Scienze mediche e Sanità pubblica, pubblicato sulla rivista internazionale “Chemical Geology” un lavoro che il gruppo di ricerca coordinato da Marco Schintu svolto in collaborazione con il Department of Marine Sciences dell’Università di Calcutta (India). Nuove prospettive per la ricerca scientifica e per la collaborazione di UniCa con gli atenei di un grande Paese emergente
29 November 2019
L'accumulo di rifiuti sulla riva del Gange (foto da Repubblica.it)

Sergio Nuvoli

Cagliari, 28 novembre 2019 - È stato recentemente pubblicato sulla rivista internazionale “Chemical Geology” un lavoro che il gruppo di ricerca coordinato da Marco Schintu (docente al Dipartimento di Scienze Mediche e Sanità Pubblica) ha svolto in collaborazione con il Department of Marine Sciences dell’Università di Calcutta (India).

Lo studio, durato due anni, ha riguardato la potenziale rimobilizzazione di metalli pesanti quali cadmio e piombo dai sedimenti inquinati dell’estuario del Gange, un sistema idrodinamico estremamente complesso che sfocia nel Golfo del Bengala, valutando il rischio di una loro introduzione nella catena trofica.

Oltre che per il suo contenuto scientifico, il lavoro è importante perché apre la porta a future collaborazioni di UniCa con le università di un grande Paese emergente quale l’India. Lo studio sarà presto seguito da un altro progetto nel quale l’inquinamento delle acque dell’estuario del Gange sarà valutato per la prima volta con tecniche di campionamento passivo dei contaminanti, un campo di ricerca nel quale l’équipe del prof. Schintu è molto attiva in ambito internazionale. Sullo stesso tema partecipa attualmente a due progetti Interreg, SEDRIPORT e MONITOOL.

L'articolo pubblicato da Chemical geology
L'articolo pubblicato da Chemical geology

Last news

23 September 2021

Il ricordo, la memoria

In ricordo di David Carpenter Nilson, lettore (1986-2004) e professore a contratto di Traduzione nel 2004 nella allora Facoltà di Lingue di Cagliari

22 September 2021

Notte dei ricercatori, oggi all’Orto botanico eventi attuali e di forte impatto per la comunità

Alle 20 i saluti inaugurali di Francesco Mola, Luciano Colombo, Paolo Truzzu, Tomaso Locci e Christian Solinas. Dalle 16 si dibatte di vaccini, diritti individuali, hacker, scene del crimine, cinema, cervello, intelligenza artificiale arte terapia, scienza della sostenibilità e antimateria. La manifestazione si tiene nel cuore della città e promuove la scienza avvicinante e a portata di mano. All’Orto sarà presente, per la prima volta in Italia durante la Notte, un “Punto giallo” per la raccolta fondi organizzato con il comitato “Verità per Giulio Regeni”

21 September 2021

Notte dei ricercatori. Vaccini e pandemia tra i temi più attesi

Anche l’edizione 2021 vede l’Università di Cagliari in prima fila, venerdì 24 settembre, con tanti eventi divulgativi coordinati da ricercatrici e ricercatori, dimostrazioni scientifiche e incontri su temi attuali e di forte impatto. L’iniziativa si tiene dalle 16 alle 22,30 all’Orto botanico e, oltre al focus di grande interesse su Covid19, prevede una serie di interessanti presentazioni e attività varie dedicate a robotica, cinema, antimateria, cervello, big data, intelligenza artificiale, Internet delle cose, storia, medicina, fisica e chimica. PER PARTECIPARE OCCORRE ISCRIVERSI ONLINE

21 September 2021

Eletti i nuovi Presidenti di Facoltà

Le sei facoltà dell’università cagliaritana hanno scelto i loro presidenti che resteranno in carica per il triennio 2021-2024. Gli eletti sono i professori ordinari Elio Acquas (Biologia e Farmacia), Daniele Cocco (Ingegneria e Architettura), Luca Saba (Medicina e Chirurgia), Paolo Ruggerone (Scienze), Nicola Tedesco (Scienze economiche giuridiche e politiche) e Antonello Mura (Studi umanistici). A tutti loro le congratulazioni del magnifico rettore Francesco Mola, sotto la cui guida si apre così un nuovo ciclo per la governance delle strutture didattiche d’ateneo.

Questionnaire and social

Share on: