COLLABORAZIONE INTERNAZIONALE. Premiate con l'assegnazione di un contributo varie iniziative targate UniCa, tra cui il progetto architettonico del DICAAR a Maputo, in Mozambico, per la costruzione e lo sviluppo del campus universitario dell'ateneo “Eduardo Mondlane”. Grazie ai fondi della L.R. 19/96 in programma ulteriori rapporti di scambio tra esperti e amministratori dei due Paesi sui temi dello sviluppo urbano sostenibile
11 December 2018
Assegnazione di un contributo della Regione al progetto PAIS. Gli accordi preliminari siglati dal direttore del Dicaar - Antonello Sanna - e dal professor Joao Teodosio Tique per la Faculdade de Arquitectura e Planeamento Físico di Mobuto

Cinque progetti UniCa finanziati dalla Regione con 143mila euro per iniziative rivolte a Burkina Faso, Tunisia e Mozambico. Ottima la valutazione per il progetto del Dicaar

Ivo Cabiddu
 

Il progetto “PAIS - PROJETO DE ARQUITETURA INCLUSIVA E SUSTENTÁVEL - MOÇAMBIQUE”, presentato dal Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Architettura dell’Università di Cagliari (DICAAR) è tra i vincitori del Bando regionale per la Cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di Collaborazione internazionale.

Il progetto si inquadra nelle attività di cooperazione internazionale già in essere tra l’Università Eduardo Mondlane di Maputo (Mozambico) e l’Università degli Studi di Cagliari tramite il progetto Erasmus Mundus DREAM, il progetto Erasmus+ International Credit Mobility e grazie all'impegno nello sviluppo degli scambi internazionali del nostro Settore Mobilità Studentesca (ISMOKA).

Oltre all’Università Eduardo Mondlane di Maputo (Mozambico) è partner del progetto Dicaar anche l’Associazione Internazionale Città della Terra Cruda

Il progetto Dicaar, coordinato dal professor Gianmarco Chiri e dalla ricercatrice Maddalena Achenza, con il supporto della dottoranda Marta Pilleri, istituisce un laboratorio accademico permanente congiunto Dicaar-Fapf per la progettazione sostenibile del Campus dell’Università "Eduardo Mondlane" (UEM) a Maputo.
 

Il Laboratorio internazionale multidisciplinare previsto dal progetto Dicaar sarà permanente e partecipativo, concepito come ‘cabina di regia’ delle attività di trasformazione e sviluppo del Campus negli anni a venire e avrà il compito di progettare le strutture edilizie necessarie al completamento del campus universitario già esistente mettendo insieme le competenze e le conoscenze dei due istituti universitari coinvolti.

Con il progetto si intende favorire il coinvolgimento della componente studentesca per la condivisione, lo scambio e il trasferimento delle esperienze e delle competenze sia sul piano delle didattica che su quello della ricerca. Per sostenere questi scambi, la L.R. n. 19/96 mette a disposizione del progetto quasi 40mila euro. Tra le attività in programma sono inoltre previsti incontri, tra amministratori italiani e del Mozambico, finalizzati allo scambio di esperienze precedenti sui temi dello sviluppo urbano sostenibile che possano agevolare future interazioni a livello internazionale.

Sullo skyline di Maputo, da sinistra: Marta Pilleri (dottoranda di UniCa che ha trascorso un periodo Erasmus a Maputo), Joao Teodosio Tique e il professor Gianmarco Chiri
Sullo skyline di Maputo, da sinistra: Marta Pilleri (dottoranda di UniCa che ha trascorso un periodo Erasmus a Maputo), Joao Teodosio Tique e il professor Gianmarco Chiri

Previsti ulteriori rapporti di cooperazione e scambio tra esperti, amministratori e progettisti sui temi dello sviluppo urbano sostenibile

In questo quadro, nel mese di marzo 2018, il DICAAR di Cagliari e la Faculdade de Arquitectura e Planeamento Físico (FAPF) di Maputo – sotto la direzione, rispettivamente, dei professori Antonello Sanna Joao Teodosio Tique – hanno siglato un Memorandum of Understanding per la redazione di un “General Masterplan” per il Campus della UEM–Maputo (vedi in proposito su Unica.it la nostra precedente news "L’Ateneo di Cagliari progetta il Campus universitario di Maputo").
 
Il DICAAR e l’Associazione internazionale Città della Terra Cruda collaborano fattivamente da circa un ventennio per la promozione, la valorizzazione e la diffusione dei metodi per la conservazione del patrimonio esistente e per la nuova costruzione di edifici sostenibili, con l’utilizzo di tecniche costruttive innovative mutuate dalle culture costruttive storiche, l’uso di materiali naturali e delle tradizioni locali, sostenendo l’artigianato ed il comparto produttivo del luogo.
 

Accordo di collaborazione scaturito dai progetti "Erasmus Mundus DREAM" e "Erasmus+ International Credit Mobility"
Accordo di collaborazione scaturito dai progetti "Erasmus Mundus DREAM" e "Erasmus+ International Credit Mobility"

I cinque progetti dell’Università degli Studi di Cagliari finanziati dal Bando RAS 2018

  1. Dipartimento di Scienze della vita e dell’ambiente, progetto “Ricerca e cooperazione: un ponte tra Sardegna e Burkina Faso per combattere la malnutrizione infantile (Synergie et coopération dans le domaine de la malnutrition infantile:un pont entre la Sardaigne et le Burkine Faso)” - contributo € 24.431,00 euro;
     
  2. Dipartimento di Scienze mediche e sanità pubblica, progetto “Le determinanti del benessere psicosociale e della qualità di vita e la protezione dei gruppi vulnerabili nella popolazione tunisina” - contributo € 40.000,00 euro;
     
  3. Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e architettura, progetto “PAIS - Projeto de arquitetura inclusiva e sustentável - Moçambique” - contributo € 39.900,00 euro;
     
  4. Dipartimento di Giurisprudenza, progetto “Riciclaggio denaro sporco e sviluppo sostenibile in Tunisia: una taskforce italo-tunisina per migliorare il quadro legislativo e rafforzare l’attuazione delle leggi antiriciclaggio alle attività e professioni non finanziarie designate (Dnfbps)” - contributo € 14.000,00 euro;
      
  5. Università degli Studi di Cagliari, progetto “Longevità, stili di vita e alimentazione: l'importanza dell’educazione” – contributo € 24.669,00 euro.

Links

Last news

28 November 2022

Viaggio di studio negli USA, tra New York, Filadelfia, Atantic City e Washington

Studentesse e studenti della laurea magistrale in Ingegneria civile dell'Università di Cagliari per nove giorni a contatto con la realtà dei grandi cantieri americani di infrastrutture stradali, in contesti urbani e logistici molto diversi da quello locale. Da questa esperienza didattica scaturiranno lavori di tesi e tirocini formativi negli Stati Uniti. La soddisfazione del gruppo di allievi/e del professor Mauro Coni nel report inviato dai giovani universitari alla nostra redazione

25 November 2022

25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Si rinnova l’appuntamento con la ricorrenza istituita dall’assemblea delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999. Numerose le iniziative che coinvolgono la nostra università. Ester Cois, delegata del Rettore per l’Uguaglianza di genere e presidente del Comitato unico di garanzia di UniCa, spiega: “Tenere viva l’attenzione di tutta la comunità d’ateneo - personale docente e ricercatore, personale tecnico amministrativo e bibliotecario, corpo studentesco - sul tema della diffusione di una cultura improntata sui principi dell’equità, dell’intersezionalità, dell’inclusione, della valorizzazione delle differenze”.

25 November 2022

CAREER DAY 2023

Il 12 e il 13 gennaio 2023 sono in calendario le due giornate organizzate dall’Università di Cagliari con l’Assessorato regionale del Lavoro e con l’Agenzia sarda per le politiche attive del lavoro (Aspal) per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Da una parte laureati/e, studenti e studentesse di UniCa e dall’altra le imprese del territorio impegnate nella ricerca di giovani preparati per garantire un apporto innovativo alle esigenze aziendali presenti e future

25 November 2022

L’Università di Cagliari verso l’award ''HR Excellence in Research''

Lunedì 5 dicembre 2022 nell’aula magna del rettorato il seminario istituzionale per presentare la strategia dell’ateneo e il lavoro della Struttura interna e della Cabina di regia che soprintendono a tutte le fasi di attuazione della Human Resources Strategy for Researchers (HRS4R) per ottenere il riconoscimento ufficiale dalla Commissione Europea. Ospiti e relatori dell'evento il professore emerito Fulvio Esposito (Università di Camerino) e la dottoressa Chiara Biglia (Politecnico di Torino)

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie