Ben venticinque le proposte presentate da docenti e ricercatori dell'Ateneo per attività formative multilingue da svolgere nell'ambito del programma ''European Universities'', destinate alla mobilità virtuale di studenti in percorsi didattici digitali comuni alle università di Cagliari, Potsdam, Pécs, Brno, Rennes, Paris-Nanterre. Entro settembre gli esiti della selezione finale
18 July 2020
Ciascuna "alleanza" del programma European Universities dispone di un budget pari a cinque milioni di euro. I progetti, di durata triennale, sono stati avviati ufficialmente il primo ottobre 2019 con uno stanziamento globale di 85 milioni di euro

Si concretizza la cooperazione interdisciplinare tra le sei università europee del consorzio EDUC

Ivo Cabiddu

I sei atenei europei dell’Alleanza Erasmus+ “European Universities”EDUC - di cui fa parte l’Università degli Studi di Cagliari, insieme a Potsdam, Pécs, Brno, Rennes, Paris-Nanterre - a maggio avevano promosso una prima “call” per docenti e ricercatori, con scadenza 15 giugno quale termine ultimo per inviare le idee progettuali.
 
CARATTERISTICHE PROPOSTE. Come da precedente news di Unica.it, per essere preselezionati, i progetti dovevano prevedere una parte di mobilità virtuale e internazionale destinata agli studenti e avere in programma moduli e/o corsi multilingue. Le attività di questa azione devono infatti essere volte alla sperimentazione di scenari di mobilità e scambi virtuali, armonizzati in un percorso didattico digitale per gli studenti all’interno delle università consorziate EDUC. Di fondamentale importanza, in particolare, la collaborazione con uno o più docenti degli altri atenei dell’Alleanza.
 
PRESELEZIONE E TEMPISTICA. In totale sono 25 le idee progettuali correttamente sottomesse e ricevute dall’Università di Cagliari. Tra queste, 12 candidature sono risultate idonee (alcune sotto condizione) per la seconda fase. Le proposte complete (full proposals) dovranno ora essere redatte e trasmesse al Team EDUC entro e non oltre il prossimo 15 settembre.
A fine settembre potranno essere quindi comunicati gli esiti della selezione finale che riguarderà tutti i progetti pre-selezionati a livello di Alleanza. Successivamente, si avvieranno le attività di implementazione ed erogazione agli studenti.
 
CONTATTI. Per informazioni è possibile inviare una email all'indirizzo di posta elettronica educ@unica.it.

EUROPEAN UNIVERSITIES. L’ateneo di Cagliari nell'alleanza internazionale a sostegno dei valori europei, dell’inclusione e dell’innovazione nella didattica e nella ricerca

EDUC, per l’Ateneo di Cagliari un ruolo internazionale di primo piano nell’European Digital UniverCity
  
L'organizzazione del consorzio EDUC, l’Università Europea di cui fa parte l’Ateneo di Cagliari, è mirata ad attività basate sulla serie di temi prioritari e strategici sui quali i ricercatori dei sei atenei alleati rafforzeranno la loro cooperazione nei prossimi anni:

  • Lifelong Health and Wellbeing;
  • Cyber Security and Artificial Intelligence;
  • European Union Studies;
  • Sustainable Changes: climate and resources;
  • Justice, inequality and inclusion;
  • Mobility / smart cities;
  • Culture and heritage.
Individuate a Cagliari le tematiche di ricerca su cui le 6 università dell'alleanza svilupperanno la collaborazione. Nella foto (febbraio 2020) le professoresse Carucci e Morelli con le delegazioni degli altri atenei del consorzio EDUC
Individuate a Cagliari le tematiche di ricerca su cui le 6 università dell'alleanza svilupperanno la collaborazione. Nella foto (febbraio 2020) le professoresse Carucci e Morelli con le delegazioni degli altri atenei del consorzio EDUC

Le tematiche scelte dal partenariato scaturiscono dall'analisi dei punti di forza delle singole università e della loro capacità di contribuire in maniera importante alle politiche europee (Horizon Europe) e regionali (S3). Chiaro lo scopo primario del processo decisionale, con l’obiettivo dichiarato di diventare attori di riferimento per la ricerca su scala europea, nelle sette aree identificate che coprono un ampio spettro di temi, in linea con le caratteristiche di multidisciplinarità dell’Alleanza EDUC.

Le rappresentative presenti a Cagliari nelle due giornate di riunioni EDUC dell’11 e 12 febbraio (foto a lato e qui sopra) per la definizione degli ambiti di attività (in merito vedi notizia su Unica.it) erano formate da Florian Schweigert, Nadine Shovakar (University of Potsdam, Germania), Sonia Lehman-Frisch, Hélène Aji (via Skype), Ludovic Collin (University of Paris Nanterre, Francia), Jòzsef Betlehem (University of Pécs, Ungheria), Bretislav Dancák, Šárka Pospíšilová, Jan Pavlik, Lukáš Palko (University of Masaryk, Repubblica Ceca), Jean-François Carpentier (via Skype), Sébastien Le Picard (University of Rennes, Francia), Alessandra Carucci, Micaela Morelli, Daniela Ghiani, Luigi Raffo (Università di Cagliari, Italia).

Una delle riunioni dell'ultimo meeting di Cagliari, ospitato da UniCa nei locali della Direzione Ricerca e Territorio, nel Polo universitario "Aresu", in via San Giorgio 12
Una delle riunioni dell'ultimo meeting di Cagliari, ospitato da UniCa nei locali della Direzione Ricerca e Territorio, nel Polo universitario "Aresu", in via San Giorgio 12

COMPETENZE DEI SINGOLI ATENEI

Attività dell'Università Europea EDUC, per tema scientifico e ateneo partner responsabile del particolare ambito di ricerca e organizzativo:

  1. Lifelong Health and Wellbeing - Pécs (Ungheria)
  2. Cyber Security and Artificial Intelligence - Masaryk (Brno, Repubblica Ceca)
  3. European Union Studies - Cagliari (Italia)
  4. Sustainable Changes: climate and resources - Potsdam (Germania)
  5. Justice, inequality and inclusion - Paris-Nanterre (Francia)
  6. Mobility / Smart cities - Rennes (Francia)
  7. Culture and heritage - Paris-Nanterre (Francia)

Grazie al progetto Erasmus+ “European Universities” (ciascuna alleanza del programma comunitario ha a disposizione un budget di cinque milioni di euro), e anche a risorse aggiuntive messe a disposizione dal governo francese, potrà essere pianificato il finanziamento di numerose mobilità.
  

Il logo del consorzio interuniversitario europeo "EDUC" e dei sei atenei partner
Il logo del consorzio interuniversitario europeo "EDUC" e dei sei atenei partner

PROGETTO EDUC: sei università nazionali europee coalizzate e sinergiche per formare un unico grande ateneo internazionale e multidisciplinare

Bruxelles. Il progetto 'European Digital UniverCity, coordinato dall’Università di Potsdam (Germania), oltre all’ateneo cagliaritano coinvolge anche le università di Parigi-Nanterre, Rennes 1 (Francia), Masaryk (Brno, Repubblica Ceca), Pecs (Ungheria)
Bruxelles. Il progetto 'European Digital UniverCity, coordinato dall’Università di Potsdam (Germania), oltre all’ateneo cagliaritano coinvolge anche le università di Parigi-Nanterre, Rennes 1 (Francia), Masaryk (Brno, Repubblica Ceca), Pecs (Ungheria)

Links

Last news

10 April 2021

Sardegna in zona rossa, da lunedì 12 aprile sospese le attività didattiche in presenza

Messaggio del Rettore Francesco Mola: quanto programmato proseguirà a distanza secondo il calendario stabilito a inizio semestre. "Ci teniamo a ricordarvi che la macchina organizzativa rimarrà comunque sempre attiva - scrive il Magnifico - in modo da consentirci di ripartire con la didattica mista non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno". Il Direttore Generale Aldo Urru ha inviato al personale una CIRCOLARE sullo SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITA' LAVORATIVA in zona rossa

09 April 2021

Erasmus+ Traineeship, pubblicato l'avviso per 400 borse

Al via le selezioni per partecipare al programma europeo che permette di svolgere un periodo di tirocinio presso imprese, centri di formazione, università e centri di ricerca o altre organizzazioni dei Paesi aderenti all'accordo. Le borse di mobilità sono riservate a coloro che risultano essere regolarmente iscritti per l'anno accademico 2020/2021 ai corsi di studio della nostra Università. Scadenza per la presentazione delle domande fissata alle 14 del 30 aprile. RASSEGNA STAMPA

09 April 2021

Regionalismo italiano, una tavola rotonda per discutere del suo futuro

Venerdì 16 aprile alle 16, sulla piattaforma Teams, in occasione della presentazione dei volumi di Stefano Aru e di Tanja Cerruti, il Dipartimento di Giurisprudenza organizza una tavola rotonda per discutere sul destino del regionalismo in Italia. Parteciperanno Cristiano Cicero, direttore del dipartimento, Gianmario Demuro, Francesco Clementi, Andrea Deffenu, Elena D'Orlando, Alessandro Morelli, Andrea Morrone, Anna Maria Poggi e Giulio Salerno. Le conclusioni sono affidate a Pietro Ciarlo. IL LINK PER SEGUIRE L'EVENTO. RASSEGNA STAMPA

Questionnaire and social

Share on: