L’Ateneo di Cagliari è tra i 14 soci fondatori della sezione nazionale di SAR, la rete internazionale che opera per la protezione di studiosi la cui libertà di ricerca e insegnamento è preclusa nei rispettivi Paesi. La firma sull’atto costitutivo è stata apposta per UniCa da Gianmario Demuro, docente di Diritto costituzionale, a margine di un convegno sul tema. Resoconto, IMMAGINI dei lavori E RASSEGNA STAMPA
19 February 2019
Foto di gruppo dei rappresentanti degli Atenei coinvolti: primo da destra, Gianmario Demuro

Giulio Regeni con la sua morte ancora senza colpevoli è, tristemente, il caso più noto, ma sono tanti i ricercatori che, in tutto il mondo, operano in condizioni di rischio

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 19 febbraio 2019 - L’Università degli Studi di Cagliari è tra gli atenei fondatori di SAR Italia, la sezione nazionale di Scholars at Risk (SAR), la rete internazionale che opera per la protezione di studiosi la cui libertà di ricerca e insegnamento è preclusa nei rispettivi Paesi. La firma sul Documento costitutivo di SAR Italia è stata apposta a nome dell’Ateneo da Gianmario Demuro, docente di Diritto costituzionale specificamente delegato dal Rettore Maria Del Zompo, durante una cerimonia all’Università di Padova. La cerimonia è avvenuta alla presenza di Sinead O’Gorman, Direttrice di Scholars at Risk Europe.

Da ieri, l’Ateneo patavino ospita nell’Aula Nievo di Palazzo Bo il convegno internazionale “Knowledges at Risk: Universities promoting academic freedom”, in cui vengono approfonditi diversi aspetti della violazione della libertà accademica nel mondo contemporaneo e proposte le testimonianze di alcuni studiosi e studiose “at risk” sostenuti da SAR.

CLICCANDO QUI SI ACCEDE ALLA REGISTRAZIONE DELL'INTERO CONVEGNO

Gianmario Demuro insegna Diritto costituzionale alla Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche
Gianmario Demuro insegna Diritto costituzionale alla Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche

In risposta agli attacchi sempre più frequenti alle libertà di pensiero, espressione e ricerca contro studiosi e studiose nel mondo, le università italiane fanno fronte comune

In risposta agli attacchi sempre più frequenti alle libertà di pensiero, espressione e ricerca contro studiosi e studiose nel mondo, le università italiane fanno fronte comune e danno così vita alla sezione italiana della rete internazionale Scholars at Risk (SAR). Nel mondo Scholars at Risk opera da dieci anni e sostiene chi non ha più la possibilità di fare ricerca e insegnare nel proprio paese a causa di minacce, intimidazioni, arresti e violazioni palesi dei loro diritti fondamentali.

“Nel costituire SAR Italia – si legge nella Dichiarazione costitutiva - le strutture di governance delle università aderenti, le/i docenti, studentesse e studenti e tutto il personale, inviano un forte segnale di solidarietà a studiose e studiosi e istituzioni universitarie che, nel mondo, si trovano in situazioni in cui la libertà academica è ristretta, e le attività di ricerca, insegnamento e formazione represse. Costituendosi in SAR Italia, le università aderenti confidano nella possibilità di dare un contributo concreto alla promozione e alla tutela della libertà accademica, insieme ad altre 500 istituzioni in oltre 39 paesi del mondo”.

La costituzione della sezione italiana faciliterà lo scambio di informazioni tra gli Atenei partecipanti, la collaborazione per iniziative specifiche, una maggiore possibilità di rappresentare l’impegno comune nelle sedi istituzionali. Alla firma dell’atto costitutivo farà seguito nel primissimo pomeriggio la prima Assemblea dei membri di SAR talia, in cui verrà discusso il piano delle attività per il prossimo biennio.

Al momento aderiscono a SAR Italia – con l’Università di Cagliari, unico Ateneo del Sud Italia – la Scuola Normale Superiore, l’Istituto Universitario Europeo, Magna Charta Observatory, gli atenei di Bologna, Brescia, Macerata, Milano, Padova, Siena, Torino, Trento, Trieste, Verona.

Da qualche settimana anche il nostro Ateneo condivide pubblicamente la campagna per chiedere Verità per Giulio Regeni: nella foto, lo striscione affisso in via Università. Da sempre la pagina facebook di UniCa riporta l'immagine
Da qualche settimana anche il nostro Ateneo condivide pubblicamente la campagna per chiedere Verità per Giulio Regeni: nella foto, lo striscione affisso in via Università. Da sempre la pagina facebook di UniCa riporta l'immagine

Cos'è e come opera Scholars at Risk

Scholars at Risk (SAR) è una rete internazionale di università fondata nel 1999 presso l’Università di Chicago (Stati Uniti) da accademici e difensori dei diritti umani interessati a promuovere il principio di libertà accademica, e a proteggere accademici/che in pericolo di vita o il cui lavoro di ricerca e insegnamento è severamente compromesso. La sede attuale di SAR è presso la New York University.

SAR è parte del Network for Education and Academic Rights (NEAR), collabora con lo Scholars Rescue Fund (RSF) e con l’Institute of International Education (IIE) e raccoglie ad oggi l’adesione di 450 università in 40 paesi.

SAR porta avanti tre tipi di attività: (a) protezione: lavorando in collaborazione con le università partner per creare di borse di studio temporanee (3-24 mesi) per accademici/che che fanno richiesta di aiuto all’associazione (il finanziamento delle borse è interamente a carico dell’università ospitante, anche se SAR promuove i contatti con fondazioni/enti finanziatori internazionali, come lo Scholars Rescue Fund); (b) advocacy: campagne di informazione per sensibilizzare la società civile e politica su casi di violazione della libertà accademica nel mondo (SAR offre servizi di supporto agli atenei che vogliono portare avanti attività di advocacy con gli studenti); (c) ricerca e formazione sui temi di diritti umani, libertà accademiche, rifugiati accademici e politiche di accoglienza di accademici a rischio (questo attraverso l’organizzazione di seminari, conference, progetti di monitoraggio, e la partecipazione a progetti Erasmus +).

Il logo di Scholars at Risk
Il logo di Scholars at Risk

RASSEGNA STAMPA

L’UNIONE SARDA di mercoledì 20 febbraio 2019
Agenda (Pagina 19 - Edizione CA)
Un accordo per proteggere gli studiosi
dove la libertà accademica è negata
UNIVERSITÀ. Firmato a Padova l'atto costitutivo di “Sar”

Giulio Regeni è soltanto l'ultimo caso tristemente famoso. Per cercare di prevenire simili tragedie e tutelare maggiormente i ricercatori, l'Università è tra gli atenei fondatori di Sar Italia, la sezione nazionale di “Scholars at risk” (Sar), la rete internazionale che opera per la protezione di studiosi la cui libertà di ricerca e insegnamento è preclusa nei rispettivi Paesi. La firma sul documento costitutivo di Sar Italia ieri è stata apposta a nome dell'Ateneo da Gianmario Demuro, docente di Diritto costituzionale specificamente delegato dalla rettrice Maria Del Zompo, durante una cerimonia all'Università di Padova, alla presenza di Sinead O'Gorman, direttrice di Scholars at risk europe.
Nel costituire Sar Italia - è scritto nella dichiarazione costitutiva - le strutture di governance delle università, i docenti, studentesse e studenti e tutto il personale, inviano un forte segnale di solidarietà a studiose e studiosi e istituzioni universitarie che, nel mondo, si trovano in situazioni in cui la libertà accademica è ristretta, e le attività di ricerca, insegnamento e formazione represse». Costituendosi in Sar Italia, le università aderenti confidano nella possibilità di dare un contributo concreto alla promozione e alla tutela della libertà accademica, insieme ad altre 500 istituzioni in oltre 39 paesi del mondo. La costituzione della sezione italiana faciliterà lo scambio di informazioni tra gli atenei partecipanti, la collaborazione per iniziative specifiche, una maggiore possibilità di rappresentare l'impegno comune nelle sedi istituzionali. Alla firma dell'atto costitutivo farà seguito nel primissimo pomeriggio la prima Assemblea dei membri di SAR Italia, in cui verrà discusso il piano delle attività per il prossimo biennio.
Al momento aderiscono a Sar Italia - con l'Università di Cagliari, unico ateneo del Sud Italia - la Scuola normale superiore, l'Istituto universitario europeo, Magna charta observatory, gli atenei di Bologna, Brescia, Macerata, Milano, Padova, Siena, Torino, Trento, Trieste, Verona.
Scholars at risks (Sar) è una rete internazionale di università fondata nel 1999 all'Università di Chicago da accademici e difensori dei diritti umani.

L'UNIONE SARDA
L'UNIONE SARDA

Links

Last news

24 September 2022

Consorzio Industriale della Gallura, intesa con il DICAAR

Un progetto di ricerca sotto la responsabilità di Roberto Ricciu, docente del Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Architettura, che coordina un gruppo di ricerca di Fisica Tecnica Ambientale, ha mosso i primi passi nelle scorse settimane: l'obiettivo è studiare il fabbisogno di energia attuale e pianificare il futuro sviluppo socio economico del nord est della Sardegna provando a rispondere in modo opportuno ad alcune domande fondamentali per lo sviluppo

24 September 2022

Percorsi mediterranei di mediazione per la pace, interviene il Segretario della CEI

L'arcivescovo di Cagliari mons. Giuseppe Baturi apre i lavori dell'iniziativa organizzata dal docente di Diritto privato Carlo Pilia: l'appuntamento è per lunedì 26 settembre alle 16 con una relazione sulla "Carta di Firenze". “L’inizio delle lezioni è l’occasione propizia per animare un confronto con gli studenti universitari sulle tematiche di interesse generale e di maggiore attualità – spiega il professore - che quest’anno riguardano lo sviluppo sostenibile e gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite”.

24 September 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

23 September 2022

Bullismo, sistema di videosorveglianza intelligente per segnalare episodi di violenza ideato dagli specialisti dell’Università di Cagliari

Dalle App per smartphone e pc agli studi avanzati sul rilevamento degli artefatti video utilizzati dai bulli per molestare e minacciare. Il team dell’Università di Cagliari guidato da Gian Luca Marcialis nel progetto BullyBuster con gli atenei di Foggia, Bari e Napoli Federico II. I lavori saranno presentati anche all’Orto botanico il 30 settembre per Sharper european researchers’ night 2022

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie