UniCa UniCa News News ARCHITETTURA. 2° Meeting PRO ARCH

ARCHITETTURA. 2° Meeting PRO ARCH

Appuntamento nazionale il 31 maggio e 1 giugno, nell'Aula magna universitaria di via Corte d'Appello a Cagliari, promosso dal Dicaar, dalla Scuola di Architettura di UniCa e dall’Ordine degli Architetti di Cagliari
24 May 2019
Convegno nazionale "I Territori dell’Architettura”, il 31 maggio e 1 giugno nell'Aula magna “Gaetano Cima” di via Corte d’Appello

La scuola di Architettura dell’Università di Cagliari nelle prossime giornate del 31 maggio e 1 giugno organizza e ospita il secondo Meeting nazionale "ProArch", della società scientifica nazionale dei Docenti di progettazione architettonica.

L'appuntamento, patrocinato dall’Ordine degli Architetti di Cagliari e intitolato “I Territori dell’Architettura”, si svolgerà nell’Aula Magna “Gaetano Cima” del complesso Mauriziano in via Corte d’Appello, articolato in due sessioni, tra mattina e pomeriggio, sui due temi principali:

  • Territori della continuità
  • Territori fragili



31 MAGGIO
Le due sessioni principali del venerdì saranno aperte dalle conferenze di due architetti di fama internazionale, quali Gonçalo Byrne e João Nunes, che istruiranno le tematiche anche attraverso la presentazione dei loro lavori.


1 GIUGNO
A conclusione dei lavori del primo giugno si terrà una tavola rotonda con dibattito sulle questioni emerse nelle prime due giornate.

 

Comitato scientifico
Consiglio Direttivo della Società Scientifica ProArch

Gruppo proponente
Pier Francesco Cherchi, Giovanni Marco Chiri, Giovanni Battista Cocco, Adriano Dessì, Marco Lecis, Giorgio Peghin

Comitato organizzativo
Giovanni Battista Cocco, Adriano Dessì, Roberto Sanna

Abstract su www.progettazionearchitettonica.eu
Negli ultimi decenni all’architettura è stato progressivamente sottratto uno dei suoi campi operativi più importanti e tradizionali, quello del territorio, confluito, in modo univoco e con esiti discutibili e critici, nelle discipline della pianificazione o delle ingegnerie ambientali e infrastrutturali, che ne hanno spesso semplificato le complessità e le potenzialità progettuali. Territorio e Paesaggio non rappresentano solo ‘ambiti’ operativi della composizione architettonica e urbana ma i ‘luoghi’ del progetto in cui l’architettura assolve più compiutamente ad altri compiti, quello della relazione e del “coordinamento”, come sottolineava Sigfried Giedion, con le altre discipline e le altre figure del progetto, quello dell’azione politica, ambientale, sociale; ma soprattutto sono i ‘campi’ in cui il tradizionale ruolo tecnico-culturale, estetico-operativo e pre-figurativo dell’architetto, forse molto più che nella città o nel singolo edificio oggi, acquisisce senso di necessità. Per questo motivo non solo sono opportuni gli studi, le ricerche, le pratiche operative in questi ambiti, ma si avverte sempre di più la necessità di costruire un dibattito fertile attorno queste attività proprio in seno alla comunità dei docenti della progettazione architettonica, urbana e del paesaggio.

Il senso di sviluppare questo confronto attraverso la formula del ‘meeting’ a Cagliari e in Sardegna è naturalmente legato a queste premesse, ma soprattutto alla rinnovata coscienza territoriale e paesaggistica che uno dei primi Piani Paesaggistici adottati nel contesto nazionale ha prodotto e produce tutt’ora. La Sardegna inoltre per la sua condizione di marginalità, per la bassa densità insediativa e per l’assenza di città così come intese nella cultura occidentale mediterranea, può essere vista come paradigma di una nuova forma di centralità, che scaturisce proprio dai valori ambientali e dalle risorse territoriali, dall’abitare diffuso, dall’intercezione dei flussi turistici mediterranei, dalle produzioni alimentari di qualità, dall’originalità, dalla diversità e dalla permanenza dei paesaggi rurali delle aree interne.
 
Alla luce di ciò, il meeting ProArch che la Scuola di Architettura di Cagliari propone e ospita, riporta proprio sul piano delle ricerche e delle “esperienze dell’architettura” il dibattito sulla modificazione consapevole del territorio, all’interno della comunità dei docenti della progettazione architettonica e urbana e tra questa e le altre figure del progetto.

In particolare propone di dibattere e approfondire tematiche e ricerche che la Scuola di Architettura ha affrontato e condotto negli ultimi anni che hanno avuto la forza e trovato le proprie ragioni proprio dalle necessità e dalle energie del territorio e sulle quali ha voglia di confrontarsi, per la prima volta attraverso un seminario scientifico, con i rappresentanti delle discipline e la comunità dell’insegnamento del Progetto.


 
La scuola di architettura di Cagliari ospita il 2° meeting ProArch con gli obiettivi di:

  • contribuire a riportare il tema del territorio al centro degli studi dell’Architettura e delle discipline della Progettazione Architettonica, attraverso il confronto tra le ricerche, gli studi e le esperienze progettuali che oggi si compiono in campo nazionale. Con tali finalità, essa mira a ricostruire e restituire anche l’esperienza, seppure non univoca e omogenea, rappresentata da una certa “Scuola Italiana” che spesso, proprio a partire dai territori e dalla marginalità dei luoghi del suo operare, ha raggiunto i suoi risultati più eccellenti;
  • costruire un confronto e un dibattito interno alla società scientifica sul ruolo del progetto e dell’architetto all’interno dei processi decisionali di scala territoriale, con l’obiettivo di programmare e rafforzare i momenti di contatto e le relazioni con gli organi di governo, avvicinando ancora di più ProArch ai temi concreti e riportando il progetto di architettura in una posizione preminente nelle politiche territoriali;
     
  • delineare un quadro di sintesi dello stato attuale e degli scenari relazionali che negli studi territoriali il Progetto di Architettura intesse con le altre discipline e con gli specialismi, unitamente all’evoluzione del ruolo di “coordinamento” che l’architetto riveste in tali ambiti di lavoro nella contemporaneità.

 

INFORMAZIONI
Adriano Dessì, Phd Architect
DICAAR - Università degli Studi di Cagliari
Docente a contratto in Composizione Architettonica e Urbana
Responsabile di Rurban Lab - Paesaggi Insediativi tra Urbano e Rurale
adrianodessi@unica.it; adrianodessi@libero.it
office: +39 0706755378 - mob. +39 3282890548

 

 

 

(ic)

Nell'immagine la locandina ufficiale del 2° Meeting Pro Arch
Nell'immagine la locandina ufficiale del 2° Meeting Pro Arch

Links

Last news

26 June 2019

Mauro Carta Presidente della SIRTEPS

Il docente di Tecniche Mediche Applicate e Metodologia eletto durante il Congresso della Società Italiana Ricerca Traslazionale e Professioni sanitarie per il periodo 2020-2022. Il prestigioso incarico ne conferma la riconosciuta autorevolezza e l’alta qualità della ricerca, impreziosita da importanti progetti realizzati anche nel campo della salute mentale a livello internazionale

26 June 2019

UniCa&Imprese 2019, evento e intesa forte tra Regione, ateneo e tessuto produttivo

Domani, il Cesar e l’Università di Cagliari interloquiscono con aziende e territorio. Tra ricerca e sviluppo socioeconomico su energia, agrifood, ambiente, salute, Ict, management e cultura. “Le sinergie con la Regione sono fondamentali” ha detto Maria Del Zompo. “Il vostro operare è decisivo per dare opzioni ai nostri giovani” ha aggiunto Giuseppe Fasolino. “Il CLab, gli accordi con le imprese sarde e i brevetti dicono che stiamo marciando nella direzione giusta” ha spiegato Maria Chiara Di Guardo

25 June 2019

Le etichette intelligenti made in UNICA tra i 6 finalisti dell’Intellectual Property Award

Il 26 giugno a Torino si chiude la prima edizione del premio organizzato dall’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi del MISE e da NETVAL, il Network per valorizzare la ricerca universitaria e la creatività degli inventori di atenei ed enti pubblici di ricerca italiani. Grazie a Pier Carlo Ricci, Daniele Chiriu e Carlo Maria Carbonaro, del Dipartimento di Fisica, l'Università di Cagliari in finale per l'area ''ICT, Intelligenza artificiale, IoT, Big data, Logistica, Costruzioni''

Questionnaire and social

Share on: