Presentati i primi risultati del progetto ARIA, il Rettore Maria Del Zompo: “Un’iniziativa che mette insieme un parterre di tutto rispetto, con i due atenei sardi coinvolti in un’idea vincente proposta dal professor Galbiati e dal nostro professor Devoto, con una forte attenzione anche ai partner internazionali”. Il Presidente INFN Antonio Zoccoli: “E’ stato creato un ecosistema che concentra qui cervelli di eccellenza e può far ripartire la Sardegna”
16 November 2019
Maria Del Zompo in apertura

L'Aula magna di Palazzo Belgrano ha ospitato un convegno di altissimo livello, con comunicazioni scientifiche di pregio: al centro dei lavori il progetto ARIA, che punta ad una significativa ricaduta socioeconomica nel Sulcis

Sergio Nuvoli

Cagliari, 16 novembre 2019 - “La ricerca di base può creare ricchezza. Come uomini di scienza abbiamo il dovere di crederci e di fare tutto il possibile perché questo si verifichi: il progetto ARIA ha tutte le carte in regola per farlo. Mette insieme un parterre di tutto rispetto, con i due atenei sardi coinvolti in un’idea vincente proposta dal professor Galbiati e dal nostro professor Devoto, con una forte attenzione anche ai partner internazionali. Il nostro ateneo è orgoglioso di provocare con questo progetto una forte ricaduta sul Sulcis, un territorio in grande difficoltà che merita l’attenzione di tutti”. Queste le parole di Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari, questa mattina alla presentazione dei primi risultati del progetto ARIA nell’Aula magna di Palazzo Belgrano a Cagliari. All’incontro - moderato dal Prorettore all'Innovazione Maria Chiara Di Guardo - hanno partecipato Stefano Buffagni e Alessandra Todde, viceministro e sottosegretario allo Sviluppo economico, ed è intervenuto – tra gli altri – Art McDonald, Premio Nobel per la Fisica nel 2015.

“Le due università sarde lavorano insieme per i giovani di questa terra – ha evidenziato Massimo Carpinelli, Rettore dell’Università di Sassari - perché crescano qui e qui sviluppino le loro opportunità. Vogliamo che la nostra regione sia conosciuta per le opportunità che ci sono qui, non soltanto per il turismo. Qui ci sono infrastrutture, università, un territorio fertile dove costruire iniziative come il progetto ARIA”.

Massimo Carpinelli, Rettore dell'Università di Sassari
Massimo Carpinelli, Rettore dell'Università di Sassari

Il Presidente INFN, Antonio Zoccoli: "Costruiamo un ecosistema che concentra qui cervelli di eccellenza e può far ripartire la Sardegna. Ci siamo trovati tanto bene che, anche sulle onde gravitazionali, abbiamo deciso di costruire qui una infrastruttura"

“Com’è fatta la materia oscura? – si è chiesto il presidente dell’INFN Antonio Zoccoli - Noi abbiamo deciso di realizzare degli esperimenti per capirlo. Per costruire rivelatori sofisticatissimi serve però argon ultrapuro: il progetto ARIA nasce per purificarlo. Per realizzare l’infrastruttura attraverso la quale compiere questa operazione abbiamo scelto la miniera di Seruci nel Sulcis, un terreno fertile che ci ha accolto e che mette a fattore comune la nostra ricerca scientifica con la realtà territoriale e con le menti migliori che ci sono in Sardegna. Spostiamo avanti le frontiere della conoscenza: le nostre ricerche servono a questo. Costruiamo un ecosistema che concentra qui cervelli di eccellenza e può far ripartire la Sardegna. Ci siamo trovati talmente bene che, anche sulle onde gravitazionali, abbiamo deciso di costruire una infrastruttura, nella miniera di Sos Enattos: la Sardegna è davvero il posto ideale”.

Antonio Zoccoli, Presidente INFN
Antonio Zoccoli, Presidente INFN

Cristiano Galbiati: "Chiediamo che la tecnologia installata qui resti qui. La trasformazione dei biotopi e le startup che svilupperanno restino qui. E chiediamo più minatori, perché senza di loro il progetto non si svilupperà"

Il responsabile scientifico del progetto ARIA Cristiano Galbiati ha presentato i primi risultati: “Cinque anni fa questa iniziativa non esisteva, oggi è una realtà unica sulla frontiera della ricerca. Con i risultati del primo modulo, possiamo dire che il Sulcis diventerà un eccellente punto di produzione di argon e xenon e il luogo di produzione di isotopi stabili estratti dall’aria, alcuni dei quali particolarmente pregiati e rari in natura. Stiamo parlando di un mercato che vale moltissimo, e che barra ancora di più. Grazie alla spinta decisiva di Maria Chiara Di Guardo abbiamo creato anche un fotoreattore in Carbosulcis che farà crescere l’alga spirulina”.

“Ringrazio l’università di Cagliari – ha concluso il professor Galbiati - Chiediamo che la tecnologia installata qui resti qui. La trasformazione dei biotopi e le startup che svilupperanno le tecnologie necessarie restino qui. E chiediamo più minatori, perché senza di loro il progetto non si svilupperà in modo che questo progetto possa mantenere la leadership nel mondo. Siamo nati cinque anni e andiamo avanti con questo vantaggio”.

I lavori sono proseguiti come da programma, fino alle conclusioni affidate all'assessore all'Industria della Regione Sardegna Anita Pili.

Cristiano Galbiati durante la presentazione dei primi risultati di ARIA
Cristiano Galbiati durante la presentazione dei primi risultati di ARIA

Last news

24 May 2022

Dottorato di ricerca, e poi? Le tante prospettive per il post-doc

OGGI 24 MAGGIO IN DIRETTA WEB. Grazie agli interventi di molti ex studenti di UniCa, oggi affermati professionisti in diversi contesti lavorativi di ottimo livello, che racconteranno la loro esperienza di successo, l’incontro ‘’Dottorato di ricerca: quale futuro "oltre" l'accademia?’’ permetterà di evidenziare le molteplici opportunità occupazionali al di fuori del mondo accademico. Organizzato dalla Consulta dei Coordinatori dei corsi di dottorato, presieduta dal professor Giuseppe Sergioli, l’evento sarà preceduto dagli interventi del magnifico rettore Mola e dei prorettori Putzu, Colombo e Carucci. COLLEGAMENTO SU TEAMS DALLE 15,30

24 May 2022

Cagliari, per una mobilità intelligente e sostenibile

Ideata dai ricercatori del Crimm un’applicazione innovativa e gratuita per smartphone che verrà utilizzata per la prima volta nel capoluogo. Il progetto Svolta ha coinvolto dal 2019 oltre undicimila cagliaritani. Alla conferenza stampa di presentazione prendono parte, per l’Università di Cagliari, Gianni Fenu e Italo Meloni. Per la municipalità intervengono Paolo Truzzu e Alessio Mereu

23 May 2022

DONA IL 5x1000 ALL'ATENEO DI CAGLIARI

Per sostenere la ricerca in Sardegna e il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori, nella dichiarazione dei redditi firma nel riquadro “Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università” indicando il numero di codice fiscale 80019600925

23 May 2022

Concessioni demaniali balneari, esperti a confronto

Venerdì 27 maggio alle 9, nell'aula Maria Lai in viale Sant'Ignazio e in streaming su Teams, si svolgerà l'iniziativa "Il futuro delle concessioni demaniali balneari. Riflessioni a margine dei recenti sviluppi giurisprudenziali" organizzata dal Dipartimento di Scienze politiche e sociali

Questionnaire and social

Share on: