UniCa UniCa News News Ricerca, cellule staminali e campioni di sport: un mix eccellente in Cittadella universitaria

Ricerca, cellule staminali e campioni di sport: un mix eccellente in Cittadella universitaria

UniStem day 2019 con l'apneista Chiara Obino e la mezzala del Cagliari Lucas Castro. Circa 400 allievi delle superiori in aula magna a Monserrato per l'evento dedicato alla scienza. Coinvolti trentamila studenti di 99 università in quattro continenti. Collegamento con gli atenei di Potenza e Granada. Al via il concorso per il miglior video della giornata. I lavori sono stati coordinati da Iole Tomassini e Micaela Morelli
15 March 2019
Triangolo studentesco Cagliari-Potenza-Granada. UniStem e un mondo di energie e voglia di emergere

I licei e gli istituti superiori della provincia all'Università. Delegazioni attente e determinate a cogliere l'attimo

Mario Frongia

Stamani, venerdì 15 marzo, dalle 9 alle 13, l’aula magna “Alberto Boscolo - Cittadella universitaria, Monserrato - ha ospitato l’UniStem day 2019 intitolato “The moon doesn’t exist”. L’appuntamento scientifico internazionale dedicato agli studenti delle scuole superiori della Sardegna, ha approfondito i temi conoscenza, innovazione e ricerca con in primo piano le cellule staminali. Alla giornata hanno preso parte le delegazioni, circa 400 tra allievi e docenti, di dodici tra licei e istituti superiori di Quartu, Cagliari, Carbonia, Assemini, Iglesias e Villacidro.

 

Monserrato. Piacevole e beneaugurante "tutto esaurito" all'aula magna Alberto Boscolo
Monserrato. Piacevole e beneaugurante "tutto esaurito" all'aula magna Alberto Boscolo

Chiara Obino e Lucas Castro, icone di pulizia e lavoro. Accoglienza e applausi da stadio per entrambi

Modelli di dedizione e lavoro. Sportivi di profilo internazionale, storie di sacrifici e rinunce. UniStem day 2019 è stato anche un momento di passione con la presenza a sorpresa, poco prima del break di metà mattina, di ospiti d’eccezione. Da Chiara Obino - cagliaritana, 43 anni, pluriprimatista su scala nazionale e internazionale di immersioni in apnea, dentista, sposata e madre di due figli – a Lucas Castro, argentino, 29 anni, centrocampista del Cagliari alle prese con la riabilitazione dovuta alla rottura del legamento crociato. Il duo ha catalizzato gli allievi. In breve, partecipazioni che hanno coronato una giornata speciale. L'ateneo di Cagliari è grato per la disponibilità mostrata da Chiara Obino, Lucas Castro e Cagliari calcio

 

Lucas Castro e Chiara Obino, ospiti d'eccezione di UniStem day 2019
Lucas Castro e Chiara Obino, ospiti d'eccezione di UniStem day 2019

Determinati, forti, pronti a darci sotto. I messaggi motivazionali di Chiara e Lucas

“Siate sempre determinati e vogliosi di cogliere gli obiettivi che vi darete. Il mio prossimo appuntamento? Farò i campionati italiani a luglio a Cagliari, la vedo più difficile - ha detto Chiara Obino - per i mondiali in Honduras, mentre sarò all’evento di Nizza. Il record? Tenterò i cento metri”. Applausi. Anche da Lucas Castro parole motivanti: “Studiare sarà la vostra forza, siate sempre curiosi e grintosi. Non avevo mai visitato la vostra Università, complimenti. La musica? Cagliari, col suo mare, per me è fonte di ispirazione, a breve uscirà il mio secondo disco”. Sul Cagliari, fatto l’in bocca al lupo ai compagni, in campo stasera contro la Fiorentina, poche storie e una notiziona per tifosi e sportivi: “Sto recuperando bene, credo che rispetto alle prime previsioni che ipotizzavano la stagione finita, riuscirò invece a giocare qualche partita prima della fine del campionato”. I due sono stati sommersi dai ragazzi, tra selfie, foto, autografi e abbracci. Insomma, due ottime storie di sport dal volto sincero e umano, fortemente incitanti per i giovani.

 

Bagno di folla per Chiara Obino e Lucas Castro, grazie alla cortesia del Cagliari calcio, alla prima apparizione in pubblico dopo l'infortunio dello scorso novembre
Bagno di folla per Chiara Obino e Lucas Castro, grazie alla cortesia del Cagliari calcio, alla prima apparizione in pubblico dopo l'infortunio dello scorso novembre

Sfidanti, sorridenti, entusiasti. Quattrocento futuri studenti dell'Università di Cagliari

"Vi aspettiamo qui da noi. Le nostre sei facoltà sono pronte ad accogliervi e darvi gli strumenti giusti per affrontare il futuro" il messaggio della professoressa Morelli. E loro, hanno annuito sorridenti. Armati di curiosità ed entusiasmo, a caccia di input sulle scelte da prendere a breve, pronti a sfidare se stessi e il mondo che li circonda. Aria positiva e coinvolgente dai circa 400 ragazzi e ragazze provenienti delle quarte e delle quinte dei licei e degli istituti Alberti, Euclide, Michelangelo, Convitto nazionale e De Sanctis-Deledda di Cagliari, Brotzu e Primo Levi di Quartu, Giua di Assemini, Piga di Villacidro, Emanuela Loi e Gramsci- Amaldi di Carbonia, Asproni e Fermi di Iglesias.

Monserrato. Una fase dei lavori della giornata sulle cellule staminali e la ricerca scientifica
Monserrato. Una fase dei lavori della giornata sulle cellule staminali e la ricerca scientifica

Relatori di pregio su un tema di forte attualità e in continua evoluzione. Video collegamento con Potenza e Granada

La giornata - coordinata da Micaela Morelli e Iole Tomassini - si è aperta con un avvincente filmato di benvenuto: una rock session eseguita dai robot. A seguire, il collegamento audio con le Università di Potenza e Granada. Quindi spazio alle relazioni con gli specialisti dell’ateneo del capoluogo Valeria Sogos (“Le cellule staminali: biologia e applicazioni”), Carlo Carcassi (“Le cellule staminali in medicina: a che punto è la ricerca biomedica?) e Alessia Zurru (Concorso Reporter di UniStem day 2019). Su “L'antiscienza, la pseudo scienza e la falsa scienza: un'ipoteca sull'innovazione e il futuro dell'Italia” è intervenuta Eugenia Tognotti (Università di Sassari). Mentre Alessio Squassina (Università di Cagliari) ha dibattuto su “Geni e ambiente: chi è responsabile delle mie azioni?”. La seduta è stata chiusa dai quesiti per gli ospiti coordinati dalle studiose Alessandra Pani e Maria Elena Marongiu. UniStem day 2019, grazie ai tecnici Drsi (Direzione reti e servizi informatici) dell’ateneo di Cagliari, è andata in streaming sulla pagina http://vconf.garr.it/econfportal-hd-shib/www/streaming/?conf_id=18&pin=1234.

 

Chiara Obino e Micaela Morelli
Chiara Obino e Micaela Morelli

Trentamila studenti di quindici paesi e quattro continenti. Un percorso indispensabile per crescere nella scienza senza confini

Organizzato dal Centro UniStem a partire dal 2009, l’evento “è un’occasione per apprendere, scoprire e confrontarsi su conoscenza e innovazione a partire dalla ricerca sulle cellule staminali” hanno spiegato le professoresse Morelli, pro rettore Ricerca scientifica e Tomassini. L’UniStem day si sviluppa tra lezioni, discussioni, filmati, visite ai laboratori ed eventi ricreativi. “I ragazzi incontrano contenuti e metodi della scienza e scoprono che la ricerca è divertente e favorisce relazioni personali e sociali costruite su coraggio, prove e integrità” ha aggiunto Iole Tomassini. L'undicesima edizione è caratterizzata dall’unicità dell’essere “insieme”, con il coinvolgimento di trentamila studenti di novantanove atenei e centri di ricerca e trecento scuole superiori in quattro continenti. Con gli studenti di Australia, Austria, Colombia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Singapore, Spagna, Svezia e Ungheria in prima fila.

 

L'undicesima edizione di UniStem ha coinvolto 99 tra atenei e centri di ricerca
L'undicesima edizione di UniStem ha coinvolto 99 tra atenei e centri di ricerca

Cellule staminali, tra progresso e applicazioni innovative per la salute dell'uomo

UniStem è il Centro di ricerca sulle cellule staminali dell’Università di Milano. Fondato nel 2006 dalla senatrice a vita e scienziata Elena Cattaneo e dagli scienziati Giulio Cossu, Fulvio Gandolfi, Yvan Torrente e Giuseppe Testa. Il Centro ha l’obiettivo di integrare, coordinare e promuovere l’accesso alle informazioni relative allo studio delle cellule staminali e del loro potenziale applicativo. UniStem Day si inserisce tra le attività di divulgazione scientifica sulle cellule staminali promosse dal Centro UniStem e festeggia quest’anno la sua undicesima edizione. L’evento nasce con la collaborazione della Fondazione Tim. Nata nel 2008, la Fondazione “esprime i principi etici, il forte impegno di responsabilità verso la comunità e lo spirito di innovazione di Tim”.

Contributo audio video  e regia di Stefano Aramo e Gino Flore. Foto di Vassili Stakun

Quesiti, curiosità, indicazioni: dai liceali spunti per ulteriori riflessioni scientifiche e relazionali
Quesiti, curiosità, indicazioni: dai liceali spunti per ulteriori riflessioni scientifiche e relazionali

Last news

21 April 2019

BUONA PASQUA 2019

Gli auguri del Magnifico Rettore Maria Del Zompo per le festività pasquali accompagnati dall'immagine di un'opera dell'artista cagliaritano Raffaele Aruj custodita nella Mostra Piloni

20 April 2019

Università di Cagliari, ora è boom di iscritti

Aumenta dell’11% il numero totale degli studenti. Balzo in avanti delle lauree magistrali, che fanno registrare un ottimo +25%. La soddisfazione del Rettore: “E’ il risultato delle politiche gli ultimi 4 anni: abbiamo fatto conoscere di più e meglio i nostri corsi di laurea, investendo sulla qualità di quelli magistrali. Ora c’è più attenzione al mondo del lavoro, e premi di merito per chi continua a studiare da noi”

18 April 2019

Alla Cittadella dei Musei il primo libro di Camillo Golgi

Le telecamere della RAI all'interno delle sale dove è esposto Il prezioso volume, scritto dal primo scienziato italiano insignito con il Premio Nobel, che fa parte della collezione di rari testi scientifici donati da Giuseppe Sterzi (fino al 1919 direttore dell’istituto anatomico) all’Università di Cagliari. L’esposizione, organizzata dal professor Alessandro Riva e inaugurata dal Rettore, è visitabile fino al 30 aprile. Resoconto, GALLERIA FOTOGRAFICA, RASSEGNA STAMPA e VIDEOPITCH con i servizi andati in onda nel TG della RAI

18 April 2019

Ricerca, la radiologia dell’ateneo su Lancet neurology

La prestigiosa rivista ospita il lavoro sulla prevenzione dello stroke ischemico che ha per prima firma Luca Saba: “Abbiamo definito le strategie e le potenzialità che determinano la vulnerabilità della placca carotidea”

Questionnaire and social

Share on: