UniCa UniCa News News LA GUERRA PARALLELA. Il cinema e il primo conflitto mondiale

LA GUERRA PARALLELA. Il cinema e il primo conflitto mondiale

Da giovedì 8 novembre al via nella rinnovata Sala Nanni Loy di via Trentino la rassegna cinematografica per studenti universitari. L’Ersu di Cagliari propone, per il centenario dalla fine della Grande Guerra, un ricco programma con proiezioni di film e documentari, anche inediti, accompagnati da musica dal vivo e seminari di studio in collaborazione con il Dipartimento di Storia, Beni culturali e Territorio del nostro Ateneo
07 November 2018
Si inizia l'8 novembre con "Scene di guerra alpina" (1915) e "Maciste alpino" (1916) con l'accompagnamento musicale del gruppo "Swing Quartet"

La sala Nanni Loy di via Trentino, storico locale dell’Ersu di Cagliari, riprende le attività dopo un lungo periodo di chiusura per lavori di manutenzione e per i necessari adeguamenti normativi sulla sicurezza. La sala, restituita così alle studentesse e agli studenti del nostro ateneo, riprende il suo ruolo meritevole di centro culturale cittadino di riferimento della vita universitaria e sociale.

  
Cagliari, 6 novembre 2018
Ivo Cabiddu

 
In attesa della programmazione 2019, tra le iniziative inaugurali del nuovo anno accademico, il 23 ottobre si è svolta una giornata dedicata al regista Nanni Loy, dall’1 al 4 novembre la seconda parte del Festival del cinema Crueza de Mà ed è ora la volta della rassegna di film commemorativi, dal titolo “La guerra parallela. Il Cinema e il primo conflitto mondiale”, in occasione del centenario dalla conclusione della Grande Guerra.
  
FILM E MUSICA. Il ciclo di incontri prevede un calendario di otto giornate, tra l'8 novembre e il 14 dicembre, ad ingresso gratuito e libero fino ad esaurimento dei posti, con seminari e proiezioni di film, molti dei quali mai proiettati in Sardegna e uno ancora inedito in Italia. Tra le preziose opere proposte, ritrovate e restaurate in questi anni di commemorazioni, sono compresi alcuni film muti - J’accuse di Abel Gance, Maciste alpino e Scene di guerra alpina - che saranno accompagnati con musica dal vivo eseguita dallo Swing Quartet (pianoforte Paolo Carrus, contrabbasso Corrado Salis, clarinetto e sax Marco Argiolas, batteria Alessandro Garau) e dagli studenti del Conservatorio di Cagliari coordinati dal professor Alessandro Olla.
 
ORGANIZZAZIONE. La rassegna promossa dall’Ente Regionale per il Diritto allo Studio (Ersu) di Cagliari, è realizzata in collaborazione con l’Università di Cagliari, Dipartimento di Storia, Beni culturali e Territorio, il Conservatorio Giovanni Pierluigi da Palestrina, l’Associazione Sardinia Pro Arte e il critico cinematografico Giuseppe Ghigi.
 
INFO. Per informazioni è possibile rivolgersi a Marta Cuccuru, Ufficio attività culturali, via Trentino, email macuccuru@regione.sardegna.it.

 

PROGRAMMA DELLA RASSEGNA

 
Giovedì 8 novembre, Sala Nanni Loy, ore 20.30

IL CORPO DELLA NAZIONE / IL CORPO DELL’ALPINO
Introduce: Denis Lotti

- Scene di guerra alpina (1915) di Luca Comerio - durata: 15’
Copia restaurata dalla Fondazione Cineteca di Bologna

- Maciste alpino (1916) di Luigi Maggi e Luigi Romano Borgnetto
con la supervisione di Giovanni Pastrone - durata: 97’
Copia restaurata dal Museo Nazionale del Cinema di Torino e dalla Biennale di Venezia

Film accompagnati da musica dal vivo con lo Swing Quartet (pianoforte Paolo Carrus, contrabbasso Corrado Salis, clarinetto e sax Marco Argiolas, batteria Alessandro Garau). 

   
 
 
Venerdì 9 novembre, Sala Nanni Loy, ore 20.30
L’ELABORAZIONE DEL LUTTO
Introduce: David Bruni

- Befana di guerra (1915) di Caramba - durata:7’
Copia restaurata dalla Cineteca di Bologna in collaborazione con CNC ? Service des Archives du Film.

- All’ovest niente di nuovo (All Quiet on the Western Front, 1930) di Lewis Milestone - durata: 116’
In originale con sottotitoli italiani
  
 
 
Giovedì 22 novembre, Sala Nanni Loy, ore 18.00
NARRARE LA GUERRA
Introduce: Luca Giuliani.
 
- Seminario: Morire per finta “dal vero”
Intervengono Giuseppe Ghigi, Luca Lecis, Stefano Pisu, Luca Giuliani

- Come vincere la guerra (2018) di Roland Sejko - durata: 50’
Prodotto da Istituto Luce Cinecittà, con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri
 
 
 
Martedì 27 novembre, Università di Cagliari
Aula multimediale 5, Facoltà di Studi Umanistici, ore 10.00

FILMARE LA GRANDE GUERRA
  
- Seminario: Il materiale d’archivio e le fonti della storia
Conducono: Antioco Floris, Giuseppe Ghigi
 
- Proiezione del documentario (versione originale, in anteprima italiana) L’héroïque cinématographe. Comment filmer la Grande Guerre? (2010) di Laurent Véray e Agnès de Sacy - durata: 50’

 
 
 
Mercoledì 28 novembre, Sala Nanni Loy, ore 18.00
LA GUERRA DEL “NEMICO”
Introduce: Antioco Floris

- Westfront (Westfront 1918, 1930) di George Wilhelm Pabst - durata: 96’ 
 
 
 
Giovedì 29 novembre, Sala Nanni Loy, ore 20.30
ADDIO A TUTTO QUESTO
 
- Seminario: La memoria e le narrazioni del conflitto
Intervengono: Stefano Pisu, Luca Lecis, Giuseppe Ghigi, Rita Ladogana

- Proiezione di uno spezzone di Le Film du Poilu (1928) di Henri Desfontaines.

- Charlot soldato (Shoulder Arms, 1918) di Charlie Chaplin. durata: 46’

 
 
 
Giovedì 13 dicembre, Sala Nanni Loy, ore 20.30
FRONTI POLITICI
Introduce: Pia Brancadori

- Uomini contro (1970) di Francesco Rosi - durata: 97’

 
 
 
Venerdì 14 dicembre, Sala Nanni Loy, ore 20.30
FRONTI D’AMORE
Introduce: Stefano Pisu
 
- J’accuse (1918?1919) di Abel Gance - durata: 112’
Copia restaurata da Lobster Films Eye e Narodni Film Archive

Film muto accompagnato da musica dal vivo con le studentesse e gli studenti della classe di composizione musicale Elettroacustica del Conservatorio “Giovanni Pierluigi da Palestrina”, coordinati dal professor Alessandro Olla.

 
 
 

LA GUERRA PARALLELA, locandina della rassegna cinematografica
LA GUERRA PARALLELA, locandina della rassegna cinematografica

SALA NANNI LOY

Sorto agli inizi degli anni Novanta nei locali della ex mensa della Casa dello Studente di via Trentino, lo spazio è attrezzato con un ampio palcoscenico, schermo cinematografico, 149 posti a sedere, grandi camerini e cabina di proiezione.

La Sala Nanni Loy dispone anche di uno spazioso atrio in cui è possibile allestire mostre o altre iniziative
La Sala Nanni Loy dispone anche di uno spazioso atrio in cui è possibile allestire mostre o altre iniziative

Links

Last news

23 January 2020

Master internazionale avanzato in tecnologie Smart Grid

L'Ateneo di Cagliari, l'Università di Cipro e l'Università di scienze applicate della Macedonia occidentale (Grecia) grazie al Progetto MOST di Erasmus+ lanciano un programma di specializzazione, mirato e altamente competitivo, nel campo delle tecnologie rinnovabili, fotovoltaiche e delle reti intelligenti. Tutti i dettagli sul sito www.smartgridsmaster.eu

23 January 2020

Monifive, tecnologia avanzata a favore della collettività

Il brillante progetto dei ricercatori dell’Università di Cagliari risponde con efficacia a esigenze reali e quotidiane. Dalla sicurezza alla gestione di luoghi, eventi pubblici e acqua. “Le tecnologie Internet of things e Blockchain, il segnale 5G con il piazzamento dei dispositivi di sensing offrono informazioni trasversali nel pieno rispetto della privacy” spiega Luigi Atzori  a capo degli studi e responsabile del laboratorio di Multimedia and communications

22 January 2020

Canne e alghe? Utili alla spiaggia

Su “L’Unione Sarda” l’intervento di Sandro Demuro, docente di Morfodinamica e conservazione dei litorali, a proposito della Posidonia oceanica e delle canne depositate sulla spiaggia del Poetto. Uno strumento utilissimo per comprendere le dinamiche e i fenomeni in atto, con l’Ateneo che conferma il suo ruolo guida nella disseminazione e nella divulgazione della ricerca scientifica. In una parola, la Terza missione

21 January 2020

La cucina incontra la scienza

TERZA MISSIONE: Germano Orrù, ordinario di Scienze tecniche mediche applicate al Dipartimento di Scienze chirurgiche, Alessandra Scano e Sara Fais, borsiste di ricerca di UniCa, intervengono mercoledì 22 gennaio a Sant’Antioco ad un seminario sugli alimenti funzionali della tradizione sarda nell’ambito di un progetto attivato dall’Istituto Professionale Enogastronomico IPIA “Emanuela Loi”. Grazie alla ricerca scientifica, crescono la sinergia con le scuole e l'interazione con il territorio

Questionnaire and social

Share on: