Impegnati nel progetto di monitoraggio, informazione e prevenzione della fetopatia alcolica anche i reparti di neonatologia dell'Azienda Ospedaliera Universitaria e della Regione insieme al Centro per il trattamento dei disturbi correlati ad alcol e gioco d'azzardo patologico della ASSL di Cagliari
09 August 2018
Anche l'Università di Cagliari promuove la campagna internazionale di sensibilizzazione sulla FASD

Ivo Cabiddu
 
Il 9 settembre si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale della Sindrome Feto-alcolica (Fetal alcohol spectrum disorders, FASD). La manifestazione consiste generalmente in eventi informativi sui gravi danni alla salute dei bambini provocati dall’assunzione di alcolici da parte delle donne in gravidanza o durante l’allattamento. A Cagliari un concorso con premiazioni finali in piazza Garibaldi.

In 35 diverse nazioni l'appuntamento coinvolge ottanta organizzazioni, mediche e sociali, che promuovono la campagna internazionale di sensibilizzazione sulla FASD. Per capire la portata del problema i numeri forniti dal coordinamento risultano molto significativi: si calcola che l'1% della popolazione mondiale, circa 70 milioni di persone, soffra di disturbi che rientrano nello spettro dei disordini feto-alcolici. Ciò come conseguenza dell'esposizione all’alcol durante la vita prenatale: appare perciò chiaro come tale situazione sia del tutto prevenibile se sostenuta da corretta informazione e supportata da divieto assoluto di alcol.
 
In questo ambito è impegnato già da tempo il Centro per il trattamento dei disturbi correlati ad alcol e gioco d'azzardo patologico del Dipartimento Salute Mentale della ASSL di Cagliari, diretto dalla dottoressa Graziella Boi, che dal 2014 porta avanti un progetto regionale di monitoraggio,informazione e prevenzione della fetopatia alcolica. Il progetto coinvolge le divisioni di ginecologia e ostetricia della Sardegna, nonché le neonatologie della Regione e dell'Azienda Ospedaliera Universitaria che per la giornata annunciano l'iniziativa di un concorso dedicato a neomamme e future madri in collaborazione con l'onlus Cui Prodest. L'invito (vedi locandina in basso a destra) è di spedire, entro mezzogiorno del 9 settembre, via email a assoc.cuiprodest@tiscali.it oppure via sms al 342.1307559, una frase "che esprima quanto gli vuoi bene". Nella stessa giornata del 9 settembre è prevista a Cagliari, in piazza Garibaldi, la premiazione delle cinque frasi più significative.


ult. agg.to: venerdì 10 agosto 2018

DA SAPERE

Le raccomandazioni dell’Istituto Superiore della Sanità precisano che: 1) durante la gravidanza non ci sono quantità di alcol che possano essere considerate sicure o prive di rischio per il feto; 2) per il feto è nocivo il consumo di qualsiasi bevanda alcolica senza differenze di tipo o di gradazione; 3) l’alcol è una sostanza tossica che passa attraverso la placenta e raggiunge il feto alle medesime concentrazioni di quelle della madre; 4) il feto non ha la capacità di metabolizzare l’alcol che quindi nuoce direttamente alle cellule cerebrali e ai tessuti degli organi in formazione.

Clicca per ingrandire la locandina del concorso
Clicca per ingrandire la locandina del concorso

Last news

18 October 2021

Campus, Parco, Città: un progetto per l’Università di Cagliari

Lunedì 18 ottobre alle 18 alla presenza del Rettore Francesco Mola e del Sindaco Paolo Truzzu la presentazione del volume di Francesco Cherchi e Marco Lecis che ridisegna gli spazi universitari (e non solo) di viale Sant’Ignazio a Cagliari, nell'ambito di un progetto realizzato in perfetta sinergia tra la Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche e il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura. Un'occasione di studio e confronto proiettata sul futuro del nostro Ateneo

18 October 2021

Il Museo di Zoologia apre le sue porte per i 400 anni di UniCa

Martedì 19 ottobre alle 10, la Facoltà di Biologia e Farmacia organizza una visita guidata alle preziose collezioni zoologiche conservate nel complesso di Ponte Vittorio. L'evento sarà introdotto dalle docenti Rita Cannas e Susanna Salvadori. Le raccolte, recentemente riorganizzate e curate in una nuova esposizione, comprendono alcune migliaia di esemplari di notevole interesse storico, scientifico e didattico

Questionnaire and social

Share on: