi nelle scorse settimane: l'obiettivo è studiare il fabbisogno di energia attuale e pianificare il futuro sviluppo socio economico del nord est della Sardegna provando a rispondere in modo opportuno ad alcune domande fondamentali per lo sviluppo

24 September 2022

Percorsi mediterranei di mediazione per la pace, interviene il Segretario della CEI

L'arcivescovo di Cagliari mons. Giuseppe Baturi apre i lavori dell'iniziativa organizzata dal docente di Diritto privato Carlo Pilia: l'appuntamento è per lunedì 26 settembre alle 16 con una relazione sulla "Carta di Firenze". “L’inizio delle lezioni è l’occasione propizia per animare un confronto con gli studenti universitari sulle tematiche di interesse generale e di maggiore attualità – spiega il professore - che quest’anno riguardano lo sviluppo sostenibile e gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite”.

23 September 2022

Bullismo, sistema di videosorveglianza intelligente per segnalare episodi di violenza ideato dagli specialisti dell’Università di Cagliari

Dalle App per smartphone e pc agli studi avanzati sul rilevamento degli artefatti video utilizzati dai bulli per molestare e minacciare. Il team dell’Università di Cagliari guidato da Gian Luca Marcialis nel progetto BullyBuster con gli atenei di Foggia, Bari e Napoli Federico II. I lavori saranno presentati anche all’Orto botanico il 30 settembre per Sharper european researchers’ night 2022

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie