Inaugurata questa mattina l'opera dello street artist Manu Invisible, all'ingresso della Cittadella universitaria di Monserrato. “E’ il senso di una rinascita – ha spiegato il Rettore Maria Del Zompo - L’immagine e la parola usata sono un segnale di futuro e di speranza rivolto a noi e al territorio: al personale, ai ricercatori, agli assegnisti, ma anche agli studenti e alle loro famiglie. E alle future matricole, che speriamo di accogliere numerosi alla riapertura, che sarà certamente controllata ma sarà pur sempre una rinascita per tutti noi. Parlare di orizzonte ha un significato di crescita e quindi di speranza: c’è sempre la curiosità di sapere cosa c’è dietro l’orizzonte”. IMMAGINI e VIDEO, con la GALLERIA FOTOGRAFICA, la RASSEGNA STAMPA e i servizi dei TG: la notizia anche su RAINEWS24
16 July 2020
GUARDA IL VIDEO REALIZZATO DA RELIVE COMMUNICATION SULLA NUOVA OPERA DI MANU INVISIBLE

All'inaugurazione dell'opera con l'incontro con i giornalisti hanno partecipato anche il Prorettore alla Didattica Ignazio Putzu, il Direttore Generale Aldo Urru, la Dirigente della Didattica Pina Locci, e la docente di Storia dell'Arte Pamela Ladogana

Sergio Nuvoli

Cagliari, 14 luglio 2020 - Un'opera dedicata al futuro, nel segno della street art e della conoscenza. È questo lo spirito che ispira il nuovo murale realizzato dallo street artist Manu Invisible per l'Università degli Studi di Cagliari. Un progetto scritto e coordinato dall'Agenzia di comunicazione Relive Communication, che rinnova il sodalizio con l'Ateneo cagliaritano e firma la creatività della nuova campagna iscrizioni 2020/2021. 

"Horizons" – Orizzonti, questo il titolo del graffito creato da Manu Invisible negli spazi esterni della Cittadella di Monserrato - si presenta come l'emblema resiliente dell'Università di Cagliari; una poetica cadenzata da colori luminosi e tratteggiata su inedite forme urbane, che racconta in una sola parola - orizzonti - la proiezione dell'Università di Cagliari oltre il tempo di crisi che il Covid-19 ha imposto. 

“E’ un messaggio che l’Ateneo ha voluto dare prima di tutto a se stesso – è il commento di Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari, che ha inaugurato questa mattina l’opera insieme all’artista e al Prorettore alla Didattica, Ignazio Putzu – Al personale, ai ricercatori, agli assegnisti, ma anche agli studenti e alle loro famiglie. E alle future matricole, che speriamo di accogliere numerose alla riapertura, che sarà certamente controllata ma sarà pur sempre una rinascita per tutti noi”. All'inaugurazione dell'opera con l'incontro con i giornalisti hanno partecipato anche il Direttore Generale Aldo Urru, la Dirigente della Didattica Pina Locci, e la docente di Storia dell'Arte Pamela Ladogana.

Il taglio del nastro sull'opera di Manu invisible
Il taglio del nastro sull'opera di Manu invisible
GUARDA IL MOMENTO DEL TAGLIO DEL NASTRO

Il Prorettore alla Didattica: "Abbiamo realizzato un’opera che permarrà nel tempo ed è indice dell’idea dell’Ateneo cagliaritano di non agire soltanto sulla base della contingenza, ma di superarla facendo una programmazione di prospettiva"

Un'Università capace di guardare avanti, di aprire confini inattesi, muovendosi senza interruzione tra lo spazio dell'offline e il contesto dell'online, in modo liquido e con nuovi paradigmi. 

“Abbiamo voluto sposare questa intuizione perché ha un duplice significato che rappresenta la filosofia dell’Università di Cagliari – aggiunge il Prorettore alla Didattica Ignazio Putzu - Il concetto di orizzonti apre prospettive future superando la contingenza dando prospettiva progettuale e di speranza per il futuro. Dall’altro lato, abbiamo realizzato un’opera che permarrà nel tempo ed è indice dell’idea dell’Ateneo cagliaritano di non agire soltanto sulla base della contingenza, ma di superarla facendo una programmazione di prospettiva di lunga durata. In altre parole, affrontiamo la contingenza senza limitarci ad essa: viviamo il presente vedendo il futuro in una prospettiva lunga”.

L'incontro con i giornalisti alla Cittadella di Monserrato per la presentazione dell'opera
L'incontro con i giornalisti alla Cittadella di Monserrato per la presentazione dell'opera
IL SERVIZIO DI CINZIA DE FILIPPIS PER IL TG DELLA RAI, ANDATO IN ONDA NELL'EDIZIONE DELLE 14 DEL 14 LUGLIO 2020, CONDOTTO IN STUDIO DA ROSSELLA ROMANO E SU RAINEWS24 NEL POMERIGGIO

L'opera, che nasce come ispirazione dallo spot prodotto a maggio per gli Open Day dell'Università di Cagliari, interpreta con il linguaggio artistico della street-art le parole dello scienziato Stephen Hawking

In quest'ottica, la macro-parete disegnata e dipinta da Manu Invisibile diventa una testimonianza destinata al futuro, un simbolo per gli studenti d'oggi e per quelli di domani. “E’ il senso di una rinascita – aggiunge il Rettore - L’immagine e la parola usata – Orizzonti – è un segnale di futuro e di speranza rivolto a noi e al territorio. Parlare di orizzonte ha un significato di crescita e quindi di speranza: c’è sempre la curiosità di sapere cosa c’è dietro l’orizzonte”.

Aldo Urru, Direttore Generale dell'Ateneo, con Manu invisible
Aldo Urru, Direttore Generale dell'Ateneo, con Manu invisible
IL SERVIZIO DI CINZIA ISOLA PER IL TG DI TCS, ANDATO IN ONDA NELL'EDIZIONE DELLE 14 DEL 14 LUGLIO 2020, CONDOTTO IN STUDIO DA ANTONELLO LAI

A declinare l'opera, il corrispondente spot, ideato e prodotto dalla Relive, e diffuso in ambito social/digital per tutta la campagna iscrizioni. In più, lo spot tv e la campagna stampa in programmazione sui media regionali

L'opera, che nasce come ispirazione dallo spot prodotto a maggio per gli Open Day dell'Università di Cagliari, interpreta con il linguaggio artistico della street-art le parole dello scienziato Stephen Hawking: un incontro originale di idee e messaggi, che caratterizzerà tutta la campagna iscrizioni UniCa2020.

A declinare l'opera, il corrispondente spot, ideato e prodotto dalla Relive, e diffuso in ambito social/digital per tutta la campagna iscrizioni. In più, lo spot tv e la campagna stampa in programmazione sui media regionali.

(ha collaborato Roberto Ibba)

Manu invisible e Maria Del Zompo alla Cittadella di Monserrato
Manu invisible e Maria Del Zompo alla Cittadella di Monserrato
Il servizio del TG di SARDEGNA 1

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 15 luglio 2020

Cagliari - pagina 14

La “chiamata” di Manu Invisible

Campagna di iscrizioni con lo street artist

Un murale dedicato al futuro, per ripartire dopo il Covid all'insegna della cultura e della formazione. Utilizzando il linguaggio della street art, l'Università lancia la nuova campagna di immatricolazioni e prende gli studenti per mano inaugurando alla Cittadella di Monserrato una nuova opera firmata da Manu Invisible. «È il senso di una rinascita», spiega la rettrice Maria Del Zompo, «un segnale di speranza e di futuro». Che comincia con l'approvazione del nuovo regolamento tasse che, tenendo conto delle difficoltà sostenute dalle famiglie in questo periodo, contiene importanti agevolazioni per chi si iscrive all'università. «Ai giovani dico: credeteci e provateci. Facendo un investimento su voi stessi, che comporta anche qualche sacrificio, naturalmente. Ma ricordo che la cultura, e quindi un percorso universitario, aiutano a inserirsi nel mondo del lavoro e avere redditi maggiori», aggiunge.

L'artista
L'opera si chiama Horizons (orizzonti), «con la scelta della lingua inglese utilizzata come apertura verso il mondo», dice l'artista, e rappresenta un foglio di carta che simboleggia il passaggio tra il pensiero e il gesto progettuale. Su questa tavolozza, che si piega su un lembo e si apre al futuro, è incisa la parola orizzonti: «Un termine che custodisce tutti quei valori positivi che contrastano in questa epoca smarrita e danno un input alla rinascita, cominciando proprio dalla cultura e dall'università». Un messaggio di speranza rivolto ai giovani a guardare avanti con fiducia, investendo nella cultura e nella formazione universitaria. Un progetto coordinato dall'agenzia Relive communication, che rinnova il sodalizio con l'ateneo cagliaritano.

Nuovi orizzonti
L'Università, dunque, guarda avanti, apre confini inattesi e si muove tra lo spazio fisico e il contesto dell'online, seguendo nuovi paradigmi. «A settembre, quando ricominceremo, organizzeremo lezioni in presenza e, contemporaneamente, a distanza: gli studenti potranno scegliere quale modalità seguire», spiega ancora la rettrice. «Manu Invisible utilizza un linguaggio molto apprezzato dai giovani, la sua capacità è proprio quella di riuscire a fare sintesi su alcuni messaggi che come ateneo vogliamo lanciare: apertura, rinascita e nuovi stimoli. Messaggi», dice ancora la rettrice, «che l'ateneo ha voluto dare prima di tutto a se stesso, al personale, ai ricercatori, agli assegnisti, ma anche agli studenti e alle loro famiglie. E alle future matricole, che speriamo di accogliere numerose alla riapertura che sarà certamente controllata ma sarà comunque una rinascita per tutti».

Il futuro
Il nuovo disegno di Manu Invisibile per l'Università, che arriva dopo quello realizzato nell'Aula magna di Sa Duchessa, diventa una testimonianza destinata al futuro e un simbolo per gli studenti di oggi e per quelli di domani. In quest'ottica, «è il senso di una rinascita», spiega ancora la rettrice. «L'immagine usata è un segnale di futuro e di speranza: c'è sempre la curiosità di sapere cosa c'è dietro l'orizzonte».
«Abbiamo voluto sposare questa intuizione perché ha un duplice significato che rappresenta la filosofia dell'università di Cagliari», sottolinea il prorettore alla didattica Ignazio Putzu. «Il concetto di orizzonti apre prospettive future superando la contingenza dando prospettiva e speranza per il futuro.
L'opera, che nasce come ispirazione dallo spot prodotto a maggio per gli open day dell'università di Cagliari, interpreta con il linguaggio della street-art le parole dello scienziato Stephen Hawking: un incontro originale di idee e messaggi che caratterizza tutta la nuova campagna iscrizioni.

Mauro Madeddu

Il disegno di Manu Invisible testimonia il senso di una rinascita: l'immagine
e la parola sono segnali di futuro e speranza

L'articolo di Mauro Madeddu su L'Unione Sarda del 15 luglio 2020 a pagina 14
L'articolo di Mauro Madeddu su L'Unione Sarda del 15 luglio 2020 a pagina 14

Links

Last news

03 December 2021

«Tecnologia è Biologia», una conferenza alla Fondazione di Sardegna

Venerdì 3 e sabato 4 dicembre dalle 18, nella sala conferenze della Fondazione di Sardegna a Cagliari, si svolgerà l'iniziativa dedicata alla conoscenza nell'era digitale con il coordinamento scientifico di Silvano Tagliagambe, l'organizzazione di Kitzanos e EjaTv, il sostegno della Fondazione e il patrocinio dell'Università degli Studi di Cagliari. Previsti gli interventi del Magnifico Rettore, Francesco Mola, e della viceministra allo Sviluppo economico, Alessandra Todde. RASSEGNA STAMPA

03 December 2021

Cinema in Sardegna, una tavola rotonda per fare il punto

Una tavola rotonda con i registi Salvatore Mereu, Gianfranco Cabiddu, Enrico Pau e Mario Piredda concluderà oggi alle 17.20 nell’Aula Magna Motzo (Sa Duchessa, via Is Mirrionis) le giornate di studio su “Cinema ed economia del territorio”, organizzate dal Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali e dal Centro per l'educazione ai linguaggi del cinema, degli audiovisivi e della multimedialità (CELCAM) dell’Università degli Studi di Cagliari. RASSEGNA STAMPA

02 December 2021

Idee, arte e cultura a cavallo del Covid

Domani, secondo appuntamento del ciclo di seminari dai temi trasversali e inclusivi. Coordinati da Marco Zurru e Clementina Casula, gli eventi nascono dai dipartimenti di Scienze politiche e sociali e Lettere, lingue e beni culturali, in partnership con l'assessorato alla Cultura del comune di Cagliari e con l'Associazione enti locali, attività culturali e di spettacolo. Le news su iscrizioni e crediti formativi per studentesse e studenti

02 December 2021

Webinar sul progetto ‘‘Acuadori’’

DIRETTA WEB sul CANALE YOUTUBE di UNICA. Venerdì 3 dicembre, dalle 10,30, seminario online riguardante la Piattaforma ICT per la gestione sostenibile dell'acqua destinata alla vitivinicoltura di qualità. Coordina il professor Massimo Barbaro, del Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica, responsabile scientifico del progetto per l’Università di Cagliari. Nel team anche Costantino Sirca (Università Sassari), Katiuscia Zedda (Abika), Roberta Pilloni (Cantine Su’Entu) e Federico Razzu (Viticoltori Romangia)

Questionnaire and social

Share on: