Teachings

Select Academic Year:     2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022 2022/2023
Professor
IGNAZIO PIRAS (Tit.)
Period
Second Semester 
Teaching style
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Course Curriculum CFU Length(h)
[70/77]  CHEMICAL ENGINEERING [77/00 - Ord. 2016]  PERCORSO COMUNE 6 60

Objectives

The course aims to arouse the students' curiosity and sensitivity to the issues related to industrial safety. The course also aims to provide the essential tools so that the student can face, on subsequent occasions, more specific and less superficial investigations.
In particular, the topics will help the student reaching skills as:
-Knowledge and understanding - Have a basic knowledge of industrial risk analysis, as well as on the possible causes of environmental damage, and on the related regulations. Learn techniques for the identification of hazards and risk control
-Making judgments - Make a correct analysis to identify technical problems that occur in professional practice, propose possible methods of solution. Be able to use his own judgment to operate in case of unforeseen situations, technical uncertainty and incomplete information.
- Communication skills - Knowing how to communicate information, ideas, problems and solutions to both specialist and non-specialist.

Prerequisites

The successful attendance of the course assumes knowledge of basic sciences of chemistry, organic chemistry, basic concepts on transport phenomena, chemical and dynamic systems and industrial process control.

Contents

Norme per la sicurezza industriale e l’igiene del lavoro: Costituzione, codice penale, codice civile, DPR 547/55, DPR 303/56, Dlgs 277/92, DPR 1124/66, Legge 833/78,Dir.82/501/CE, DPR 175/88, DPR 334/99, DPCM 31/3/89, DLgs 81/08, DLgs 242/96.
La nocività nell’ambiente industriale: Fondamenti di tossicologia, vie di penetrazione, metabolismo ed effetti sull’organismo, analisi dose/risposta, probit, stima delle conseguenze, valori limite ambientali e biologici, cancerogenesi, classificazione dei cancerogeni, liste dei cancerogeni, prevenzione. Altri fattori di nocività non acuta: rumore e vibrazioni; microclima. Interazione fra i vari fattori di nocività
Analisi del rischio industriale – Il rischio nell’industria di processo; scopi e strumenti delle politiche di sicurezza; gli infortuni e le malattie professionali; il fenomeno infortunistico, gli indici di frequenza, i dati statistici; i costi degli incidenti; l’accettabilità del rischio; natura e meccanismo degli incidenti.
Strumenti per la valutazione delle conseguenze – Rilasci, modelli sorgenti, modelli di dispersione; incendi, definizioni e concetti di base, gli inneschi, l’elettricità statica, l’autoaccensione; esplosioni, deflagrazione e detonazione, esplosioni di gas e polveri. Esplosioni di nubi di vapore (confinate e non confinate); il Bleve. Conseguenze degli incidenti, radiazioni termiche, sovrapressioni, onda d’urto, proiezioni di schegge.
Tecniche di controllo dei rischi – Il controllo dei rischi, layout, bonifica, controllo dell’elettricità statica, ventilazione, sistemi automatici di intervento, soppressione delle esplosioni, rilascio della pressione, dimensionamento degli sfiati, le torce. I piani di emergenza interna; l’emergenza nel territorio.
Analisi dei rischi rilevanti e affidabilità di componenti e sistemi – L’identificazione dei pericoli; PHA, checklists, procedure di indicizzazione, metodo Dow,, indicizzazione ex DPR 175; Hazop, FMEA, event trees, alberi di guasto, determinazioni qualitative, determinazioni quantitative. Guasti; curve di densità di guasto, probabilità cumulativa di guasto, sopravvivenza; distribuzione binomiale, di Poisson, esponenziale; distribuzione normale; il teorema di Bayes; la riparabilità; analisi di Markov.

Teaching Methods

The course involves 60 hours of lessons

Verification of learning

Only an oral exam is planned for this course

Texts

testo: Daniel A. Crowl, Joseph F. Louvar: “Chemical Process Safety: Fundamental with applications”, Prentice Hall Englewood Cliffs, New Jersey, 1990.

Ulteriori dispense ed appunti sono messi a disposizione dal docente durante il corso.

More Information

Dispense, appunti e altri riferimenti bibliografici.

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie