Dipartimento di Giurisprudenza

La tesi per la laurea magistrale e per la laurea quadriennale deve essermi richiesta con largo anticipo (almeno otto mesi) rispetto alla data presunta di discussione. Ancor prima di concordare l’argomento lo studente può effettuare brevi ricerche bibliografiche al fine di potermi proporre diversi argomenti di suo interesse, salva la mia verifica circa l’interesse generale dell’argomento e la fattibilità del suo approfondimento in sede di tesi. Una volta concordato l’argomento, lo studente deve ricercare la bibliografia e la giurisprudenza più rilevante sul tema affidato procedendo da quella indicata nel Trattato breve di diritto penale diretto da Cocco e Ambrosetti (v. curriculum), e nei manuali più accreditati e diffusi: Antolisei;  Fiandaca-Musco; Fiore; Mantovani; Marinucci-Dolcini-Gatta; Pagliaro; Palazzo; Pulitanò; De Francesco; De Vero; Manna; Canestrari-De Simone-Cornacchia), nelle voci delle enciclopedie in materia giuridica (Digesto discipline penalistiche, Enciclopedia giuridica Treccani, Enciclopedia del diritto, Novissimo digesto, etc.). Lo studente deve inoltre consultare, al fine di individuare la giurisprudenza e la letteratura più recenti,  le ultime annate delle riviste di dottrina in materia penalistica cartacee e/o (oggi prevalentemente) online (L’Indice penale, Rivista italiana di diritto e di procedura penale, Diritto penale contemporaneo-Rivista trimestrale, Legislazione penale, Rivista trimestrale di diritto penale dell’economia, Giustizia penale, Diritto penale e processo, Penale. Diritto e Procedura, Archivio penale, etc.; o che contengano settori penalistici: Responsabilità civile e previdenza, Giurisprudenza italiana, Foro italiano, etc.) e quelle di aggiornamento giurisprudenziale (Cassazione penale, Rivista penale, Diritto e giustizia, Guida al diritto, etc.), nonché i repertori cartacei e online. Sui temi oggetto di mie pubblicazioni la lettura delle stesse costituisce una utile base per l’indagine e l’individuazione dei materiali.

Alla prima lettura dei materiali di base deve seguire la immediata stesura di una ampia bibliografia e di una bozza di schema del lavoro da effettuarsi, che debbono essere discussi con me all’avvio della elaborazione. Durante lo svolgimento del lavoro lo studente deve sottopormi gli stati di avanzamento del lavoro per un agile confronto sulle tesi di fondo e sul metodo seguito.

Prima del deposito lo studente deve sottopormi il lavoro completato e ottenere da me un consenso formale e subito dopo il deposito deve portarmi copia della tesi depositata per una ultima discussione sul contenuto e sulle conclusioni raggiunte.

La autorizzazione per il deposito della tesi deve essermi richiesta entro le ultime lezioni o l’ultimo appello d’esami che precedono la scadenza del termine per il deposito, in particolare chi intende laurearsi nella prima sessione di settembre deve chiedere l’autorizzazione entro l’ultimo appello di luglio, previa consegna dell’elaborato in fase avanzata di preparazione.

Questionnaire and social

Share on: