Centrato un risultato di grande prestigio: con il network EDUC - European Digital UniverCity di cui fa parte, UniCa è tra i soli 11 atenei italiani a rientrare nell’iniziativa che crea 17 campus inter-universitari nei quali gli studenti, i dottorandi, i ricercatori e il personale potranno muoversi liberamente, mettendo in comune le relative competenze e risorse. La soddisfazione del Rettore e del Prorettore all'internazionalizzazione. RASSEGNA STAMPA
27 June 2019
Foto in Aula Magna per il team di EDUC. Da sinistra: Jan Pavlík, Sonia Lehman-Frisch, Florian J. Schweigert, Elise Gautier, Anna Aloi, Alessandra Carucci, Ivan Mály, Regina Neum-Flux, Pierre Van de Weghe, Charlie Roullet, Daniela Ghiani

EDUC, nell'attuale contesto politico del crescente euroscetticismo, mira a rimettere al centro alcuni valori chiave e storici dell'Europa, tra cui lo scambio di conoscenze, la diversità culturale e linguistica, creando una nuova comunità di insegnamento

Sergio Nuvoli

Cagliari, 27 giugno 2019 - L’Università di Cagliari farà parte di una delle 17 “Università europee”, la cui creazione è stata annunciata dalla Commissione europea ieri mattina: si tratta di un programma di alleanze che farà nascere 17 consorzi tematici tra 114 istituti universitari di tutto il Continente. Tra le “Università europee” riconosciute dalla Commissione c’è ''European Digital UniverCity'' (EDUC), l’alleanza in cui l’Ateneo del capoluogo sardo fa rete con cinque università di Germania, Francia, Ungheria, e Repubblica Ceca.

Oltre all’ateneo del capoluogo sardo, a rientrare nell’iniziativa voluta fortemente dalla Commissione europea ci sono – ma in altre alleanze – soltanto altri 10 atenei italiani: le Università di Bologna, Milano, Padova, Trento, Palermo, Roma Tor Vergata, la Bocconi di Milano, l’Università di Roma Sapienza, l’Accademia delle Belle Arti di Roma ed il Politecnico di Torino.

Bruxelles, 19 febbraio 2019. La firma dell'accordo tra le sei università del progetto per l'European Digital UniverCity (prima da sinistra la professoressa Alessandra Carucci)
Bruxelles, 19 febbraio 2019. La firma dell'accordo tra le sei università del progetto per l'European Digital UniverCity (prima da sinistra la professoressa Alessandra Carucci)

Maria Del Zompo, Rettore: "Ennesimo successo di grande prestigio ottenuto in questo settore. Cresciamo e miglioriamo puntando sui valori della identità e dell’Europa per gli studenti e le studentesse di oggi e di domani"

“Si tratta dell’ennesimo successo di grande prestigio per la internazionalizzazione del nostro Ateneo, in linea con i nostri obiettivi – commenta il Rettore dell’Università di Cagliari, Maria Del Zompo - Crescere e migliorare puntando sui valori della identità e dell’Europa per un futuro di conoscenza e di innovazione per gli studenti e le studentesse di oggi, ma pensando concretamente agli studenti e alle studentesse di domani”.

Il risultato centrato rientra nell’azione «European Universities», lanciata lo scorso ottobre sotto il cappello del programma Erasmus+, che mira a favorire la collaborazione fra le università europee su ogni aspetto dell’istruzione superiore, dalla mobilità di studenti, docenti e staff, fino al collegamento con ricerca e innovazione. La creazione di questi nuovi network transnazionali vuole anche rafforzare una strategia comune per promuovere i valori europei.
 
Le università europee così individuate formeranno dei campus inter-universitari nei quali gli studenti, i dottorandi, i ricercatori e lo stesso staff potranno muoversi liberamente, mettendo in comune le relative competenze e risorse per dare a tutti la possibilità di seguire dei programmi di studio congiunti e interdisciplinari. Gli studenti potranno personalizzare la loro carriera scegliendo tra l’offerta formativa degli atenei dell’alleanza o lavorare in classi virtuali internazionali.

La soddisfazione del Rettore Maria Del Zompo
La soddisfazione del Rettore Maria Del Zompo

Alessandra Carucci, Prorettore all’Internazionalizzazione: "E' una grande sfida che coinvolgerà l’ateneo a tutti i livelli e offrirà ai nostri studenti e al personale nuove opportunità di fare esperienze internazionali acquisendo sempre nuove competenze"

Il programma riceverà per ora 85 milioni di euro come primo finanziamento, ossia circa 5 milioni di euro per gruppo di università nei prossimi 3 anni, e si approfitterà di questo primo periodo per testare diversi modelli da implementare nelle future università europee.

Nel dettaglio, l’accordo per l’“European Digital UniverCity” (EDUC) di cui fa parte l’Università di Cagliari è stato sottoscritto dai vertici delle Università di Potsdam (Germania, coordinatore), Masaryk (Brno, Repubblica Ceca), Parigi-Nanterre (Francia), Pecs (Ungheria) e Rennes 1 (Francia).

EDUC, nell'attuale contesto politico del crescente euroscetticismo, mira a rimettere al centro alcuni valori chiave e storici dell'Europa, tra cui lo scambio di conoscenze, la diversità culturale e linguistica, creando una nuova comunità di insegnamento che comprende diversi aree culturali in Europa: Europa occidentale con Francia (Université de Rennes 1 e Université de Nanterre) e Germania (Università di Potsdam, anche coordinatore del progetto), Europa centrale e orientale con Repubblica Ceca (Università di Masaryk), Ungheria (Università di Pécs) e l'Europa mediterranea con l'Italia (Università di Cagliari).

In totale, l'alleanza EDUC costituirà un campus transnazionale che coinvolgerà 160mila studenti, e darà luogo alla creazione di diplomi congiunti e curricula condivisi tra i sei partner.

Per il pro-rettore all’Internazionalizzazione, Alessandra Carucci, “si tratta di un grande successo per l’Università di Cagliari e di una grande sfida che coinvolgerà l’ateneo a tutti i livelli e offrirà ai nostri studenti e a tutto il personale nuove opportunità di fare esperienze internazionali acquisendo sempre nuove competenze. Le università partner sono tutte molto attive e hanno già dimostrato una forte volontà di collaborare affrontando le sfide della società contemporanea”.

Alessandra Carucci, Prorettore all'Internazionalizzazione dell'Università di Cagliari
Alessandra Carucci, Prorettore all'Internazionalizzazione dell'Università di Cagliari

RASSEGNA STAMPA

ANSA
Università di Cagliari premiata dalla Commissione Europa
Nasce rete di alleanze atenei per l'internazionalizzazione

CAGLIARI

(ANSA) - CAGLIARI, 27 GIU - Cagliari è tra le "Università europee" individuate dalla Commissione europea per entrare nello "European Digital UniverCity" (EDUC), una rete con cinque università di Germania, Francia, Ungheria, e Repubblica Ceca. Oltre all'ateneo del capoluogo sardo ci sono &ndash ma in altre alleanze &ndash soltanto altri 10 università italiani: Bologna, Milano, Padova, Trento, Palermo, Roma Tor Vergata, la Bocconi di Milano, La Sapienza di Roma, l'Accademia delle Belle Arti di Roma ed il Politecnico di Torino. "Si tratta dell'ennesimo successo di grande prestigio per la internazionalizzazione del nostro ateneo, in linea con i nostri obiettivi &ndash commenta la rettrice dell'Università di Cagliari, Maria Del Zompo - Crescere e migliorare puntando sui valori della identità e dell'Europa per un futuro di conoscenza e di innovazione per gli studenti e le studentesse di oggi, ma pensando concretamente agli studenti e alle studentesse di domani". Le università europee così individuate formeranno dei campus inter-universitari nei quali gli studenti, i dottorandi, i ricercatori e lo stesso staff potranno muoversi liberamente, mettendo in comune competenze e risorse per dare a tutti la possibilità di seguire dei programmi di studio congiunti e interdisciplinari. Gli studenti potranno personalizzare la loro carriera scegliendo tra l'offerta formativa degli atenei dell'alleanza o lavorare in classi virtuali internazionali. Il programma riceverà per ora 85 milioni di euro come primo finanziamento, ossia circa 5 milioni di euro per gruppo di università nei prossimi 3 anni. Nel dettaglio, l'accordo per l'European Digital UniverCity (EDUC) di cui fa parte l'Università di Cagliari è stato sottoscritto dai vertici delle Università di Potsdam (Germania, coordinatore), Masaryk (Brno, Repubblica Ceca), Parigi-Nanterre (Francia), Pecs (Ungheria) e Rennes 1 (Francia). In totale, l'alleanza EDUC costituirà un campus transnazionale che coinvolgerà 160mila studenti, e darà luogo alla creazione di diplomi congiunti e curricula condivisi tra i sei partner. Per la Prorettrice all'Internazionalizzazione, Alessandra Carucci, "si tratta di una grande sfida che coinvolgerà l'ateneo a tutti i livelli e offrirà ai nostri studenti e a tutto il personale nuove opportunità di fare esperienze internazionali acquisendo sempre nuove competenze".(ANSA).

ANSA
ANSA

L’UNIONE SARDA di venerdì 28 giugno 2019
Cagliari (Pagina 16 - Edizione CA)
L'ateneo cagliaritano tra le Università europee
L'ANNUNCIO. La rettrice Del Zompo: «Un riconoscimento di grande prestigio»

L'ateneo di Cagliari farà parte di una “Università europee”: si tratta di diciassette consorzi tematici tra 114 istituti universitari di tutta Europa creati dalla Commissione europea.
È stata infatti inserita l'European Digital UniverCity' (Educ), la collaborazione di cui fa parte anche l'Università di Cagliari, con cinque atenei di Germania, Francia, Ungheria e Repubblica Ceca. Le altre università italiane, presenti in differenti alleanze, sono dieci: Bologna, Milano, Padova, Trento, Palermo, Roma Tor Vergata, la Bocconi di Milano, Roma Sapienza, l'Accademia delle Belle Arti di Roma e il Politecnico di Torino.
«Si tratta dell'ennesimo successo di grande prestigio per la internazionalizzazione del nostro Ateneo, in linea con i nostri obiettivi», commenta la rettrice Maria Del Zompo.
Le università europee così individuate formeranno dei campus inter-universitari nei quali gli studenti, i dottorandi, i ricercatori e lo stesso staff potranno muoversi liberamente, mettendo in comune le relative competenze e risorse per dare a tutti la possibilità di seguire dei programmi di studio congiunti e interdisciplinari. Gli studenti potranno personalizzare la loro carriera scegliendo tra l'offerta formativa degli atenei dell'alleanza o lavorare in classi virtuali internazionali.
Il programma riceverà per ora 85 milioni di euro come primo finanziamento, ossia circa 5 milioni di euro per gruppo di università nei prossimi 3 anni, e si approfitterà di questo primo periodo per testare diversi modelli da implementare nelle future università europee. L'European Digital UniverCity di cui fa parte l'Università di Cagliari è stato sottoscritto dai vertici delle Università di Potsdam, Masaryk, Parigi-Nanterre, Pecs e Rennes.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

Links

Last news

06 October 2022

Presentazione dei risultati del progetto di ricerca BIRDIE-S

Oggi, nell’aula magna del rettorato di Cagliari, si svolge il convegno sugli importanti studi condotti dalle ricercatrici e dai ricercatori di Enel Foundation, Università di Cagliari e Politecnico di Torino sulle opportunità e prospettive per la Sardegna, che può ambire a diventare un polo di eccellenza per lo studio e l’attuazione delle politiche di transizione energetica. Anche alla luce dell’attuale scenario internazionale, si parla di elettrificazione dei consumi, dello sviluppo di comunità energetiche rinnovabili, di stabilità dei prezzi e della sicurezza energetica. Fabrizio Pilo, prorettore all'innovazione e ai rapporti con il territorio: "L'obiettivo è creare le condizioni affinché la Sardegna diventi il riferimento internazionale per la transizione energetica, dalla quale può ottenere grandi benefici ambientali, sociali ed economici". L'EVENTO ANCHE IN STREAMING, SU TEAMS

05 October 2022

Igag days, si parla di Capitale Naturale

Dal 6 ottobre due giornate in cui il personale dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Igag) proveniente dalle sedi di Roma, Milano e Cagliari si riunisce in Sardegna per discutere dei temi di ricerca nel campo delle scienze delle Terra solida. Apertura dei lavori nell'Aula magna di via Marengo con la partecipazione del direttore del DICAAR Giorgio Massacci

05 October 2022

Innovation Campus, Samsung e Università di Cagliari annunciano la prossima edizione

Mentre è in conclusione il corso 2022 - a fine ottobre le premiazioni dei migliori finalisti - l'ateneo e la company coreana confermano l'iniziativa anche per il 2023. Intelligenza artificiale e Internet of things al centro dei training a cui potrà partecipare gratuitamente una selezione di studenti e studentesse provenienti dalle facoltà STEM di UniCa. Il prorettore vicario con delega all'ICT, Gianni Fenu: "Un’ulteriore esperienza di crescita per i partecipanti, in termini di arricchimento professionale e funzionale al miglior inserimento nei contesti lavorativi pubblici e privati”

05 October 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie