Il valore dell’investimento in formazione e istruzione nell’arco della vita lavorativa è cresciuto con il tempo: il dato emerge dal Rapporto sulla Popolazione della Società Italiana di Statistica. Tra i curatori del volume Mariano Porcu, docente di Statistica sociale
01 February 2019
Un'immagine simbolo

Sergio Nuvoli

Cagliari, 1 febbraio 2019 - Tra poco meno di 20 anni nelle aule delle scuole italiane ci saranno, al netto del contributo alla popolazione studentesca dato dagli immigrati, 2 milioni in meno di studenti. Ma studiare a lungo conviene, e il valore di questo investimento è cresciuto nel tempo (nonostante il contemporaneo aumento percentuale della scolarità della popolazione). Questo vale sia per i redditi da lavoro dipendente (nell’ordine dell’8% per ogni anno di studio in più) sia per i redditi totali (rendimenti tra il 9 e il 14%, crescenti nel tempo). Questi vantaggi si osservano anche in riferimento alla probabilità di occupazione e alla dinamica dei redditi nell’arco della vita lavorativa.

Sono solo alcune evidenze ricavate dall'ultimo Rapporto sulla Popolazione presentato nei giorni scorsi all'Università Bocconi durante i Popdays2019, e curato da Gustavo De Santis e Elena Pirani, docenti di Demografia dell'Università di Firenze e Mariano Porcu, professore di Statistica Sociale dell'Università di Cagliari.

Mariano Porcu, docente alla Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche
Mariano Porcu, docente alla Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche

Il volume, edito da Il Mulino, fa parte della serie dei Rapporti biennalmente prodotti dall’AISP (Associazione Italiana Studi di Popolazione) della Società Italiana di Statistica. Il tema scelto per l’edizione 2019 è quello dell’istruzione, che p stata esaminata sotto vari profili: come è organizzata in Italia, come si è evoluta nel tempo, come è cambiata e cambierà in futuro l’utenza, quali aspetti problematici emergono (risorse investite e da parte di chi - pubblico o privato -, valutazione dei risultati, presenza straniera, aspetti differenziali, per territorio, genere, origine etnica, caratteristiche della famiglia di provenienza).

Hanno collaborato alla redazione del Rapporto studiosi in discipline di ambito statistico-demografico, sociologico e economico di diverse università italiane fra i quali Marco Pitzalis, professore di Sociologia dei processi culturali a Cagliari.

La copertina del volume presentato all'Università Bocconi nei giorni scorsi
La copertina del volume presentato all'Università Bocconi nei giorni scorsi

Last news

30 September 2022

Sharper 2022, la ricerca tra futuro del cibo e del clima, lauree in carcere, bullismo, fakenews, crisi idrica, farmaci anti cancro, scarti e materiali innovativi

Oggi l’Orto botanico ospita la Notte delle ricercatrici e dei ricercatori. Stili di vita, robotica, astronomia, fascino della fisica e della matematica. Oltre cinquanta tra eventi, talk, esperimenti divulgativi e giochi per i bimbi curati da specialisti e partner dell’ateneo. Prevista anche una caccia al tesoro scientifica. Ieri a Massama il rettore Francesco Mola ha presenziato alla discussione della tesi in Scienze economiche di un detenuto

29 September 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 September 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 September 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie