Dal lavoro minorile al prelievo organi, dall’usura allo sfruttamento prostituzione e accattonaggio. Lunedì 5 novembre a Cagliari un incontro di formazione e riflessione con gli studenti universitari su tutte le moderne forme di schiavitù, violenza e terrorismo psicologico
05 November 2018
Giornata di incontro per gli studenti organizzata dalla Regione Sardegna con l'Università degli Studi di Cagliari

Cagliari, 23 ottobre 2018 (IC) - Lunedì 5 novembre, alle 15:30, nell’aula magna Maria Lai dell’Università di Cagliari, in via Nicolodi 104, è in agenda una giornata di sensibilizzazione e dialogo con gli studenti universitari sul tema della lotta alla tratta degli esseri umani.

L’INIZIATIVA

Organizzato dalla Regione Sardegna in collaborazione con l’Ateneo di Cagliari, l’appuntamento prevede la partecipazione della Congregazione Figlie della Carità di San Vincenzo De’ Paoli e dell’Associazione Fight for Children’s Rights network, istituzioni impegnate da tempo in Sardegna con azioni di prevenzione e protezione dei diritti delle vittime di tratta.
 
Obiettivo dell’incontro pomeridiano è inquadrare il fenomeno, anche alla luce dei recenti flussi migratori che ne hanno aggravato l’entità, e coinvolgere in un dibattito i giovani studenti affinché siano maggiormente consapevoli del problema, delle sue cause e dei suoi drammatici effetti, e di ciò che viene realizzato a livello regionale per difendere vittime e potenziali vittime. In particolare l’iniziativa si inserisce nel quadro delle azioni che la Regione Sardegna realizza in attuazione del Piano regionale per l’accoglienza dei flussi migratori non programmati, del quale una specifica sezione è dedicata alle moderne forme di schiavitù, che ricorrono al terrorismo psicologico e alla violenza fisica per soggiogare le vittime. La tratta di esseri umani è infatti un problema complesso, che tocca differenti ambiti quali, ad esempio, lo sfruttamento della prostituzione e l’usura, il lavoro minorile e la tratta di minori, il prelievo di organi e l’accattonaggio.

IL PROGRAMMA

L’apertura dei lavori, introdotti e moderati dai ricercatori Barbara Barbieri e Nicola Melis, è indicata alle 15,30 con i saluti della professoressa Alessandra Carucci - Prorettore all’internazionalizzazione dell’Università di Cagliari - e del professor Mariano Porcu, direttore del Dipartimento di scienze sociali e delle istituzioni. Dopo la proiezione del documentario “Princess”, a cura della regista Stefania Muresu, seguirà una tavola rotonda con gli interventi di Fidelia Aigbedo (mediatrice culturale dell’Unità di Strada), “Testimonianza di un percorso di speranza: dalla Nigeria all’Italia”, Corinne Vigo (operatrice progetto Elen Joy) “I programmi di protezione per le vittime di tratta in Sardegna”, Marco Basile (dirigente Squadra Mobile di Cagliari) “Le Istituzioni al servizio del contrasto del fenomeno dello sfruttamento”, Enzo Floridia (presidente Commissione Territoriale di Cagliari) “L’identificazione delle vittime di tratta tra i richiedenti protezione internazionale”, Fabio Cruccu (presidente associazione F4CN Network) “I minori vittime della tratta e dello sfruttamento nell’attuale crisi dei rifugiati” e Cornelia I. Toelgyes (freelance e vicedirettore di Africa ExPress) “La tratta e i Paesi d’origine”. In conclusione, alle 17,30 un dibattito con l’intervento di Filippo Spanu, Assessore regionale agli Affari generali.

clicca per ingrandire (per scaricare la locandina in formato PDF vedi link a fondo pagina)
clicca per ingrandire (per scaricare la locandina in formato PDF vedi link a fondo pagina)

Attachments

Last news

28 May 2022

Così sopravvive il super batterio anti-radiazioni

Dallo studio guidato dai ricercatori dell’Università di Cagliari Dario Piano e Domenica Farci e realizzato da un network internazionale di studiosi arriva nuova luce su un organismo capace di resistere ad una dose di radiazioni gamma 15mila volte superiori a quelle sufficienti ad uccidere un uomo. Possibili applicazioni in biomedicina per lo sviluppo di antibiotici di nuova generazione e nelle nanotecnologie per lo sviluppo di nuovi biomateriali. RASSEGNA STAMPA

28 May 2022

Economia, ecco cosa ci ha insegnato la crisi

Dalla presentazione del Rapporto CRENoS gli spunti per la ripresa. Emergono alcuni insegnamenti: la dimensione piccola delle imprese espone a maggiori rischi, ma anche una elevata specializzazione produttiva aumenta il rischio. Va poi tenuta in considerazione l’importanza dei servizi pubblici, non solo sanitari. C’è, infine, un disallineamento delle competenze. “Tutto ciò è risaputo, ma non sempre chi disegna le politiche economiche sembra esserne consapevole”, ha avvertito Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica dell’Università di Sassari e coordinatore del Rapporto 2022. RASSEGNA STAMPA

28 May 2022

Storia, ricerca, anatomia: lo straordinario pregio delle cere di Clemente Susini

Fiore all'occhiello dell'ateneo, ospitate in CIttadella dei musei e patrimonio dell'Università di Cagliari, sono state visitate da una delle massime autorità mondiali del settore, Amy Ladd. "Opere assolutamente spettacolari e inarrivabili" ha detto stamani la docente a Stanford e chirurgo ortopedico a Palo Alto. La scienziata è stata accompagnata da Alessandro Riva, Luciano Colombo e Francesco Loy

27 May 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS. RASSEGNA STAMPA

Questionnaire and social

Share on: